NO HAY DETOUR | procedura di riavvio Detour 2.0

January 11, 2014 in Uncategorized by cinedetour


SABATO 18  ore 20.00

no hay detour

Procedura di riavvio Detour 2.0

b-side cinema | musica e fumetti live | mostre | web radio | azionismo underground 

+ proiezione del cult film “Detour” di Edgar G. Ulmer

NO HAY DETOUR, There is no screen, no projector, no seats, il n’y a pas de cinema!
This is all… a video recording. NOY HAI DETUOR, and yet we see the movie and we hear the orquestra.

“That’s the greatest cock-and-bull story I ever heard. So he fell out of his car? Say, who do you think you’re talking to? A hick? Listen mister, I’ve been around, and I know a wrong guy when I see one. What did you do? Kiss him with a wrench?”
Vera, Detour, E.Ulmer, 1945

NO-HAY-DETOUR

 

MAURO ANTONINI (The Artist Formerly Known as Manthomex) – MOSTRA TRE ANNI DI PICCIONCINEMA E PERFORMANCE DI DISEGNO LIVE
Piccion è un piccione speciale con il potere di comparire nei momenti focali di tutta la storia del cinema e si trova di volta in volta – o meglio di vignetta in vignetta – in situazioni che lo vedono in pericolo o pronto a fare amicizia con le icone del cinema classico e contemporaneo. Dal gennaio 2011 Piccion appare online ogni settimana in un webcomic disegnato tradizionalmente in bianco e nero “classico” dal titolo PICCIONCINEMA, ad opera di Mauro Antonini (The Artist Formerly Known as Manthomex) visionabile su http://piccioncinema.deviantart.com/ , http://mauroantonini.blogspot.com/ , http://www.facebook.com/pages/Mauro-Antonini/214591586048
In occasione dei tre anni di pubblicazione del webcomic PICCIONCINEMA il cineclub Detour verrà “Piccionizzato” con esposizione di tavole originali della serie, e riproduzioni in grande formato di alcune delle vignette L’autore, Mauro Antonini, sarà presente per tutta la durata dell’evento per performance con disegno live e per omaggiare il pubblico con sketch personalizzati e “on demand”.

piccioncinema4 piccioncinema3 piccioncinema2 piccioncinema1

 

ENEA TOMEI  – PRIVATE INVESTIGATIONS
Il primo reading/concerto/dj set sperimentale di crowd funding a sostegno della stampa della TRILOGIA DA NULLA.
Un diario esistenziale di suono, voce e musica. Una postazione del tutto simile a un dj set in cui mixer, iPad, mangia cassette e iPhone, costruiscono una colonna sonora costituita da scorie di brani elettronici, musica ambient, registrazioni domestiche su cui, come un flusso di pensieri, scorre la narrazione live del primo volume della trilogia: 100%MERDA. 

ARIRANG – PROVE TECNICHE DI TRASMISSIONE DI RADIO DETOUR
Prove tecniche di trasmissione di RadioDetour, la web station che cattura e rilancia in streaming voci, suoni ed istantanee dagli eventi che animano la sala di via Urbana: la nuova incarnazione di ARIRANG, l’esperimento do visivel ao invisivel di SERGIO SOZZO e LAURA SINCERI che porta in dote a No Hay Detour l’ultimo saluto ad uno spirito guida, rumore cosmico di fondo di ogni nostra comunicazione radio (electricity comes from other planets…): Lou Reed secondo Laurie Anderson, una lettura di Laura Sinceri.

BLASCO MOROZZO – P.H.A.K.E. MINIMAL SET
Progetto acustico folk-rock che prosegue nel solco dell’eredità dei Superfetazione, band seminale del sottobosco punk romano, fondata nel 1987, fra gli altri, da Corey Brennan (ex-Lemonheads).
P.H.A.K.E si esibisce dal vivo in contesti eterogenei, richiamando un seguito di curiosi e affezionati, a proprio agio sia nel calore alcolico di un pub di quartiere che nella cornice sofisticata del Macro, Museo d’Arte Contemporanea di Roma; sul palco di un rock-club così come in un cinema o in un’aula scolastica, a sonorizzare film muti e d’animazione. Una carica di energia live rinforzata dalla verve empatica del cantante Blasco Morozzo. 
Ballate dolenti e passionali, bagnate dal blues, animate da attitudine punk, nei brani originali Phake. Omaggi alla tradizione irlandese, al blues del delta e all’indie folk-rock nelle cover selezionate e ripercorse in forme innovative dalla band.

R’LYEH – JET SET ACUSTICO KRAUT/JAZZ ROCK
R’LYEH jet set – Una placida isola di oscillazioni Kraut-Rock ed echi Jazz-Noise
Personnel: Fabio Serafini alla chitarra elettrica e Alessio Brugiotti alle percussioni.

ore 22.45
proiezione del film

Detour

di Edgar G. Ulmer (Usa 1945, 67′ noir, english version sottotitoli in italiano)

detour_film2

Film oggetto di studio e di culto da parte dei più grandi cineasti, tra i quali Martin Scorsese, girato in 6 giorni e in due soli ambienti, Detour è considerato il capolavoro di Edgar G. Ulmer, già assistente di Friedrich Murnau, che, ispirandosi all’espressionismo tedesco, realizza una lenta, inesorabile, discesa all’inferno, con un film a metà strada tra il noir europeo e il poliziesco americano, utilizzando attori sconosciuti. Da incorniciare la sequenza finale filmata in un unico piano sequenza di 5 minuti. 

 

Cinemamme Gennaio

January 13, 2014 in Uncategorized by cinedetour

CINEMAMME

 ***

Ideato per la prima volta a Roma dall’associazione di volontariato Citta’ delle mamme, Cinemamme sbarca anche al Detour.

Da mercoledì 15 gennaio, con cadenza settimanale, alle ore 10:30 il Detour propone i titoli migliori del proprio programma mensile in versione “baby”:

luci soffuse, volume adeguato, possibilita’ di accedere in sala con il passeggino, fasciatoio e scalda biberon a disposizione.

Cinebar e caffetteria in funzione per pre e post visione. 

***

L’ingresso e’ riservato ai soci ARCI: i genitori devono sottoscrivere la tessera (8 €).

Per ogni tessera si ha diritto ad un ingresso omaggio.

Ingresso alla proiezione 5 euro.

Per info e prenotazioni: cinebimbi@gmail.com

 

 

Cinema militante | Colonialismo e censura

January 22, 2014 in Uncategorized by cinedetour


CINECLUB DETOUR VIA URBANA 107 – GIOVEDì 23 ore 21.00

CINEMA MILITANTE: COLONIALISMO E CENSURA

in collaborazione con Aude Fourel, videoartista e insegnante all’Università di St-Etienne (Francia)

 ore 21.30

Octobre à Paris

di Jacques Panijel (Francia 1962, 70’, versione francese sottotitoli in italiano)

octobre-a-paris

Qualche mese prima della fine della Guerra d’Algeria, il 17 ottobre 1961, un corteo di immigrati algerini che protesta pacificamente contro il coprifuoco selettivo e discriminatorio decretato dal prefetto Maurice Papon viene attaccato dalla polizia che spara sulla folla, scatena la caccia all’uomo, uccide a sangue freddo, getta cadaveri nella Senna. Nei mesi che seguono il massacro d’ottobre, Jacques Panijel, mostra in un film la vita quotidiana degli Algerini: nelle bidonville di Nanterre e Gennevilliers, gli arresti, il centro di tortura di rue de la Goutte d’or 28. Gira, con quelli che ne erano stati gli attori e sugli stessi luoghi, la preparazione e la partenza della manifestazione del 17 ottobre, resa con un montaggio d’archivio, foto e immagini filmate; poi le testimonianze: la macchina da presa torna sul percorso di coloro che sono stati arrestati, torturati, gettati nella Senna.

Dopo anni di copie sequestrate e proiezioni vietate dalla censura, nel maggio del ‘68 il film è proiettato al cinema Les Trois Luxembourg, insieme a La battaglia d’Algeri. Nel 1973, dopo uno sciopero della fame del regista René Vautier, il film ottiene un visto della censura, senza però essere distribuito. Nel 1981 alcune promesse di diffusione in televisione non hanno seguito. Le copie disperse di Octobre à Paris non sono visibili. Continua un’altra forma di censura subdola.

Nell’ottobre 2011, in occasione del cinquantenario della strage, le edizioni Montparnasse pubblicano il primo DVD di Octobre à Paris, ma il film non è citato nel Dizionario del Cinema Francese.

a seguire 

Afrique 50 intervista a René Vautier sul cinema militante (10′)

di  René Vautier (Francia 1956, 25’, versione francaise sottotitoli in italiano)

afrique_50

Nel 1949, René Vautier, giovane regista di 21 anni, resistente decorato della Croce di Guerra nel 1944, appena diplomato dell’IDHEC (Scuola Nazionale di Cinema di Parigi, oggi La Fémis) parte per la Costa D’Avorio con l’incarico di girare un documentario per conto della Lega per l’Istruzione (Ligue de l’enseignement). Vautier arriva lì per raccontare «quello che è vero» e decide di non servire gli interessi della propaganda ufficiale, filmando ciò che vede quotidianamente: la mancanza di medici e insegnanti, i crimini commessi dall’esercito francese e lo sfruttamento delle popolazioni colonizzate. Le autorità coloniali lo accusano di filmare senza l’autorizzazione dei governatori. Ricercato, ufficialmente espulso, fugge verso Bamako e filma clandestinamente, lungo un percorso di mille chilometri, tracce di oppressione e di repressione. Al termine di un viaggio di quasi un anno, grazie alla solidarietà di africani, pescatori bretoni, giudici e doganieri, Vautier riesce a tornare in Francia e a rimpatriare le pellicole del film, che vengono consegnate alla Lega per l’Istruzione e in seguito sequestrate dalla polizia. Nel corso di un interrogatorio, grazie a un sotterfugio, riesce a salvare 21 bobine positive sulle 60 girate per realizzare il montaggio di Africa 50. Africa 50 è il primo film francese dichiaratamente anticoloniale. Censurato dal 1950 al 1990, porterà 13 accuse a René Vautier e una condanna a un anno di carcere.

Oggi, grazie al prezioso lavoro di ricerca e traduzione di Aude Fourel, abbiamo finalmente la possibilità di vedere al Detour il film “proibito” di Jacques Panijel e Afrique 50 di René Vautier in versione francese con sottotitoli in italiano. 

 

Gennaio 2014

January 23, 2014 in Uncategorized by cinedetour

gennaio14__sugar_man_rodriguez

Cinema | Corsi e Laboratori | Esposizioni | Attività per bambini | Caffetteria & Bar | Musica | Video d’Arte e Teatro | Editoria indipendente | Web Radio

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.it – cinedetour@tiscali.it

 


VENERDì 3 – SABATO 4 ore 17.00 / 18.45 / 20.15 / 22.00
DOMENICA 5 ore 20.15 / 22.00
LUNEDì 6 ore 17.00 / 18.45 / 20.15 / 22.00
MARTEDì 7 ore 21.00
MERCOLEDì 8 ore 16.30 / 21.00
GIOVEDì 9 ore 16.30 / 21.00

FILM DEL MESE (in collaborazione con I WONDER PICTURES)

Searching for Sugar Man

di Malik Bendjelloul (Uk/Svezia/Sudafrica 2012, 86’, english version, sottotitoli in italiano)

Sugar_Man

Searching for Sugar Man è il racconto, incredibile ma vero, della carriera mancata di un’icona del rock degli anni’70 e della sua seconda vita, dopo un oblio durato trent’anni. Scoperto alla fine degli anni’60 in un bar di Detroit da due celebri produttori, convinti di aver trovato il nuovo profeta musicale della sua generazione, Sixto Rodriguez ha la possibilità di registrare le sue canzoni in sala d’incisione. Il disco che ne risulta è un vero capolavoro, degno del miglior Bob Dylan, ma anche un incomprensibile fiasco di vendite negli Usa. Ma nel Sud Africa dell’Apartheid, dove arriva clandestinamente, il disco di Rodriguez diventa una leggenda e la sua musica la colonna sonora dei giovani in lotta. All’insaputa dell’autore, che nel frattempo si ritira dalle scene. Finché, trent’anni dopo, due fan sudafricani decidono di mettersi sulle sue tracce, scoprire che fine ha fatto e cosa è andato storto. Oscar 2013 per il miglior documentario.   

 


VENERDì 10 ore 20.30

PALESTINA PER PRINCIPIANTI
SECONDA STAGIONE

“Sappiamo bene come la nostra libertà sia incompleta senza la libertà dei palestinesi.” Nelson Mandela, 1997 

Ciclo di incontri e proiezioni in collaborazione con Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese. Un ringraziamento a Valeria Belli e Livia Parisi.

ore 20.30 Introduzione a cura di Rete Romana Solidarietà con il Popolo Palestinese ore 21.00

Il compleanno di Laila (Laila’s birthday)

di Masharawi Rashid (Palestina 2008, 75′, arab vers sott in italiano) 

laila's_birthday

“Una giornata speciale: il compleanno della figlia Laila. Ma per il padre, un tassista ex giudice di Ramallah, con il pallino della correttezza e delle regole, sarà una giornata tutt’altro che speciale: anzi, di una normalità disperante, tra facinorosi, bombe, fanatici e mille equivoci e piccoli malaffari nella società palestinese. Insomma, ordinaria amministrazione… E’ una commedia amara quella che ci propone Rashid Masharawi, resa ancor più vera e surreale al tempo stesso dall’interpretazione del miglior attore palestinese contemporaneo, Mohammed Bakri (anche autore di documentari). Il film ha vinto diversi premi internazionali, da St. Louis a Singapore, e merita assolutamente di concludere la rassegna, con un sorriso liberatorio e di ‘sano’ ottimismo-pessimismo…”


SABATO 11 ore  21.00
DOMENICA 12  ore 16.30 / 21.00
LUNEDì 13 ore 18.00 / 20.00 / 22.00
IN COLLABORAZIONE CON CINECLUB INTERNAZIONALE DISTRIBUZIONE

Qui e là (Aquì e Allà)

di Antonio Mendez Esparza  (Spagna/USA/Messico 2012, 110’)

qui&la

QUI (Aquì) Pedro torna a casa in un piccolo villaggio di montagna a Guerrero, Messico, dopo aver lavorato per anni negli Stati Uniti. Ritrova le sue figlie cresciute e più distanti di quanto immaginasse. Sua moglie ha ancora lo stesso sorriso. Avendo messo da parte alcuni guadagni dai due viaggi negli Stati Uniti, Pedro spera di costruire adesso, finalmente, una vita migliore con la sua famiglia, ed anche di inseguire i suoi sogni insieme a quello di mettere su una band: i Copa Kings. E custodisce i momenti di vita quotidiana con la sua famiglia. LA’ (Allà) Gli abitanti del villaggio pensano che il raccolto di quest’anno sarà abbondante. C’è anche un buon lavoro in una città in crescita, ad un’ora di distanza. Ma i cittadini sono abituati ad una vita di insicurezza, ed il loro pensiero va spesso ai componenti delle famiglie o alle opportunità lontano dalla città, a nord del confine. Mentre lavora nei campi, Pedro incontra e inizia ad essere mentore di un ragazzo che sogna gli Stati Uniti. Quel posto in qualche modo sembra sempre molto presente, praticamente come se bussasse alla porta. “Qui e là” è una storia sulla bellezza della vita familiare, sui sentimenti e sull’unità della famiglia. Ma è anche una storia sulla speranza, i ricordi e la perdita di ciò che ci lasciamo alle spalle. Sito ufficiale: www.aquiyallafilm.com

 


MARTEDì 14 ore 20.45

INCONTRI DI CINEMA
serata con proiezione e dibattito a cura di ViSiOnI

“E’ buffo come i colori del mondo divengano veri soltanto quando uno li vede sullo schermo” (Alex in Arancia Meccanica, S. Kubrick, 1971)

Per il programma dettagliato e informazioni: http://forumcinema.blog.tiscali.it/
Per partecipare agli incontri è preferibile prenotarsi scrivendo a visioni@gmelies.it

 


MERCOLEDì 15 – GIOVEDì 16 ore 16.30 / 21.00
VENERDì 17 ore 18.30
SABATO 18 ore 16.30 / 18.30
DOMENICA 19 ore 18.30 – 20.30
MARTEDì 21 ore 21.00
MERCOLEDì 22 ore 16.30 / 21.00

IN COLLABORAZIONE CON I WONDER PICTURES

The Gatekeepers

di Dror Moreh  (Israele 2012, 110’) 

The_Gate_Keepers

Per la prima volta, sei ex responsabili dello Shin Beth, la potente e misteriosa agenzia di servizi segreti israeliana, si raccontano e riflettono in pubblico sulle loro azioni e decisioni, mettendo in luce le controversie e le polemiche che circondano l’Occupazione all’indomani della Guerra dei Sei Giorni.  Dal 1967, infatti, Israele non è riuscita a trasformare la propria schiacciante superiorità militare in una pace duratura. Durante più di quarant’anni, i capi dello Shin Beth si sono trovati nella “sala dei bottoni” della sicurezza nazionale israeliana, lavorando a stretto contatto con i primi ministri che si sono succeduti, influenzando enormemente il processo decisionale e le strategie politiche e militari dei vari governi. Difficile immaginare un film più tempestivo, più sconvolgente e rivelatore, talmente potente da intaccare e alterare per sempre il modo in cui percepiamo la realtà del medioriente e non solo. Selezione ufficiale al Sundance 2013, Telluride 2013, Toronto Film Festival e New York Film Festival 2012. http://www.thegatekeepersfilm.com/press-en.html


VENERDI’ 17 ore 20.45 / 22.30

**VENERDI’ 17 – DOPPIO SPETTACOLO HORROR**
Friday 17 – Horror Double Feature
due film paurosissimi al prezzo di uno! / two extra-scary movies for the price of one!

 ore 21.00 Black Rock

di Katie Aselton (Usa 2012, 78′ english version sottotitoli italiano)

black-rock-movie

Tre amiche d’infanzia decidono di trascorrere qualche giorno assieme in mezzo alla natura, accampandosi su un’isola disabitato al largo delle coste del Maine, nel tentativo di lasciarsi dietro i loro problemi personali e i reciproci rancori. Le tensioni sotterranee tra le protagoniste e l’incontro inaspettato con altri visitatori dell’isola scateneranno terribili conseguenze. Horror tutto al femminile dal ritmo mozzafiato e dal perfetto dosaggio degli ingredienti narrativi.

 

ore 22.30 The Last Will and Testament of Rosalind Leigh

di Rodrigo Gudiño (Canada 2013, 72′ english version sottotitoli italiano)

LastWill

A seguito alla morte improvvisa di sua madre, con cui non era più in contatto da molto tempo, il giovane Leon è costretto suo malgrado a far ritorno a casa, con l’unico scopo di inventariare e mettere in vendita i tanti strani oggetti accumulati nell’appartamento. Ben presto però inizia a percepire delle presenze misteriose, che mettono alla prova il suo equilibrio mentale e fanno riemergere terribili ricordi dal passato. Prima prova alla regia per il fondatore della rivista horror cult canadese  Rue Mourge. Un piccolo horror anti-convenzionale di grande fascino che basa  gran parte della sua forza sulla costruzione di un’atmosfera claustrofobica e perturbante.  

 


SABATO 18  ore 20.00

no hay detour

Procedura di riavvio Detour 2.0

b-side cinema | musica e fumetti live | mostre | web radio | azionismo underground 

+ proiezione del film “Detour” di Edgar G. Ulmer

NO HAY DETOUR, There is no screen, no projector, no seats, il n’y a pas de cinema!
This is all… a video recording. NOY HAI DETUOR, and yet we see the movie and we hear the orquestra.

“That’s the greatest cock-and-bull story I ever heard. So he fell out of his car? Say, who do you think you’re talking to? A hick? Listen mister, I’ve been around, and I know a wrong guy when I see one. What did you do? Kiss him with a wrench?”
Vera, Detour, E.Ulmer, 1945

NO-HAY-DETOUR

 

MAURO ANTONINI (The Artist Formerly Known as Manthomex) – MOSTRA TRE ANNI DI PICCIONCINEMA E PERFORMANCE DI DISEGNO LIVE
Piccion è un piccione speciale con il potere di comparire nei momenti focali di tutta la storia del cinema e si trova di volta in volta – o meglio di vignetta in vignetta – in situazioni che lo vedono in pericolo o pronto a fare amicizia con le icone del cinema classico e contemporaneo. Dal gennaio 2011 Piccion appare online ogni settimana in un webcomic disegnato tradizionalmente in bianco e nero “classico” dal titolo PICCIONCINEMA, ad opera di Mauro Antonini (The Artist Formerly Known as Manthomex) visionabile su http://piccioncinema.deviantart.com/ , http://mauroantonini.blogspot.com/ , http://www.facebook.com/pages/Mauro-Antonini/214591586048
In occasione dei tre anni di pubblicazione del webcomic PICCIONCINEMA il cineclub Detour verrà “Piccionizzato” con esposizione di tavole originali della serie, e riproduzioni in grande formato di alcune delle vignette L’autore, Mauro Antonini, sarà presente per tutta la durata dell’evento per performance con disegno live e per omaggiare il pubblico con sketch personalizzati e “on demand”.

piccioncinema4 piccioncinema3 piccioncinema2 piccioncinema1

 

ENEA TOMEI  – PRIVATE INVESTIGATIONS
Il primo reading/concerto/dj set sperimentale di crowd funding a sostegno della stampa della TRILOGIA DA NULLA.
Un diario esistenziale di suono, voce e musica. Una postazione del tutto simile a un dj set in cui mixer, iPad, mangia cassette e iPhone, costruiscono una colonna sonora costituita da scorie di brani elettronici, musica ambient, registrazioni domestiche su cui, come un flusso di pensieri, scorre la narrazione live del primo volume della trilogia: 100%MERDA. 

ARIRANG – PROVE TECNICHE DI TRASMISSIONE DI RADIO DETOUR
Prove tecniche di trasmissione di RadioDetour, la web station che cattura e rilancia in streaming voci, suoni ed istantanee dagli eventi che animano la sala di via Urbana: la nuova incarnazione di ARIRANG, l’esperimento do visivel ao invisivel di SERGIO SOZZO e LAURA SINCERI che porta in dote a No Hay Detour l’ultimo saluto ad uno spirito guida, rumore cosmico di fondo di ogni nostra comunicazione radio (electricity comes from other planets…): Lou Reed secondo Laurie Anderson, una lettura di Laura Sinceri.

BLASCO MOROZZO – P.H.A.K.E. MINIMAL SET
Progetto acustico folk-rock che prosegue nel solco dell’eredità dei Superfetazione, band seminale del sottobosco punk romano, fondata nel 1987, fra gli altri, da Corey Brennan (ex-Lemonheads).
P.H.A.K.E si esibisce dal vivo in contesti eterogenei, richiamando un seguito di curiosi e affezionati, a proprio agio sia nel calore alcolico di un pub di quartiere che nella cornice sofisticata del Macro, Museo d’Arte Contemporanea di Roma; sul palco di un rock-club così come in un cinema o in un’aula scolastica, a sonorizzare film muti e d’animazione. Una carica di energia live rinforzata dalla verve empatica del cantante Blasco Morozzo. 
Ballate dolenti e passionali, bagnate dal blues, animate da attitudine punk, nei brani originali Phake. Omaggi alla tradizione irlandese, al blues del delta e all’indie folk-rock nelle cover selezionate e ripercorse in forme innovative dalla band.

R’LYEH – JET SET ACUSTICO KRAUT/JAZZ ROCK
R’LYEH jet set – Una placida isola di oscillazioni Kraut-Rock ed echi Jazz-Noise
Personnel: Fabio Serafini alla chitarra elettrica e Alessio Brugiotti alle percussioni.

ore 22.45
proiezione del film

Detour

di Edgar G. Ulmer (Usa 1945, 67′ noir, english version sottotitoli in italiano)

detour_film2

Film oggetto di studio e di culto da parte dei più grandi cineasti, tra i quali Martin Scorsese, girato in 6 giorni e in due soli ambienti, Detour è considerato il capolavoro di Edgar G. Ulmer, già assistente di Friedrich Murnau, che, ispirandosi all’espressionismo tedesco, realizza una lenta, inesorabile, discesa all’inferno, con un film a metà strada tra il noir europeo e il poliziesco americano, utilizzando attori sconosciuti. Da incorniciare la sequenza finale filmata in un unico piano sequenza di 5 minuti. 

 


GIOVEDì 23 ore 21.00

CINEMA MILITANTE: COLONIALISMO E CENSURA
in collaborazione con Aude Fourel, videoartista e insegnante all’Università di St-Etienne (Francia)

Introduzione a cura di Aude Fourel

Octobre à Paris

di Jacques Panijel (Francia 1962, 70’, versione francese sottotitoli in italiano)

octobre-a-paris

Qualche mese prima della fine della Guerra d’Algeria, il 17 ottobre 1961, un corteo di immigrati algerini che protesta pacificamente contro il coprifuoco selettivo e discriminatorio decretato dal prefetto Maurice Papon viene attaccato dalla polizia che spara sulla folla, scatena la caccia all’uomo, uccide a sangue freddo, getta cadaveri nella Senna. Nei mesi che seguono il massacro d’ottobre, Jacques Panijel, mostra in un film la vita quotidiana degli Algerini: nelle bidonville di Nanterre e Gennevilliers, gli arresti, il centro di tortura di rue de la Goutte d’or 28. Gira, con quelli che ne erano stati gli attori e sugli stessi luoghi, la preparazione e la partenza della manifestazione del 17 ottobre, resa con un montaggio d’archivio, foto e immagini filmate; poi le testimonianze: la macchina da presa torna sul percorso di coloro che sono stati arrestati, torturati, gettati nella Senna.

Dopo anni di copie sequestrate e proiezioni vietate dalla censura, nel maggio del ‘68 il film è proiettato al cinema Les Trois Luxembourg, insieme a La battaglia d’Algeri. Nel 1973, dopo uno sciopero della fame del regista René Vautier, il film ottiene un visto della censura, senza però essere distribuito. Nel 1981 alcune promesse di diffusione in televisione non hanno seguito. Le copie disperse di Octobre à Paris non sono visibili. Continua un’altra forma di censura subdola.

Nell’ottobre 2011, in occasione del cinquantenario della strage, le edizioni Montparnasse pubblicano il primo DVD di Octobre à Paris, ma il film non è citato nel Dizionario del Cinema Francese.

a seguire 

Afrique 50 intervista a René Vautier sul cinema militante (10′)

di  René Vautier (Francia 1956, 25’, versione francaise sottotitoli in italiano)

afrique_50

Nel 1949, René Vautier, giovane regista di 21 anni, resistente decorato della Croce di Guerra nel 1944, appena diplomato dell’IDHEC (Scuola Nazionale di Cinema di Parigi, oggi La Fémis) parte per la Costa D’Avorio con l’incarico di girare un documentario per conto della Lega per l’Istruzione (Ligue de l’enseignement). Vautier arriva lì per raccontare «quello che è vero» e decide di non servire gli interessi della propaganda ufficiale, filmando ciò che vede quotidianamente: la mancanza di medici e insegnanti, i crimini commessi dall’esercito francese e lo sfruttamento delle popolazioni colonizzate. Le autorità coloniali lo accusano di filmare senza l’autorizzazione dei governatori. Ricercato, ufficialmente espulso, fugge verso Bamako e filma clandestinamente, lungo un percorso di mille chilometri, tracce di oppressione e di repressione. Al termine di un viaggio di quasi un anno, grazie alla solidarietà di africani, pescatori bretoni, giudici e doganieri, Vautier riesce a tornare in Francia e a rimpatriare le pellicole del film, che vengono consegnate alla Lega per l’Istruzione e in seguito sequestrate dalla polizia. Nel corso di un interrogatorio, grazie a un sotterfugio, riesce a salvare 21 bobine positive sulle 60 girate per realizzare il montaggio di Africa 50. Africa 50 è il primo film francese dichiaratamente anticoloniale. Censurato dal 1950 al 1990, porterà 13 accuse a René Vautier e una condanna a un anno di carcere.

Oggi, grazie al prezioso lavoro di ricerca e traduzione di Aude Fourel, abbiamo finalmente la possibilità di vedere al Detour il film “proibito” di Jacques Panijel e Afrique 50 di René Vautier in versione francese con sottotitoli in italiano. 

 


venerdì 24 ore 21.00
Friends in Rome & Detour present

CINE FRIENDS
The best Italian movies, not only pizza, spaghetti and mandolino…
All movies are shown in Italian with English subtitles. Serata di proiezione di cinema italiano sottotitolato in inglese.

h7.30 p.m. Meeting time and welcome drink A chance to socialize and network while mingling with an international crowd.

h9.00 p.m. Screening / proiezione Per il programma dettagliato, info e prenotazioni/ For further information and reservation please contact: cinedetour@tiscali.it

 


domenica 26 ore 16
Detour presenta

CINEBIMBI

Cinebimbi è la fabbrica dei sogni per i più piccoli. Al cinebimbi i  bambini posso condividere con i propri amici e coetanei la magia della visione cinematografica.
Detour selezionerà per loro i migliori titoli dell’animazione contemporanea e non.
E per i papà e le mamme cinebar e caffetteria in funzione durante le proiezioni.
L’ingresso e’ riservato ai soci ARCI: i genitori devono sottoscrivere la tessera. Per ogni tessera si ha diritto a un ingresso omaggio.

Ingresso alla proiezione 5 euro
Per info e prenotazioni: cinebimbi@gmail.com


MARTEDì 28 – MERCOLEDì 29 – GIOVEDì 30 ore 21.00

IN COLLABORAZIONE CON CINECLUB INTERNAZIONALE DISTRIBUZIONE 

The Parade – La sfilata

di Srdjan Dragojevic (Serbia, Germania, Ungheria, Slovenia, Croazia 2011, 115′) 

The_Parade_movie

Limun è un ex eroe di guerra serbo, un insegnante di judo e un macho delinquente e omofobo alla vigilia delle seconde nozze con Biserka, ragazzona appariscente dalla mente aperta e dall’animo non violento. Una serie di circostanze impongono a Limun di affidare l’organizzazione del matrimonio a Mirko e al suo partner Radmilo, un veterinario. IIn cambio del servizio, Limun e i suoi muscolosi sodali scorteranno la parata del gay pride, visto il rifiuto della polizia, per salvare i manifestanti da un pestaggio assicurato. Vincitore del Premio del Pubblico di Panorama del Festival di Berlino 2012. Vincitore del Premio del Pubblico al Festival GLBT di Torino 2012. Vincitore del Premio Amore e Psiche al MEDFILMFESTIVAL di Roma 2012. Campione d’incassi in Serbia, Croazia, Montengero, Bosnia e Macedonia.

________ 

LOGOTONDO_ombra

Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Caffé&Drink | Musica | Video d’arte | Teatro | Editoria indipendente

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997. All movies are screened in their original languages with italian subtitles

Ingresso riservato ai soci ARCI Primo ingresso con tessera associativa annuale: 8€ Ingresso alle proiezioni successive e alle attività: sottoscrizione minima 5€
Cineclub Detour è affiliato all’ARCI-UCCA e alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema)
Per il tesseramento è preferibile arrivare con almeno 15 minuti di anticipo prima dell’inizio dello spettacolo

For ARCI members only. Annual membership including first admission: 8€ Following admissions to screenings: 5€
Cineclub Detour is affiliated to ARCI-UCCA and to FICC
Please kindly arrive 15-20 minutes before the film starts to allow time needed for membership

Sostienici / Support Us

Seguici su /Follow us on:

 

Sabato 15 Febbraio – Minestrone alla romana… con BandaJorona

February 2, 2014 in Uncategorized by cinedetour

LOGOTONDO_ombra

 SABATO 15 dalle ore 19.00

MINESTRONE alla ROMANA

con BANDAJORONA

minestrone-alla-romana_small

Il 15 febbraio celebriamo
la Roma di accattoni e vagabondi
di pranzi immaginari e di abbuffate
del centro storico e delle borgate.
Si parte con un film che mette insieme
il buon Ninetto Davoli e Benigni.
C’è pure Franco Citti e Giorgio Gaber
mi raccomando: non prendere impegni!
Un mestolo di zuppa per ciascuno,
per togliere quel senso di languore,
e dopo cena Pino Calabrese:
amico, attore.
La sera poi ci sta BandaJorona
con voce, fisarmonica e chitarra
canzoni della mala e folk d’autore
farà ballare tutta la Suburra!
***
ore 19.00 Il Minestrone (ita 1981, vers. italiana, english sub.) di S. Citti – Prima parte
con Franco Citti, Ninetto Davoli, Roberto Benigni, Olimpia Carlisi, Giorgio Gaber
minestrone

Due pellegrini affamati partono da Roma verso il Nord, attraverso la campagna; lungo la strada altri si aggiungono a loro, ciascuno diverso dall’altro, ma accomunati dal bisogno di cibo. Scritta con Vincenzo Cerami, è una fiaba comico-poetica, dominata dallo sguardo dal basso del suo autore: distaccato, affettuoso, semplice eppur misteriosamente trasfiguratore. È lo sguardo di un anarchico epicureo che guarda il mondo come se per istinto (o antica saggezza?) sapesse già tutto.

***

ore 20.00 Minestrone hour (un piatto di zuppa non si nega a nessuno)

& READINGS (special guest: Pino Calabrese)

pino_calabrese

Pino Calabrese in oltre 35 anni di carriera ha lavorato in teatro con De Filippo, Proietti, Piera Degli Esposti, Montesano, partecipato a numerose serie televisive ed è stato diretto al cinema da Tornatore, Avati, Faenza, Martone, Corsicato, Bertolucci, Martinelli, Vicari. E’ stato anche interprete di commedie radiofoniche e docente di dizione, fonologia e public speaching per scuole private. Tra i film cui ha partecipato L’uomo delle stelle e La sconosciuta di Tornatore, Noi credevamo di Martone,Diaz di Vicari, I Vicerè di Faenza, Uno su due di Cappuccio, La seconda notte di nozze e Il figlio unico di Avati.

***

ore 21.00 II Minestrone di S.Citti (seconda parte, english sub)

***
ore 22.00 BANDAJORONA in concerto
BandaJorona

Chi nasce a Roma resta inevitabilmente permeato dallo spirito della sua città. Uno spirito che nel tempo si è espresso con mille modalità e con scenografie differenti: dalle mura dipinte delle osterie alle celle delle carceri cittadine, dai luoghi del turismo più becero ai palazzi di borgata, dai teatri risorti ai tinelli piccolo-borghesi. Epoche diverse, contesti e contenuti differenti, un popolo in continua trasformazione, che sa inglobare il diverso e mantenersi sè stesso: questo è il magma da cui BandaJorona fa emergere canti, melodie, “fattacci” narrati come gesta epiche, prese in giro del potere, canzoni romantiche e piene di nostalgia per qualcosa che, irrimediabilmente, va fuggendo.Un viaggio nella musica e nelle storie d’amore, carcere e coltello, espresso con la vena sanguigna e romantica della città di Roma, ma anche richiamando alla memoria, per la musica laziale, la straordinaria testimonianza di Graziella Di Prospero. La musica della BaandaJorona è ricordo, atto rinnovato di espressione politica e sociale, ma anche ricerca musicologica accurata, una scelta di arrangiamenti raffinati e al tempo stesso di grande impatto emotivo.
Bianca Giovannini (la Jorona) – voce | Piergiorgio Faraglia – chitarra, cori | Désirée Infascelli – mandolino, fisarmonica

***

ore 23.30 Il Minestrone di S. Citti (terza e ultima parte, english sub)


Associazione Culturale Detour ARCI – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.it – cinedetour@tiscali.it

Il programma potrebbe subire variazioni. Si prega di controllare sul sito o di scriverci per conferma.
Si consiglia di arrivare con almeno 15 minuti di anticipo per il tesseramento.

The dates and program indicated may be subject to change. Please check our website or write an email to request confirmation.
we recommend that you arrive at least 15 minutes early for membership.

Il presente messaggio viene inviato in accordo con le vigenti leggi sulla privacy.
Qualora non si desiderasse più riceverlo, annullare l’iscrizione direttamente da qui.

Febbraio 2014

February 2, 2014 in Uncategorized by cinedetour

cover_febbraio14

Cinema | Corsi e Laboratori | Esposizioni | Attività per Bambini | Cine Bar | Musica | Video d’Arte e Teatro | Editoria Indipendente | Web Radio

Associazione Culturale Detour ARCI – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.it – cinedetour@tiscali.it

Comunicazione riservata ai soci ARCI – Il programma può subire variazioni

 


feb14 > programma

 

A grande richiesta, tutte le domeniche (e non solo) di Febbraio

SABATO 1 ore 16.30 / 18.30
DOMENICA 2 ore 16.30 / 18.30 / 20.30
VENERDì 7 ore 16.00
DOMENICA 9 ore 18.30 / 20.30
DOMENICA 16  ore 18.30 / 20.30
DOMENICA 23 ore 16.30 / 18.30 / 20.30

IN COLLABORAZIONE CON I WONDER PICTURES

Searching for Sugar Man

di Malik Bendjelloul (Gb/Svezia/Sudafrica 2012, 86’, english version, sott. ita)

Sugar_Man

Searching for Sugar Man è il racconto, incredibile ma vero, della carriera mancata di un’icona del rock degli anni’70 e della sua seconda vita, dopo un oblio durato trent’anni. Scoperto alla fine degli anni’60 in un bar di Detroit da due celebri produttori, convinti di aver trovato il nuovo profeta musicale della sua generazione, Sixto Rodriguez ha la possibilità di registrare le sue canzoni in sala d’incisione. Il disco che ne risulta è un vero capolavoro, degno del miglior Bob Dylan, ma anche un incomprensibile fiasco di vendite negli Usa. Ma nel Sud Africa dell’Apartheid, dove arriva clandestinamente, il disco di Rodriguez diventa una leggenda e la sua musica la colonna sonora dei giovani in lotta. All’insaputa dell’autore, che nel frattempo si ritira dalle scene. Finché, trent’anni dopo, due fan sudafricani decidono di mettersi sulle sue tracce, scoprire che fine ha fatto e cosa è andato storto. Oscar 2013 per il miglior documentario.   

Searching for Sugar Man is a documentary film directed by Malik Bendjelloul, which details the efforts of two Cape Town fans in the late 1990s, Stephen ‘Sugar’ Segerman and Craig Bartholomew Strydom, to find out whether the rumoured death of American musician Sixto Rodriguez was true, and, if not, to discover what had become of him. Rodriguez’s music, which never took off in the United States, had become wildly popular in South Africa, but little was known about him there. In 2013, the film won the Academy Award for Best Documentary Feature at the 85th Academy Awards in Hollywood.

 


SABATO 1 ore 20.30 / 22.30
LUNEDì 10 ore 18.30 / 20.30

IN COLLABORAZIONE CON IL KINO DISTRIBUZIONE

Klip / Clip

di Maja Milos (Serbia 2012, 102′, serbian version, sott. ita, V.M.18)

Klip_Maja-Milos

Klip non è l’ennesimo racconto di formazione sulle complessità dell’adolescenza. Miloš ha composto un ritratto onesto e non giudicante di adolescenti sessualmente e socialmente confusi. Sessualmente esplicito ed emotivamente disturbante il film porta la sua esplorazione ai limiti e oltre. Jasna è una bella ragazza adolescente che affronta la sua difficile esistenza in una remota cittadina serba, registrando il mondo attorno a sé con la videocamera del suo telefono cellulare. Disillusa dalla propria vita, con una madre depressa e un padre malato terminale, si ribella a tutto, anche a sé stessa, lasciandosi dietro ogni inibizione. Mentre aumentano le assenze scolastiche, inizia a sperimentare con il sesso e le droghe, e trascorre il suo tempo senza alcun disegno apparente. Questa forma estrema di protesta, col tempo, l’aiuterà a venire a patti con la propria dolorosa realtà in una disperata ricerca della propria identità. Al suo primo lungometraggio, la regista Maja Miloš (1983) ci rivela il mondo degli adolescenti di oggi, ossessionati da immagini pornografiche, realtà virtuali e violenza soft, esplorando i confini incerti tra sesso e affetto, tra semplice scambio di piacere e vero amore, brutalità e tenerezza. Sopratutto, Klip passa in esame il rapido mutamento dei valori sociali e famigliari nella Serbia contemporanea, dove il distacco tra le generazioni appare estremo, tra tradizioni in via di dissolvimento e il senso di instabilità della morale contemporanea. Premiato all’International Film Festival Rotterdam 2012.

Clip is not another ‘coming-of-age’ story about the complexities of adolescence. Miloš has made an honest and non-judgmental portrait of teenagers caught in sexual and social turmoil. Sexually explicit and emotionally disturbing, it goes beyond borders and even further. Jasna is a beautiful girl in her mid-teens. Disillusioned by her life in a remote Serbian town with a dispirited mother and terminally ill father, she opposes everyone, including herself, and goes wild, experimenting with sex, drugs and simply killing time. But gradually, this desperate protest helps her come to terms with painful reality.In her first feature, Maja Miloš (1983) explores the disturbing state of adolescence as bravely and honestly as her protagonist explores herself. Isidora Simijonovic, also a debutant, gives a striking and fearless performance full of contrasts. Together they create a highly dynamic and vibrant portrait of wasted youth lost in the search for identity. Miloš sets this ‘classical’ coming-of-age story in the world of contemporary teenagers obsessed with pornographic images, virtual reality and soft violence, meanwhile exploring the blurring boundaries between sex and affection, simple pleasures and true love, brutality and tenderness. Above all, Clip examines the shifting family and social values in present-day Serbia, where the generation gaps are extreme, placing everyone between disintegrating traditions and uncertain contemporary morality. Winner of the Hivos Tiger Awards 2012 at the International Film Festival Rotterdam.  


LUNEDì 3 ore 18.00 / 20.30

IN COLLABORAZIONE CON CINECLUB INTERNAZIONALE DISTRIBUZIONE

The Parade – La sfilata

di Srdjan Dragojevic (Serbia, Germania, Ungheria, Slovenia, Croazia 2011, 115′, serbian vers. sott. ita) 

The_Parade_movie

Limun è un ex eroe di guerra serbo, un insegnante di judo e un macho delinquente e omofobo alla vigilia delle seconde nozze con Biserka, ragazzona appariscente dalla mente aperta e dall’animo non violento. Una serie di circostanze impongono a Limun di affidare l’organizzazione del matrimonio a Mirko e al suo partner Radmilo, un veterinario. IIn cambio del servizio, Limun e i suoi muscolosi sodali scorteranno la parata del gay pride, visto il rifiuto della polizia, per salvare i manifestanti da un pestaggio assicurato. Vincitore del Premio del Pubblico di Panorama del Festival di Berlino 2012. Vincitore del Premio del Pubblico al Festival GLBT di Torino 2012. Vincitore del Premio Amore e Psiche al MEDFILMFESTIVAL di Roma 2012. Campione d’incassi in Serbia, Croazia, Montengero, Bosnia e Macedonia.

Srdjan Dragojevic’s The Parade takes a comedic look at Serbia through the lens of one group’s fight to hold a Gay Pride parade in Belgrade. When a bulldog is shot, an improbable alliance develops. We meet Pearl and Mickey, a couple about to be married, and Mirko and Radmilo, a couple involved in the gay pride parade. Mirko happens to be Pearl’s wedding planner and Radmilo, his partner, turns out to be the veterinarian who saved Mickey’s dog’s life. After a lover’s quarrel, Mickey—who is less than accepting of gay pride—makes a deal to protect the participants in the parade in order to win Pearl back.


MARTEDì 4 ore 21
MERCOLEDì 5 ore 16.30 / 21.00
GIOVEDì 6 ore 16.30 / 21.00
MARTEDì 11 ore 18.30 / 21
MERCOLEDì 12 ore 16.30 / 18.30 / 21.00
GIOVEDì 13 ore 16.30 / 21.00

IN COLLABORAZIONE CON I WONDER PICTURES

Stop the Pounding Heart

di Roberto Minervini (Usa-Fra-Ita, 2013, 100′, english vers. sott. ita)

Stop-the_Pounding_Heart1

I Carlsons sono una famiglia di devoti cristiani, allevatori di capre nel Texas rurale. Il film, tra finzione e documentario, girato dall’italiano Minervini con attori non professionisti nei loro luoghi di vita reali, ci introduce ai loro dodici figli, educati in famiglia e cresciuti in una casa priva dei comfort della modernità. La più grande di loro, Sara, preoccupata per l’approssimarsi del suo matrimonio combinato, diventa amica di Colby, un cavaliere di rodeo dilettante. L’impraticabilità della loro relazione sentimentale porta Sara alla disperazione e le parole di conforto della madre diventano il titolo stesso del film (letteralmente “ferma il batticuore”) e suggeriscono ciò che la famiglia Carlson intende come vero scopo della preghiera. L’approccio non giudicante di Minervini, con tocco gentile che non esclude una profondità di analisi sociale, rivela luci e ombre di questo sistema di vita tradizionale, ma soprattutto fa emergere un senso fondamentale di umanità e di dignità del proprio lavoro, oltre che una sensibilità e un impegno inaspettati su questioni come l’agricoltura e l’allevamento biologici. (tratto da Noah Cowan, from tiff web catalogue) Stop the Pounding Heart è il terzo di una serie di lungometraggi di Minervini ambientati nel sud rurale degli Stati Uniti e ha ricevuto riconoscimenti e apprezzamenti in festival di mezzo mondo (Cannes, Toronto). Emblematica la vicenda personale e professionale del regista marchigiano di nascita, artefice di un cinema antispettacolare e lontano anni luce dalle banalità e dalla pochezza di tanto cinema italiano contemporaneo, un giovane “cervello in fuga” che ha iniziato a lavorare come cameriere per mantenersi all’estero, ha suonato in rock band, fino ad approdare a New York, dove ha ottenuto una borsa di studio all’Università e ha potuto realizzare i suoi primi cortometraggi. Le difficoltà distributive che questo questo piccolo-grande film sta incontrando in Italia (un merito innanzi tutto alla I Wonder Picuters di Bologna per il coraggio) dimostrano, se ce ne fosse ancora bisogno, lo stato comatoso del nostro sistema culturale.

The teenage daughter of Christian goat farmers in rural Texas rebels against her arranged marriage in this half-fiction, half-documentary hybrid from Italian director Roberto Minervini, shot with non-professional actors performing in their real homes. The Carlsons, a family of devout Christian goat farmers, occupy the centre of his story. The film introduces us to their twelve home-schooled children who are raised in a house devoid of modern conveniences. The eldest daughter, Sara, perhaps anxious about her increasingly discussed arranged marriage, strikes up a friendship with Colby, a rowdy amateur bull rider. His makeshift bucking machine becomes a neighbourhood attraction, bringing him and Sara together in a chaste but anxious exchange of teenage need. The impossibility of their union reduces her to tears and her mother’s heartbreaking words of comfort form the film’s title — and suggest the true purpose of prayer for this most extraordinary family. While some of the Carlsons’ beliefs may seem more than a bit outré — the role of women in their community will displease many — Minervini’s non-judgmental approach reveals there is also a basic sense of human kindness and decency at work, as well as a surprisingly robust commitment to more sensible values like organic farming, signaling that our stereotypes may be challenged. Stop the Pounding Heart, Italian-born director Roberto Minervini’s third in a series of films set in the American South, immerses the viewer in a steamy, overcast, and shockingly verdant East Texas town. His actors are real people — that is to say, they live in the places he films and lead a life similar to the one he documents. He has worked with them closely to form this half-documentary, half-fiction hybrid, in ways that surprise with gentle touches and complex social analysis. (Noah Cowan, from tiff web catalogue)  

 


VENERDì 7 – SABATO 8 ore 21.00

in anteprima italiana assoluta al Detour, due serate di grandi corti d’animazione d’autore!

O!PLA ACROSS THE BORDER

selezione dei premiati al Ogolnopolski Festival Polskiej Animacji – Festival polacco del cinema d’animazione

O!PLA-animazione_polonia

ore 21.00  Assaggi e stuzzichini dalla Polonia 

ore 21.30 Inizio proiezioni >Programma completo

L’animazione polacca è una tradizione preziosa della cultura europea e non solo. Grazie a una nuova generazione di autori di talento, accanto al lavoro dei maestri più affermati, il cinema d’animazione rappresenta tuttora in Polonia una specificità artistica nazionale in continuo rinnovamento e apprezzata a livello mondiale.

O!PLA ACROSS THE BORDERS è un eccezionale programma di cortometraggi d’animazione d’autore che include le opere premiate al Festival di animazione O!PLA, la cui prima edizione si è tenuta in 21 città della Polonia, dal 5 aprile al 9 giugno 2013.

O!PLA ACROSS THE BORDERS raccoglie il meglio dell’animazione d’autore degli ultimi anni, senza distinzioni tra lavori realizzati in studi professionali, prodotti totalmente indipendenti, video musicali d’animazione e gli esiti maturi dei corsi di animazione delle più prestigiose scuole di animazione. Un sezione speciale è dedicata a Monika Kuczyniecka, artista indipendente specializzata nella tecnica dell’animazione stop-motion in plastilina.

O!PLA ACROSS THE BORDERS è un progetto di animazione itinerante che ha già toccato Gran Bretagna, Russia, Slovacchia, Romania, Serbia, Argentina, Canada e Brasile. Queste due serate al Detour rappresentano un’anteprima italiana assoluta.

www.animationacrossborders.com / www.polskaanimacja.pl

 


DOMENICA 9 ore 13.00 – 17.00

S T A L K E R

Linee, cerchi e reti

collettivo_stalker

Il primo di tre appuntamenti al Detour con il collettivo STALKER, in collaborazione con Aude Fourel e Cristina Nisticò. Con la mostra “Stalker Attraverso i Territori Attuali 5, 8 ottobre 1995” si inaugura ZAD! (Zona Arte Detour) che ospiterà esposizioni d’arte attuale a carattere di sperimentazione e di ricerca.

“La pratica Stalker di ricerca, azione e trasformazione nel territorio e con i suoi abitanti si è sviluppata e articolata nel tempo attraverso un processo di sperimentazione e verifica delle ormai tante esperienze realizzate sul campo dal 1995 a oggi. Al Detour ne presentiamo alcuni passaggi, attraverso una selezione di videodocumentazioni, in tre giornate che abbiamo chiamato Linee, Cerchi e Reti, sintetizzando così tre aspetti conseguenti e compresenti nel lavoro di Stalker. 

(Linee) camminare attraverso i Territori Attuali Pratica fondante di Stalker è il camminare, o meglio, il camminare attraverso. La costruzione di linee di esperienza collettiva, percorsi di continuità spazio temporale attraverso i vuoti, i margini e i confini che separano le isole, gli arcipelaghi, i continenti dell’urbanizzazzione diffusa, alla deriva. Stalker costruisce così una visione del divenire urbano partendo dal suo negativo, da quello sfondo dove la memoria è ormai inconscio e il progetto, divenuto traccia, è sostegno al riappropriarsi spontaneo e clandestino dei luoghi da parte della natura e degli uomini. Spontaneità che dà al futuro il passo del divenire altro, dell’emergere accidentato e inaudito da territori senza progetto né controllo, che rendono il presente una dimensione inconscia, estranea all’autorappresentazione enfatica e mediatizzata del presente contemporaneo. Fin dal primo giro, a piedi attraverso gli spazi abbandonati di Roma, nel 1995, abbiamo chiamato questi luoghi Territori Attuali. (…) Camminare attraverso è assieme pratica estetica, di libertà e di conoscenza. Una pratica tesa più a cambiare chi la agisce che non le cose stesse. Un cambio di percezione che induce a trasformare i comportamenti e la loro coazione a trasformare i luoghi. Camminare attraverso permette di cogliere il cambiamento, la sua fisiologia, di adeguarvisi e di indurlo, di diventarne parte. Insegna a non fare previsioni, a non pianificare ma a sperimentare, a misurarsi con errori ed imprevisti, a pensare il progetto come processo, spontaneo, che emerge, creativo, dal basso.” (Per Stalker, Lorenzo Romito)

link: osservatorio nomade / link: manifesto Stalker

Programma della giornata: ore 13.00 proiezioni: Odissea del Golfo 2012 riprese di Matteo Fraterno montaggio Danilo Donzelli 18′ | Interface Zone Belfast 2007 riprese e montaggio Aldo Innocenzi 28′ | Sui letti del fiume (2007) 23’ riprese e montaggio Aldo Innocenzi | Corviale Walk 2005 16′ riprese e montaggio Laurent Malone

ore 14.00 pausa: a pranzo con Stalker ore 15.00 proiezioni: La morra cinese 20′ testi e voce Lorenzo Romito riprese e montaggio Aldo Innocenzi | Bradisisma Pozzuoli (1996) 7’  riprese e montaggio Aldo Innocenzi | Stalker Rundown  (1996) 15’ riprese e montaggio Aldo Innocenzi | Stalker attraverso i territori attuali (1995) 20’ riprese e montaggio Aldo Innocenzi

ZAD! (Zona Arte Detour): esposizione Stalker Attraverso i Territori Attuali 5, 8 ottobre 1995, Foto  in b/n | Mappa,  poliestere e colori acrilici

 


VENERDì 14

ore 18:30 L’amour Fou: Les chansons d’amour

di Christophe Honoré (Fra 2007, 100′, version francaise, sott. ita)

les_chansons_damour

Ismael è un giovane parigino amato da Julie la quale è disposta a condividerlo con l’amica Alice. Ismael sta troppo bene in questa condizione per decidersi a fare le scelte che Julie vorrebbe, finché non sarà il destino a decidere per tutti. Christophe Honoré ha messo insieme un cast d’eccezione (tra gli altri Louis Garrel e Ludivine Sagnier) per questo ‘musical’ moderno e atipico, con una colonna sonora che richiama le migliori selezioni de Les Inrockuptibles. Nel corso del film gli attori cantano con le loro voci autentiche ben tredici canzoni. Il modello sembra essere Les parapluies de Cherbourg, ma con scelte musicali che risentono del passaggio sul pianeta di band come i Noir Desir. Un film quindi molto francese, anzi molto parigino, anzi molto 10* arrondisment, nelle cui strade si è scelto di girare, senza bloccare il traffico e il passaggio delle persone, con un effetto di nouvelle-vague che rinfresca l’insieme.

__________

ore 20.30 PALESTINA PER PRINCIPIANTI
SECONDA STAGIONE

Ciclo di incontri e proiezioni in collaborazione con Rete Romana di Solidarietà con il Popolo Palestinese.
Un ringraziamento a Valeria Belli e Livia Parisi.

“Sappiamo bene come la nostra libertà sia incompleta senza la libertà dei palestinesi.” Nelson Mandela, 1997 

ore 20.30 aperitivo per la Palestina e proiezioni nel foyer

ore 21.00 Budrus 

di Julia Bacha (Usa, Palestina, Israele 2010, 72′, arabic/english/hebrew version, sott in italiano) 

Introduzione a cura di Luisa Morgantini, Assopace Palestina

budrus_film

Il film segue un leader palestinese nel tentativo di unire Fatah, Hamas e alcuni attivisti israeliani in un movimento non-violento per protestare contro la costruzione della cosiddetta “barriera di sepazione israeliana” nella West Bank e salvare Budrus, il proprio villaggio, dalla distruzione. Il progetto è sul punto di fallire, fino al momento in cui la figlia quindicenne decide di prendere anche lei parte all’impresa… Premi e menzioni speciali al Tribeca e al Jerusalem Film Festival, tra gli altri.  Follows a Palestinian leader who unites Fatah, Hamas and Israelis in an unarmed movement to save his village from destruction. Success eludes them until his 15-year-old daughter jumps into the fray.      


SABATO 15 dalle ore 19.00

MINESTRONE alla ROMANA

con BANDAJORONA

minestrone-alla-romana_small

Il 15 febbraio celebriamo / la Roma di accattoni e vagabondi  / di pranzi immaginari e di abbuffate / del centro storico e delle borgate.
Si parte con un film / che mette insieme Davoli e Benigni / C’è pure Franco Citti e Giorgio Gaber / mi raccomando: non prendere impegni. 
La sera poi ci sta BandaJorona / con voce, fisarmonica e chitarra / canzoni della mala e folk d’autore / farà ballare tutta la Suburra.
Non mancheranno certo le sorprese / stornelli, stornellari e amici attori / e sarà sempre aperta la Fraschetta / al banco Sora Cristina e Sora Lucia!
ore 19.00 Il Minestrone (ita 1981, vers. italiana, english sub.) di S. Citti – Prima parte
con Franco Citti, Ninetto Davoli, Roberto Benigni, Olimpia Carlisi, Giorgio Gaber
minestrone

Due pellegrini affamati partono da Roma verso il Nord, attraverso la campagna; lungo la strada altri si aggiungono a loro, ciascuno diverso dall’altro, ma accomunati dal bisogno di cibo. Scritta con Vincenzo Cerami, è una fiaba comico-poetica, dominata dallo sguardo dal basso del suo autore: distaccato, affettuoso, semplice eppur misteriosamente trasfiguratore. È lo sguardo di un anarchico epicureo che guarda il mondo come se per istinto (o antica saggezza?) sapesse già tutto.

ore 20.00 MINESTRONE HOUR (un piatto di zuppa non si nega a nessuno)

+ READINGS ( special guest:Pino Calabrese)

pino_calabrese

Pino Calabrese in oltre 35 anni di carriera ha lavorato in teatro con De Filippo, Proietti, Piera Degli Esposti, Montesano, partecipato a numerose serie televisive ed è stato diretto al cinema da Tornatore, Avati, Faenza, Martone, Corsicato, Bertolucci, Martinelli, Vicari. E’ stato anche interprete di commedie radiofoniche e docente di dizione, fonologia e public speaching per scuole private. Tra i film cui ha partecipato L’uomo delle stelle e La sconosciuta di Tornatore, Noi credevamo di Martone,Diaz di Vicari, I Vicerè di Faenza, Uno su due di Cappuccio, La seconda notte di nozze e Il figlio unico di Avati.

ore 21.00 II Minestrone di S.Citti (seconda parte, english sub)
ore 22.00 BANDAJORONA in concerto
BandaJorona

BandaJorona Chi nasce a Roma resta inevitabilmente permeato dallo spirito della sua città. Uno spirito che nel tempo si è espresso con mille modalità e con scenografie differenti: dalle mura dipinte delle osterie alle celle delle carceri cittadine, dai luoghi del turismo più becero ai palazzi di borgata, dai teatri risorti ai tinelli piccolo-borghesi. Epoche diverse, contesti e contenuti differenti, un popolo in continua trasformazione, che sa inglobare il diverso e mantenersi sè stesso: questo è il magma da cui BandaJorona fa emergere canti, melodie, “fattacci” narrati come gesta epiche, prese in giro del potere, canzoni romantiche e piene di nostalgia per qualcosa che, irrimediabilmente, va fuggendo.Un viaggio nella musica e nelle storie d’amore, carcere e coltello, espresso con la vena sanguigna e romantica della città di Roma, ma anche richiamando alla memoria, per la musica laziale, la straordinaria testimonianza di Graziella Di Prospero. La musica della BaandaJorona è ricordo, atto rinnovato di espressione politica e sociale, ma anche ricerca musicologica accurata, una scelta di arrangiamenti raffinati e al tempo stesso di grande impatto emotivo.
Bianca Giovannini (la Jorona) – voce | Piergiorgio Faraglia – chitarra, cori | Désirée Infascelli – mandolino, fisarmonica

ore 23.30 Il Minestrone di S. Citti (terza e ultima parte, english sub)


DOMENICA 16 ore 16.00 

Detour presenta

CINEBIMBI

cinebimbi

Cinebimbi è la fabbrica dei sogni per i più piccoli. Al cinebimbi i  bambini posso condividere con i propri amici e coetanei la magia della visione cinematografica. Detour selezionerà per loro i migliori titoli dell’animazione contemporanea e non. E per i papà e le mamme cinebar e caffetteria in funzione durante le proiezioni. L’ingresso e’ riservato ai soci ARCI: i genitori devono sottoscrivere la tessera. Per ogni tessera si ha diritto a un ingresso omaggio.

Ingresso alla proiezione 5 euro Per info e prenotazioni: cinebimbi@gmail.com


LUNEDì 17 

I LUNEDì 2X1 AL DETOUR
(due spettacoli al prezzo di uno!) 

INEDITI D’AUTORE: ALAN CLARKE & SHANE MEADOWS

ore 19.00 Scum

di Alan Clarke (Gb 1979, 98′, english vers. sott. ita)

scum

 Carlin viene trasferito in un nuovo, duro riformatorio per aver aggredito una guardia. All’inizio mantiene un profilo basso, ma presto diventa il boss dei giovani che devono scontare la pena nell’istituto.Alan Clarke raffigura la brutalità della vita all’interno di un riformatorio britannico alla fine degli anni Settanta. E lo fa con grande forza. Un pugno nello stomaco ben assestato, un atto d’accuso diretto ed efficace nei confronti di un sistema in cui non si scorge nessun tentativo di riabilitazione, che anzi produce il più delle volte effetti contrari facendo diventare veri criminali giovani colpevoli di piccoli reati. Violenza, strupro, suicidio, sopraffazione, umiliazione, razzismo.


ore 21.00 Somers Town

 di Shane Meadows (Gb 2008, 70′, english vers. sott. ita) 

somers_town

Shane Meadows e Thomas Turgoose, ripettivamente regista e protagonista di un film manifesto della controcultura british skinhead, This is England, si lasciano dietro le atmosfere più cupe e dimostrano in questo caso il loro talento per la commedia, in un film indipendente che riesce a coniugare il realismo dei personaggi e del contesto ambientale alla poesia dei sentimenti, alla leggerezza del tocco e a una scioltezza di linguaggio che sa quasi di nouvelle vague. Due ragazzi teenager, un senzatetto originario di Nottingham, assalito e rapinato al suo arrivo a Londra, e il figlio solitario di un immigrato polacco, si incontrano per caso in un caffè e da allora le loro vite prendono una piega inaspettata. Il distretto londinese di Somers Town, girato in uno sfavillante bianco e nero, sembra finalmente un luogo dove la working class inglese può intercettare delle opportunità, se non di studio o di lavoro, almeno di amicizia, libertà e persino d’amore, quando i due ragazzi si imbattono nella bella cameriera francese Maria.


MARTEDì 18 ore 20.45
MERCOLEDì 19 ore 16.30 / 20.45
GIOVEDì 20 ore 16.00 / 20.45
VENERDì 21 ore 16.00 / 18.30
SABATO 22 ore 20.30 (Director’s Cut, versione integrale)

IN COLLABORAZIONE CON I WONDER PICTURES

The Act of Killing (Jagal)

di Joshua Oppenheimer  (Gb/Dan/Nor 2013, 120’, original vers. sott. ita)

Il film più potente, surreale e terrificante degli ultimi dieci anni” – Werner Herzog

act_of_killing

Indonesia: gli assassini raccontano. Nel 1965 i paramilitari del movimento Pancasila danno vita a un colpo di Stato che sfocia in un genocidio. Oltre un milione di persone finiscono trucidate nella “più grande caccia ai comunisti di tutti i tempi”. I killer di allora oggi sono anziani signori benestanti che, in questo film impressionante, fanno cinema. Ricreano e mettono in scena i loro atti criminali. Spesso, in una tragica inversione, impersonano le vittime. Il sorprendente regista Joshua Oppenheimer, al suo esordio, segue il loro percorso dal compiacimento di protagonisti di una violenta giustizia politica alla riflessione sulle implicazioni, non solo morali, dell’omicidio di Stato. Tra i moltissimi riconoscimenti raccolti in giro per il mondo, segnaliamo il Premio come miglior documentario all’European Film Award 2013, il Premio della giuria ecumenica al Festival di Berlino 2013, nella sezione Panorama Dokumente, e quello per la miglior produzione internazionale al Biografilm Festival dello stesso anno. Tra i produttori esecutivi figurano Werner Herzog e Errol Morris. Il film è candidato all’Oscar come migliore documentario 2014.

A documentary that challenges former Indonesian death squad leaders to reenact their real-life mass-killings in whichever cinematic genres they wish, including classic Hollywood crime scenarios and lavish musical numbers. Nominated for the Academy Award for Best Documentary Feature 2014.

“The act of killing è un documentario sui massacri avvenuti in Indonesia tra il 1965 e il 1966, quando un tentato golpe andato male segnò l’inizio della fine per il presidente riformatore Sukarno, scatenando un’ondata di violenza contro i comunisti, i presunti tali e (già che c’erano) la locale comunità cinese, anche se la maggior parte dei cinesi in Indonesia erano dei piccoli imprenditori fuggiti dalla Cina comunista. Oppenheimer si e’ finto un regista di fiction che vuole fare un film d’azione sugli eventi di quegli anni. E ha chiesto a due piccoli gangster di strada, vicini alle forze paramilitari responsabili di molti massacri, di interpretare se stessi. Da cui il titolo del documentario: in inglese, the act of killing significa sia “l’atto di uccidere” sia “la recita del massacro”. Uno dei protagonisti, Anwar Congo, è un uomo vispo di carattere apparentemente bonario. Ma non ha problemi nel far vedere al regista (in sequenze che immagino siano state presentate agli attori come il making of del finto film d’azione) come ha strangolato le sue vittime con il fil di ferro perché con altri metodi “c’era troppo sangue da ripulire”. Un altro assassino, veterano di quegli anni, ricorda scherzosamente, come se raccontasse una barzelletta, che un giorno si era messo in testa di uccidere tuti i cinesi che incontrava per strada. Il fatto che uno di loro fosse il patrigno della sua ragazza di allora non l’ha fermato. Ma la grandezza del film di Oppenheimer sta anche nel fatto che non è una semplice presa di coscienza imposta dal dio-analista-regista. A un certo punto parte per una tangente inaspettata: il regista comincia a dare forma scenica agli incubi di Congo, arrivando a regalarci delle scene surreali (un pesce gigante di cartapesta, ragazze danzanti, un collega-assassino di Congo che si traveste da donna…) che sembrano uscite da un musical diretto da un Dalì indonesiano.” (Lee Marshall,  da Internazionale)

 


MERCOLEDì 19 dalle ore 19.00 alle 20.00

presentazione a ingresso libero dei corsi di:

FOTOGRAFIA 16 lezioni + mostra di fine corso
la fotografia come mezzo di espressione-comunicazione-socializzazione

Ultimi posti disponibili ai corsi Primavera 2014
Inizio corsi di I, II, III livello: Marzo 2014

Docente: Patrizia Copponi – Informazioni: cell.3384634278 – email patriziacopponi@libero.it 


GIOVEDì 20 ore 20.00 – 22.00

SHOT&SHORT

Vieni a proiettare il tuo corto e un un drink te lo offriamo noi!

il cortometraggio non dovra’ superare la durata massima di 25 minuti e verra’ proiettato nello storico cineclub romano.  Porta i tuoi amici e se il tuo corto sara’ il piu’ votato dai presenti vincerai una bottiglia di vino o un’abbondante caraffa di sangria da condividere con loro! Le proiezioni inizieranno alle 20:00. La partecipazione e’ riservata ai soci ARCI.Info e prenotazioni: shotandshort@gmail.com

shot-and-short-ragazzasfondo-bianco

 


VENERDì 21 ore 21.00

White Shadows in the South Seas

di W.S. Van Dyke e Robert Flaherty (Usa 1928, 89′, Silent with English Intertitles, muto con didascalie in inglese) 

with Live Soundtrack by / con colonna sonora eseguita dal vivo a cura di

Mike Cooper

WHITESHADOWS

Disgustato dallo sfruttamento dei pescatori di perle in Polinesia e dal degrado ambientale, un medico bianco alcolista approda su un’altra isola, ancora incontaminata dove, grazie all’amore di un’indigena, trova una nuova ragione di vita e di riscatto. Ispirato all’omonimo libro di viaggio del 1919 di Frederick O’Brien, che trascorse un anno nel sud pacifico con i nativi isolani, Il progetto iniziale del film prevedeva una collaborazione tra il grande documentarista etnografico Robert Flaherty e la MGM. Più tardi,a causa di attriti produttivi causati dal ritmo di lavorazione giudicato troppo lento dalla MGM, Flaherty passò il testimone della regia a Van Dyke. Flaherty riuscì comunque a girare alcune scene prima di lasciare la produzione, che sono state poi inserite nel montato finale (es. la scena della laguna nella giungla). Il film è noto per essere stato il primo della MGM ad avere una colonna sonora pre-registrata. 

Mike Cooper (Reading, Uk) è musicista, compositore, cantante, autore, improvvisatore, chitarrista slide, “collagiste” del suono, artista radiofonico, architetto del suono e performer per film muti. Ha inciso numerosi dischi e colleziona camicie hawaiiane.

Dr. Matthew Lloyd, an alcoholic doctor is disgusted by the exploitation by white people of the natives on a Polynesian island. The natives dive for pearls. However, numerous accidents occur and one diver dies. In anger, Dr. Lloyd punches Sebastian, the employer. As revenge and to prevent further interruption of his activities, he tricks Dr. Lloyd onto a ship with a deceased crew (thinking they are ill) and his men rough him up and send the ship off into a storm. Dr. Lloyd survives and is washed ashore on an island where none of the natives have ever seen a white man. The film is based on the 1919 novel of the same name by Frederick O’Brien, who spent a year in the South Pacific with native islanders. The film began production in 1927 as a co-venture between documentary filmmaker Robert Flaherty and MGM. It is known for being the first MGM picture to be released with a pre-recorded soundtrack.

For the past 40 years Mike Cooper has been an international musical explorer, performing and recording, solo and in a number of inspired groupings and a variety of genres. Initially a folk-blues guitarist and singer songwriter his work has diversified to include improvised and electronic music, live music for silent films, radio art and sound installations. He is also a music journalist, writing features for magazines, particularly on Pacific music and musicians, a visual artist, film and video maker, collector of Hawaiian shirts and appears on more than 60 records to date.


 

LUNEDI 24 ore 18.30

DUE SPETTACOLI AL PREZZO DI UNO!

Japan Cartoon Live-Action i film tratti dai cartoni che hanno cresciuto una generazione

Arriva Bem, nemico del mal, che in bocca tien mille pugnal. Chi è nato negli anni 70’ non può non ricordare questo ritornello, così come difficilmente avrà dimenticato le avventure di Sampei, il giovane pescatore e di suo nonno Ippei. Questo mese vi proponiamo i Live Action (ovvero film con attori) di due tra i più celebri beneamini dei cartoni animati giapponesi.

 ore 18.30  Bem – Il mostro umano (Yokai Ningen Bem)

 (Yôkai ningen Bem​ – jap 2012 104‘, japan vers., sott. ita) di ​Shunsuke Kariyama​.

Bem il mostro umano, è un anime giapponese creato nel 1968 da Saburo Sakai e Nobuhide Morikawa e trasmesso in 26 episodi della durata di 25 minuti ciascuno dalla televisione giapponese tra l’ottobre del 1968 e l’aprile del 1969. Molto cupo, è stato il primo vero anime horror, non lesinando nemmeno dettagli truculenti al limite dello splatter. Questa è la versione live del 2012.

bem_il_mostro_umano

 ore 20.30 Sampei – Il grande pescatore

(Tsurikichi Sanpei jap, 2008 118’ japan vers., sott. ita) di Yojiro Takita.

Mihira, un ragazzino vitale e ingegnoso, vive con il nonno Ippei, valente artigiano produttore di canne da pesca di bambù, in un paesino rurale della regione Tohoku. Il passatempo favorito di Sanpei è la pesca, una passione che coltivava anche suo padre, scomparso in mare sei anni prima.

sampei_film


MARTEDì 25 ore 20.45

INCONTRI DI CINEMA

serata con proiezione e dibattito a cura di ViSiOnI

“E’ buffo come i colori del mondo divengano veri soltanto quando uno li vede sullo schermo” (Alex in Arancia Meccanica, S. Kubrick, 1971)

Per il programma dettagliato e informazioni: http://forumcinema.blog.tiscali.it/ Per partecipare agli incontri è preferibile prenotarsi scrivendo a visioni@gmelies.it

 


MERCOLEDì 26 ore 20.00

IN COLLABORAZIONE CON ARTDIGILAND E FILM FLAMME – POLYGONE ETOILEE (Marsiglia)

CINEMA MILITANTE: ESILIO, MEMORIA, UTOPIA


 
ore 20.00
presentazione del volume
Marc Scialom. Impasse du cinema. Esilio, memoria, utopia / Exil, mémoire, utopie 

(a cura di Mila Lazic, Silvia Tarquini, Artidigiland, Dublino, 2012)

ore 21.00 Lettre à la prison

di Marc Scialom (Francia, 1969, 70′, version francaise, sott. ita)

lettre-a-la-prison

Lettre à la prison, realizzato nel ’69 senza un produttore e quasi clandestinamente dall’ebreo-italo-tunisino Marc Scialom, è un’opera poetica sulla perdita di identità culturale e personale di un esule arabo in Francia, che mette indirettamente il dito nelle piaghe di colonialismo e razzismo. È girato tra Tunisi, Marsiglia e Parigi, sull’asse dell’esilio dell’autore. Finito il film, Scialom lo mostra ai suoi amici cineasti – tra cui Chris Marker – che accusano l’opera di non essere abbastanza politica. Deluso, Scialom cerca di dimenticare Lettre à la prison in un cassetto e torna alle sue origini, allo studio della lingua e della letteratura italiane. Traduce la Divina Commedia (Le Livre de Poche, 1996).
Dopo il ritrovamento di Lettre à la prison, il restauro e la presentazione nel 2008 al Festival International du Documentaire di Marsiglia, dove ottiene la Mention spéciale du Groupement National des Cinémas de Recherche, Scialom riesce a tornare al cinema con un nuovo, appassionato film, Nuit sur la mer (2012), ancora sui temi del dialogo tra diverse culture e dell’utopia di un mondo senza frontiere.

 


GIOVEDì 27 GRASSO! ore 20.30

JAPPO-DEMENTIALIA

Dead Sushi

di Noboru Iguchi ​(​Giappone 2012​, ​112​’ ​Japan vers., sott. ita)

dead_sushi

​I​l film, interpretato dalla ventunenne Rina Takeda (prodigio delle arti marziali), racconta la storia di Keiko. Figlia di un leggendario chef di sushi, Keiko scappa di casa quando il suo regime di kung-fu diventa troppo pesante. Trova lavoro in una locanda termale in campagna, dove viene ridicolizzata dal personale eccentrico e dagli ospiti, compresi i dipendenti di una ditta farmaceutica che si trovano in una vacanza di lavoro. Ma non sanno di un ex ricercatore insoddisfatto giunto anche lui alla locanda con un piano per vendicarsi: utilizzando un siero in grado di risvegliare gli istinti omicidi del sushi, trasforma tutti in mostri assetati di sangue! Keiko deve utilizzare sia la sua formazione sul sushi sia le sue abilità nelle arti marziali per salvare gli altri e sconfiggere gli assassini volanti.

 


VENERDì 28 ore 19.30

Friends in Rome & Detour present

CINE FRIENDS

The best Italian movies, not only pizza, spaghetti and mandolino…
All movies are shown in Italian with English subtitles / Serata di proiezione di cinema italiano sottotitolato in inglese.

h7.30 p.m. Meeting time and welcome drink A chance to socialize and network while mingling with an international crowd.

h9.00 p.m. Screening / proiezione Per il programma dettagliato, info e prenotazioni/ For further information and reservation please contact: cinedetour@tiscali.it

 


e ancora…

CINEMAMME FEBBRAIO

DETOUR in collaborazione con CITTA’ DELLE MAMME

CineMammeSilhouette 350

MERCOLEDì 5 FEBBRAIO ore 10.30 SUGAR MAN di Malik Bendjelloul (Svezia 2012, 86’, english vers. sott. ita)

MERCOLEDì 12 FEBBRAIO ore 10.30 STOP THE POUNDING HEART di R. Minervini (USA 2013, 100′, english vers. sott. ita)

MERCOLEDì 19 FEBBRAIO ore 10.30 SOMERS TOWN di Shane Meadows (Gb 2008, 70′, english vers. sott. ita) 

MERCOLEDì 26 FEBBRAIO ore 10.30 PALABRAS di Corso Salani (Italia 2003, 90′)

_______ 

LOGOTONDO_ombra

Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Cinebar | Musica | Video d’arte | Teatro | Editoria indipendente

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it
Tutti i film sono proiettati in lingua originale con eventuali sottotitoli in italiano e/o in inglese

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997. All movies are screened in their original languages with italian or english subtitles

Ingresso riservato ai soci ARCI Primo ingresso con tessera associativa annuale: 8€ Ingresso alle proiezioni successive e alle attività: sottoscrizione minima 5€ Cineclub Detour è affiliato all’ARCI-UCCA e alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema) Per il tesseramento è preferibile arrivare con almeno 15 minuti di anticipo prima dell’inizio dello spettacolo

For ARCI members only. Annual membership including first admission: 8€ Following admissions to screenings: 5€ Cineclub Detour is affiliated to ARCI-UCCA and to FICC Please kindly arrive 15-20 minutes before the film starts to allow time needed for membership

Sostienici / Support Us

Seguici su /Follow us on:

 

Il Sindaco Petroselli. Un documentario di Andrea Rusich.

February 3, 2014 in Uncategorized by cinedetour

logo-comune-roma-capitaleAssessorato allo Sviluppo delle Periferie,
alle Infrastrutture e alla Manutenzione Urbana

Roma, Cineclub Detour – Giovedì 3 Aprile ore 21.00 

Il Sindaco Petroselli

di Andrea Rusich (Italia 2004, doc).
Da un’idea di Paolo Masini e Andrea Rusich

Ingresso libero e gratuito fino a esaurimento dei posti

sindaco_petroselli

Dai quartieri di periferia, resi finalmente parte integrante della città, al recupero del centro storico e dei Fori imperiali, passando per il rilancio dei servizi sociali, la costruzione di opere e infrastrutture pubbliche e un piano di edilizia sostenibile: in soli due anni – tra il 1979 e il 1981 – Luigi Petroselli ha reso Roma protagonista di un’intensa stagione di cambiamento. Il 1 marzo, giorno dell’anniversario della nascita del “sindaco di tutti”, Roma lo ricorda presentando il documentario di Andrea Rusich “Il Sindaco Petroselli”.

UN CAMMINO TRA I RICORDI – Il film – nato da un’idea dell’Assessore Paolo Masini e Andrea Rusich e realizzato dall’associazione culturale SAFADOFILM, in co-produzione con Aamod (Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico) – disegna i tratti fondamentali della storia di Petroselli, in un cammino tra i ricordi di chi lo ha conosciuto e le tappe del suo percorso umano e politico. Si parte da Viterbo, dalla sua esperienza politica nel capoluogo della Tuscia come segretario della Federazione comunista viterbese, consigliere comunale e consigliere provinciale tra il ’65 e il ’70. Poi l’esperienza romana, con la chiamata a dirigere il Comitato regionale del Lazio al posto di Enrico Berlinguer, la costruzione di quella segreteria politica che segnerà per molto tempo un’esperienza di buon governo della Capitale, gli anni alla guida del Campidoglio, i riconoscimenti in Europa. Fino alla scomparsa 7 ottobre 1981, al termine di un accorato intervento al Comitato centrale del Pci, ad appena 49 anni. Un percorso emozionante ricostruito tramite immagini inedite e delicate interviste ai familiari, amici di una vita, collaboratori, colleghi e avversari politici. Al documentario hanno partecipato: Gianni Borgna, Aurelia Sergi, Velia Petroselli, Tonino Lovallo, Elena Gualtieri, Renato Nicolini, Walter Veltroni, Goffredo Bettini, Mons. Salvatore Del Ciuco, Oreste Massolo, Franca Prisco, Adriano La Regina, Vezio De Lucia. Nelle immagini di repertorio: Ugo Gregoretti, Franco Citti, Ninetto Davoli.

Nei mesi di marzo, aprile e maggio “Il Sindaco Petroselli” attraverserà i municipi di Roma con un tour di proiezioni in biblioteche, teatri e centri culturali organizzato dall’Assessorato allo Sviluppo delle Periferie in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura, Creatività e Promozione Artistica, i Municipi, Biblioteche di Roma e Casa dei Teatri.

***

LOGOTONDO_ombra

Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Cinebar | Musica | Video d’arte | Teatro | Produzione Distribuzione Editoria indipendente

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it

Tutti i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997. All movies are screened in their original languages with italian or english subtitles

Ingresso riservato ai soci ARCI Primo ingresso con tessera associativa annuale: 8€ Ingresso alle proiezioni successive e alle attività: sottoscrizione minima 5€ Cineclub Detour è affiliato all’ARCI-UCCA e alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema) Per il tesseramento è preferibile arrivare con almeno 15 minuti di anticipo prima dell’inizio dello spettacolo

For ARCI members only. Annual membership including first admission: 8€ Following admissions to screenings: 5€ Cineclub Detour is affiliated to ARCI-UCCA and to FICC Please kindly arrive 15-20 minutes before the film starts to allow time needed for membership

Sostienici / Support Us

Seguici su / Follow us on:

O!PLA ACROSS THE BORDERS – animazione d’autore dalla Polonia

February 5, 2014 in Uncategorized by cinedetour

LOGOTONDO_ombra

CINEMA DETOUR VENERDì 7 – SABATO 8 ore 21.00

in anteprima italiana assoluta al Detour, due serate di grandi corti d’animazione d’autore!

*O!PLA ACROSS THE BORDER*

selezione del Ogolnopolski Festival Polskiej Animacji – Festival polacco del cinema d’animazione

ore 21.00  Assaggi e stuzzichini dalla Polonia 

ore 21.30 Inizio proiezioni 

PLAKAT-O!PLA-(autor-Monika-Kuczyniecka)

 

L’animazione polacca è una risorsa preziosa della cultura europea e non solo.
Grazie a una nuova generazione di autori di talento, accanto al lavoro dei maestri più affermati, il cinema d’animazione rappresenta tuttora in Polonia una specificità artistica nazionale in continuo rinnovamento e apprezzata a livello mondiale. 

O!PLA ACROSS THE BORDERS è un eccezionale programma di cortometraggi d’animazione d’autore che include le opere premiate al Festival di animazione O!PLA, la cui prima edizione si è tenuta in 21 città della Polonia, dal 5 aprile al 9 giugno 2013.

O!PLA ACROSS THE BORDERS raccoglie il meglio dell’animazione d’autore degli ultimi anni, senza distinzioni tra lavori realizzati in studi professionali, prodotti totalmente indipendenti, video musicali d’animazione e gli esiti maturi dei corsi di animazione delle più prestigiose scuole di animazione. 

Un sezione speciale è dedicata a Monika Kuczyniecka, artista indipendente specializzata nella tecnica dell’animazione stop-motion in plastilina.

O!PLA ACROSS THE BORDERS è un progetto di animazione itinerante che ha già toccato Gran Bretagna, Russia, Slovacchia, Romania, Serbia, Argentina, Canada e Brasile. Le due date al Detour rappresentano un’anteprima italiana assoluta.

www.animationacrossborders.com

 

VENERDì 7 FEBBRAIO h21.00 1a PARTE | durata totale 90’


O!PLA’STELINA O!PLA’STICINE (2013)  di Monika Kuczyniecka & Co.; 7’

Il risultato del workshop di animazione con pupazzi di plastilina tenuto da Monika Kuczyniecka nel corso dell’O!PLA Festival 2013.

***

CO SIĘ DZIEJE, GDY DZIECI NIE CHCĄ JEŚĆ ZUPY  (WHAT HAPPENS WHEN CHILDREN DON’T EAT SOUP)  (2011), di Paweł Prewencki, UA Poznań; 8’31”

Due bambini a tavola con il nonno, la minestra che proprio non vuole andare giù, la porta che si spalanca per una fuga in una realtà completamente diversa. 

***

JESZCZE TEN JEDEN RAZ JUST ONE LAST TIME (2013) di Sebastian Kwidziński & Marcin Roszczyniała, Studio BM; 4’02”

 Video musicale non ufficiale  realizzato per la cantante polacca  Ania Dąbrowska (terzo classificato categoria “video musicale” O!PLA FESTIVAL 2013).

***

DRWAL LUMBERJACK (2011) di Paweł Dębski, FUMI Studio; 14’47”

Un taglialegna vive col figlio piccolo in una casetta solitaria incastonata tra i margini di una foresta e una scogliera a picco sull’oceano. La loro vita scorre serena come in una bella favola: dopo il lavoro il padre costruisce giochi di legno, passeggiano e giocano assieme. Il bambino nutre un amore incondizionato per il padre, forte e gentile. Un giorno, durante una delle loro passeggiate nella foresta, accade qualcosa che sembra capovolgere le loro esistenze.

A lumberjack and his little son live in a solitary little house hidden between a boundless forest and a huge oceanic cliff. Their life is like a fairy tale – after work the father makes wooden toys, they walk and play together. The son has unconditional love for his father, he is fascinated with his father’s power and care. One day when they go to the forest together, the lumberjack cuts down a strange tree. It totally changes him and turns their life upside down (3rd Award in the category “film made in professional studio” at O!PLA FESTIVAL 2013 / ex aequo).

***

THE GAME (2011) di Marcin Janiec, Badi Badi/Studio Spot; 5′

In un regno misterioso tra la vita e la morte ha luogo una partita di scacchi mozzafiato. La posta in gioco è alta: un lasciapassare per il mondo dei vivi. L’unico arbitro dell’incontro è una figura che nessuno vorrebbe incontrare sul proprio cammino… (terzo classificato nella categoria “film realizzato in uno studio professionale”, O!PLA FESTIVAL 2013 / ex aequo)

Somewhere between life and death a thrilling chess match takes place. The stake is high – a gateway to the world of living. And the sole referee of this exciting tournament is a figure no one wishes to meet in their path (3rd Award in the category “film made in professional studio” at O!PLA FESTIVAL 2013 / ex aequo).

***

TANCERKA DANCER (2012)  di Anna Olech; 1’22”

Che accadrà ai nostri sogni e alle nostre passioni nel futuro? Rimarrà soltanto il ricordo? La danza è un arte per la quale il passaggio del tempo è spietato. Cosa prova una ballerina quando si rende conto che cominciano a mancarle le forze per danzare? Qual’è il suo più grande amore? (terzo classificato categoria “totalmente indipendenti” O!PLA FESTIVAL 2013). 

 What will happen with our passions and dreams in the future? Is remain just a memory? Dancing is an art, for which the passage of time is merciless. What feels a dancer divested of a strength to do, what is her greatest love? (3rd Award in the category “fully independent” at O!PLA FESTIVAL 2013). 

***

POTENCJALNE PROBLEMY DOZORCY MARIANA – THE POTENTIAL PROBLEMS OF CARETAKER MARIAN (2012) di Tomasz Pawlak; 9’16”

Nella giungla dei nuovi quartieri in stile europeo sopravvive un piccolo complesso di abitazioni in stile città polacca. Mucchietti di escrementi di cane, atteggiamenti di superbia e indolenza… solo la guerra riuscirà a inoculare negli abitanti un senso “cavalleresco” e il bisogno di solidarietà. 

In the jungle of European estates is a small Polish town house; heap of dog’s droppings, posturing and indolently …  only war can able to muster in the inhabitants a chivalrous attitude and the need for solidarity (2nd Award in the category “fully independent” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

NIE MA TO JAK W KINIE YOU CAN’T BEAT THE MOVIES (2011) di Urszula Palusińska; 4’26”

Video musicale per Davida Kingfire (secondo classificato categoria “video musicali” O!PLA FESTIVAL 2013)

Music video for Davida Kingfire (2nd Award in the category “music video” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

TAJEMNICA GÓRY MALAKKA – THE MYSTERY OF THE MALAKKA MOUNTAIN (2012) di Jakub Wroński, FUMI Studio; 20’48”

“The Mystery of Malakka Mountain” ci introduce in un universo affascinante, avvolto nel mistero, impossibile da padroneggiare. Un giovane conduce una vita speciale, mentre fuma tiene continui monologhi interiori sugli argomenti più esistenziali. Sua madre e le due sorelle gemelli vivono nel ricordo del padre, una leggenda vivente del volo, che un bel giorno non è più tornato da una delle sue missioni segrete. (secondo classificato categoria “film realizzato in uno studio professionale” O!PLA FESTIVAL 2013)

“The Mystery of Malakka Mountain” introduces us to the prepossessing universe;  shrouded in mystery, that cannot be mastered.  A young Junior leads a life of a very special boy – he smokes and holds constant inner monologues on the most existential of issues.  His mother and two twin sisters live in the shadow of their father – a living legend air force pilot, who, one day doesn’t return from another secret mission (2nd Award in the category “film made in professional studio” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

BEAR ME (2012) di Kasia Wilk, Filmakademie Baden-Wurttenberg; 5’41”

Un film divertente su una ragazzina e un orso. Lili ci racconta la sua avventura con un orso goffo e simpatico.  (secondo classificato categoria “scuola/saggio di diploma” O!PLA FESTIVAL 2013)

A funny movie about girl and a bear. Lili, the narrator tells us the story about her adventure with some cute, clumsy bear. The tale is showing relationship with the growing beast… (2nd Award in the category “school/graduation” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

TRAMWAJ TRAM (2007) di Monika Kuczyniecka; 8’38”

Il tram e i suoi passeggeri. O forse la Polonia e i suoi cittadini? Saggio di diploma all’università di Poznan.

Tram and its passengers. Or maybe Poland and its citizens? Graduation film at UA Poznań. 

 


 

SABATO 8 FEBBRAIO h21.00 2a PARTE | durata totale 90’

 

KATACHI (2013) di Kijek/Adamski, AB Film Production; 3’05”

Video musicale per l’artista giapponese Shugo Tokumaru (Primo classificato categoria “video musicali” O!PLA FESTIVAL 2013, ex aequo)

Music video for Japanese artist, Shugo Tokumaru (1st Award in the category “music video” at O!PLA FESTIVAL 2013, ex aequo).

***

BAJKA O JASIU I MAŁGOSI 

TALE OF HANSEL AND GRETEL (2012) di Daniel Zagórski; 17’39”

 Film animato su un campo di concentramento per bambini polacchi (1942-45), “Jugendverwahrlager”, nascosto all’interno del ghetto di Lodz. I volti dei bambini sono fotografie di prigionieri senza nome dagli archivi del campo. (Primo classificato categoria “totalmente indipendenti” O!PLA FESTIVAL 2013, ex aequo)

Animated film about a concentration camp for Polish Children (1942-1945) “Jugendverwahrlager”, that was hidden in the middle of the Lodz Ghetto. Faces of the children are photographs of nameless prisoners from camp records (1st Award in the category “fully independent” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

PoLOVAnie HUNTING FOR LOVE (2012) di Zuzanna Dąbrowska, UA Poznań; 4’45”

Il weekend è atterrato! La caccia all’amore è iniziata! (Primo classificato categoria “scuola/saggio di diploma” O!PLA FESTIVAL 2013, ex aequo)

THE WEEKEND HAS LANDED! The love hunting are began! (1st Award in the category “school/graduation” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

LUCKY DAY FOREVER (2011)  di Alek Wasilewski, Studio Miniatur Filmowych; 16’34”

Prole 514 sogna di vincere la Grande Lotteria. Al vincitore della lotteria è concessa l’ammissione nell’elitaria società Bianca, dove tutti sono belli, giovani e felici e la gente trascorre il tempo a divertirsi e fare festa. Un giorni, il desiderio di 514 diventa realtà… ma era quello che voleva davvero? Il mondo Bianco gli porterà davvero la felicità? (primo classificato categoria “film relaizzato in uno studio professionale” O!PLA FESTIVAL 2013).

Prole 514 dreams about winning the Great Lottery. The lottery winner is transformed and allowed admission into the elite White society, where everyone is beautiful, young and happy and people spend their carefree lives solely on fun and partying. One day, 514’s wish comes true… but was this what he really wanted? Will the White world really bring him happiness? (1st Award in the category “film made in professional studio” at O!PLA FESTIVAL 2013).

***

POŻEGNANIE MAŁEGO WOJOWNIKA / FAREWELL TO LITTLE WARRIOR (2011) di Zuzanna Szyszak; 4’21”

Video musicale per la band polacco-danese Czesław Śpiewa (Primo classificato categoria “music video”, O!PLA FESTIVAL 2013 /ex aequo).

Music video for Polish-Danish band Czesław Śpiewa (1st Award in the category “music video” at O!PLA FESTIVAL 2013 /ex aequo with KATACHI by Kijek/Adamski).

***

TELEGRAM (2012) di Grażyna Małkiewicz, ASP Wrocław; 02’04”

Così potrebbe suonare e sembrare un telegramma dell’era contemporanea… Il film è stato realizzato nell’ambito del workshop “AVANT-GARDE AND EXPERIMENTAL CINEMA: FROM FILM TO DIGITAL”, curato dall’autore portoghese Pedro Ferreira all’Accademia delle Belle Arti di Wroklaw. Grażyna Małkiewicz, nata nel 1987 a Wroklav si occupa di pittura, graphic design, cura workshops ed è coinvolta in attività libertarie e antifasciste.
Realizza murales, arazzi, scenografie e giocattoli. 

That’s how could sound and look a telegram of the contemporary times  … The film was made at the workshop “AVANT-GARDE AND EXPERIMENTAL CINEMA: FROM FILM TO DIGITAL”, led by the Portuguese author, Pedro Ferreira at the Academy of Fine Arts in Wroclaw (Special Distinction for Pedro Ferreira for the workshop “AVANT-GARDE AND EXPERIMENTAL CINEMA: FROM FILM TO DIGITAL” at O!PLA FESTIVAL 2013). Grażyna Małkiewicz, born in 1987 in Wrocław. Deals with painting, graphic design (book covers, illustrations, corporate identity, posters) manages art workshops, is involved in anti-fascist and libertarian activity, creates murals, art tapestries, theatre props and toys.

***

MACICA UTERUS (2012) di Anna Kosińska; 6’33”

L’esperienza di un ragazzo che guarda a sé stesso dalla prospettiva di un adulto e comincia a capire come la storia dei suoi genitori ha avuto conseguenze sulla sua vita. 

Film based on the story of Etgar Keret of the same title. This is a description of a boy’s experience who looks at himself from adult’s perspective and begins to understand how his parents history has determined his own life (Special Distinction at O!PLA FESTIVAL 2013). 

***

PAPIEROWE PUDEŁKO PAPERBOX (2011) di Zbigniew Czapla; 8’57”

Nel maggio 2010, dopo un nubifragio, l’acqua tracimò dal fiume Vistula vicino al villaggio di Wilkòw. L’alluvione catastrofica che ne conseguì privò migliaia di persone di ogni loro avere e di un tetto sulla propria testa. Qualche settimana dopo Zbigniew Czapla trovò nella casa della sua famiglia una scatola di vecchie fotografie danneggiate dal disastro . Gli unici ricordi famigliari sopravvissuti erano distrutti dall’acqua, dall’umidità e dal fango. Il film è un tentativo disperato di ricostruzione della memoria, delle persone e degli eventi del passato. Un’impressione della natura transitoria del ricordo, dell’inevitabilità dello scolorimento della memoria e della forza distruttiva degli elementi. 

In May 2010, after record rainfall, flash flood broke embankments of the Vistula near Wilków (village in Poland). Catastrophic flooding deprived thousands of people of all their possessions and roofs over their heads. A few weeks later Zbigniew Czapla found a box of old photographs in  his family house also ravaged by the element. The unique family mementoes left were destroyed by water, mud and mold. This film is a desperate attempt to keep memories, reconstruct people and events of the past. An impression on the transitory nature of memory, inevitability of fading and the destructive force of elements (Special Distinction at O!PLA FESTIVAL 2013). 

***

LOADING (2011)  di Zofia Mikołajczak, UA Poznań; 5’53”

Il film ci mette di fronte a un problema comune che riguarda il momento che procede l’inizio di qualunque attività. Benché si provi ad affrontarlo in modi diversi, finiamo tutti per rimandare il problema. Spesso fuggiamo dalle nostre responsabilità nelle attività banali e nelle situazioni che non impegnano troppo la nostra attenzione. Il film connette questo tema al ruolo che i computer svolgono nella nostra vita. 

Loading shows a problem that is familiar to most of us and materializes in everything that proceeds the beginning of every undertaken task. Although each of us tries to deal with it in a different way, we all end up procrastinating. We often escape from our responsibilities into prosaic activities and situations that usually do not engage too much of our attention. Short animation Loading links this problem to the role that computers play in our lives (Special Distinction at O!PLA FESTIVAL 2013). 

***

KIGO (2013) di Izumi Yoshida, PWSFTviT w Łodzi; 6’33”

Primavera, Estate, Autunno e Inverno …Kigo – parole e frasi usati nella poesia Haiku associate alle stagioni.  “Kigo” è una visualizzazione astratta degli Haiku che trattano del valore degli oggetti di uso comune, dei fenomeni naturali, la cui bellezza è oggetto di ammirazione.

Spring, Summer, Fall, Winter … Kigo – words and phrases used in haiku poetry associated with the seasons. “Kigo” is an abstract visualization of some haiku, that treat about values ​​of the most common objects, natural phenomena, whose beauty is the object of admiration (Special Distinction at O!PLA FESTIVAL 2013). 

***

CHWILA MUZYKI MUSIC MOMENT (2012) di Jacek Gonciarz; 1’34”

Ancora un momento, ancora un momento, e “virtuoso” suonerà…

Another moment, another moment, and virtuoso will play …

***

RESURRECTION (2011)  di Wojciech Sankiewicz / Ferajna Filmowa KaPok; 2’05” 

Talvolta è molto difficile fare i conti con una notizia inaspettata…

Sometimes it is very difficult to come to terms with the unexpected news…

***

POLOWANIE HUNTING (2012) di Agnieszka Konarska; 2’12” 

Un corvo intrappolato in una foresta. Quando prova insistentemente a fuggire, scopre di non essere solo. Ovunque la foresta pullula di abitanti, dai quali dipenderà il suo destino…

History of a crow trapped in a forest. When persistently tries to release, it turns out that he is not alone. Everywhere there are other inhabitants of the forest, on which depends the fate of a bird …

***

BIUROFF OFFice (2006) di Mariusz Szulc / DFP; 2’48”

La visita a un ufficio pubblico – un’esperienza quasi universale…

With visit to the public office – almost universal experience…

***

ZDROWIE I TRZEŹWOŚĆ HEALTH AND SOBRIETY (2011)  di Zofia Gramz; 3’34”

Un rappresentazione dura della Varsavia contemporanea, dove i simboli nazionali stanno affogando in un delirio alcolico.   

The bitter impression of contemporary Warsaw (capital city of Poland), where national symbols are drowning in an alcoholic delirium…

 

White Shadows in the South Seas | Live Soundtrack by Mike Cooper

February 10, 2014 in Uncategorized by cinedetour

LOGOTONDO_ombra

Detour – Via Urbana 107 – Venerdì 21 febbraio h21.30

White Shadows in the South Seas

di W.S. Van Dyke e Robert Flaherty (Usa 1928, 89′, Silent with English Intertitles, muto con didascalie in inglese) 

with Live Soundtrack by / con colonna sonora eseguita da

Mike Cooper (UK)

WHITESHADOWS.JPG

Disgustato dallo sfruttamento dei pescatori di perle in Polinesia e dal degrado ambientale, un medico bianco alcolista approda su un’altra isola, ancora incontaminata dove, grazie all’amore di un’indigena, trova una nuova ragione di vita e di riscatto. Ispirato all’omonimo libro di viaggio del 1919 di Frederick O’Brien, che trascorse un anno nel sud pacifico con i nativi isolani, Il progetto iniziale del film prevedeva una collaborazione tra il grande documentarista etnografico Robert Flaherty e la MGM. Più tardi,a causa di attriti produttivi causati dal ritmo di lavorazione giudicato troppo lento dalla MGM, Flaherty passò il testimone della regia a Van Dyke. Flaherty riuscì comunque a girare alcune scene prima di lasciare la produzione, che sono state poi inserite nel montato finale (es. la scena della laguna nella giungla). Il film è noto per essere stato il primo della MGM ad avere una colonna sonora pre-registrata. 

Mike Cooper (Reading, Uk) è musicista, compositore, cantante, autore, improvvisatore, chitarrista slide, “collagiste” del suono, artista radiofonico, architetto del suono e performer per film muti. Ha inciso numerosi dischi e colleziona camicie hawaiiane.

Dr. Matthew Lloyd, an alcoholic doctor is disgusted by the exploitation by white people of the natives on a Polynesian island. The natives dive for pearls. However, numerous accidents occur and one diver dies. In anger, Dr. Lloyd punches Sebastian, the employer. As revenge and to pr
event
further interruption of his activities, he tricks Dr. Lloyd onto a ship with a deceased crew (thinking they are ill) and his men rough him up and send the ship off into a storm. Dr. Lloyd survives and is washed ashore on an island where none of the natives have ever seen a white man. The film is based on the 1919 novel of the same name by Frederick O’Brien, who spent a year in the South Pacific with native islanders. The film began production in 1927 as a co-venture between documentary filmmaker Robert Flaherty and MGM. It is known for being the first MGM picture to be released with a pre-recorded soundtrack.

For the past 40 years Mike Cooper has been an international musical explorer, performing and recording, solo and in a number of inspired groupings and a variety of genres. Initially a folk-blues guitarist and singer songwriter his work has diversified to include improvised and electronic music, live music for silent films, radio art and sound installations. He is also a music journalist, writing features for magazines, particularly on Pacific music and musicians, a visual artist, film and video maker, collector of Hawaiian shirts and appears on more than 60 records to date.

mike cooper

_______ 

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it
Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Cinebar | Musica | Video d’arte | Teatro | Editoria indipendente
Tutti i film sono proiettati in lingua originale con eventuali sottotitoli in italiano e/o in inglese

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997. All movies are screened in their original languages with italian or english subtitles

Ingresso riservato ai soci ARCI Primo ingresso con tessera associativa annuale: 8€ Ingresso alle proiezioni successive e alle attività: sottoscrizione minima 5€ Cineclub Detour è affiliato all’ARCI-UCCA e alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema) Per il tesseramento è preferibile arrivare con almeno 15 minuti di anticipo prima dell’inizio dello spettacolo

For ARCI members only. Annual membership including first admission: 8€ Following admissions to screenings: 5€ Cineclub Detour is affiliated to ARCI-UCCA and to FICC Please kindly arrive 15-20 minutes before the film starts to allow time needed for membership

Sostienici / Support Us

Seguici su /Follow us on:

 

Cinebimbi&Cinemamme

February 12, 2014 in Uncategorized by cinedetour

cinebimbi

 

Cinebimbi è la fabbrica dei sogni per i più piccoli.

Al cinebimbi i  bambini posso condividere con i propri amici e coetanei la magia della visione cinematografica.

Detour selezionera’ per loro i migliori titoli dell’animazione contemporanea e non.

E per i papa’ e le mamme cinebar e caffetteria in funzione durante le proiezioni.

***

Ideato per la prima volta a Roma dall’associazione di volontariato Citta’ delle mamme, Cinemamme sbarca anche al Detour.

Da mercoledì 15 gennaio, con cadenza settimanale, alle ore 10:30 il Detour propone i titoli migliori del proprio programma mensile in versione “baby”:

luci soffuse, volume adeguato, possibilita’ di accedere in sala con il passeggino, fasciatoio e scalda biberon a disposizione.

Cinebar e caffetteria in funzione per pre e post visione. 

***

L’ingresso e’ riservato ai soci ARCI: i genitori devono sottoscrivere la tessera (8 €).

Per ogni tessera si ha diritto ad un ingresso omaggio.

Ingresso alla proiezione 5 euro.

Per info e prenotazioni: cinebimbi@gmail.com