IL SOGNO DI MO 成为莫妮卡 – i 30 anni che crearono l’arte contemporanea cinese. Incontro a seguire

 

 

Domenica 13 Maggio 2018 ore 19.00
Roma Cinema Detour, Via Urbana 107 Roma 
On the Road Film Festival Preview 2018
Anteprima romana
Proiezione unica e incontro a seguire
in collaborazione con MO ART SPACE e FilmWork – Trento, associazione Il Mandarino, Luci dalla Cina film festival, Libreria Pagina 2

 

IL SOGNO DI MO 成为莫妮卡

diretto da Francesco Dal Bosco (Italia/Cina 90′, v.o. italiano/cinese, sottotitolato in italiano per le parti in cinese e in cinese per le parti in italiano) 
Con: Monica Dematté, Chi Ke, Liu Jianhua, Federica Beltrame, Zhuang Hui, Li Xianting, Liao Wen, Gian Carlo Calza, Ding Yi, Hai Bo, Zhang Jinhui, Xiong Wenyun, Zeng Hao, Xing Zhihao, Yang Guoxin, Du Silong, Pan Tao, Wang Zhongjie, Luo Yongjin.
Produzione: FILMWORK-Trento

a seguire incontro con Monica Dematté (critica d’arte, sinologa), Gian Carlo Calza (docente di Storia dell’Arte dell’India e dell’Asia Orientale, Università “Ca’ Foscari Venezia”) e Du Silong (collaboratore del “Mo Art Space”)

Era il 1986 quando Monica Dematté andò per la prima volta in Cina. L’arte contemporanea cinese era allora una realtà misteriosa e completamente sconosciuta. Quel primo viaggio, durato cinque mesi, in un paese così diverso da quello che è oggi, fu solo l’inizio di un’avventura intellettuale e sentimentale che avrebbe segnato la vita sua e di molti artisti cinesi, alcuni dei quali sono ora vere e proprie star.

Gli ultimi straordinari trent’anni della scena artistica cinese attraverso lo sguardo di una testimone di eccezione. Monica Dematté, critica d’arte, sinologa sui generis, tra i sei stranieri che hanno avuto maggiore influenza nell’evoluzione dell’arte cinese contemporanea. 

Realizzato utilizzando repertori inediti riguardanti l’arte cinese contemporanea filmati a partire dal 1990, interviste dell’epoca e recenti (in italiano e/o cinese) ad alcuni dei più importanti protagonisti degli ultimi decenni, il film accompagna Monica nel suo viaggio alla ricerca e valorizzazione dello “spirituale nell’arte”, cioè degli aspetti meno materiali esistenti (dove esistenti) nella ricerca artistica, marcando fieramente le distanze dal mondo puramente commerciale dell’arte contemporanea presentata dalle grandi gallerie.

Grazie a Vincenzo Fidomanzo e a Luca Dal Bosco per la collaborazione all’organizzazione della serata.


Mini bio Monica Dematté
Monica Dematté, nata a Trento nel 1962, attualmente vive e lavora fra l’Italia e la Repubblica Popolare Cinese, dedicandosi alla scoperta e al sostegno di artisti contemporanei, alla scrittura e alla cura di mostre. Laurea in D.A.M.S. (Università di Bologna) con indirizzo artistico, dottorato di ricerca in Storia dell’Arte dell’India e dell’Asia Orientale a Venezia (Ca’ Foscari). Dal 1986 trascorre lunghi periodi nella Repubblica Popolare Cinese. Nel 1988-89 studia presso la Guangzhou Academy of Fine Arts. Realizza tre video documentari sull’arte cinese e taiwanese contemporanea (1990, 1991, 1992).
Nel 1996 e 1997 lavora come curatrice del Singapore Art Museum. Collabora alla Biennale di Venezia nel 1999 e 2001, con saggi per i cataloghi.
Dal 2002 al 2005 fa base a Shanghai, dove lavora tra l’altro per la Shanghai Gallery of Art (Three on the Bund)
Ha tenuto numerosissime conferenze e seminari sull’arte cinese contemporanea presso varie università e musei e ha curato una sessantina di mostre principalmente nella Repubblica Popolare Cinese e in Italia. Da notare i primi corsi sull’arte cinese contemporanea al mondo tenuti all’università Ca’ Foscari di Venezia negli ultimi anni Novanta.
Il suo libro “Arte, una ricerca individuale – Percorrendo gli ultimi 20 anni dell’arte cinese” è stato pubblicato nel 2008 presso la casa editrice Hebei Fine Arts Publishing House. Si tratta del primo testo di un critico straniero pubblicato in Cina sull’argomento, in lingua cinese.
Dal 2014 è direttore artistico del Mo Art Space, spazio dedicato all’arte contemporanea unico nel suo genere nella provincia dello Henan e nella Cina stessa. (www.moartspace.com) 


Mini bio Francesco Dal Bosco
Dal 1976 al 1983, in coppia con Fabrizio Varesco, è tra i protagonisti della scena teatrale d’avanguardia italiana, realizzando numerosi spettacoli in teatri e gallerie d’arte in Italia e in Europa (tra gli altri: Beat 72, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Palazzo delle Esposizioni a Roma; Out-Off, Accademia di Brera, Castello Sforzesco a Milano; Institute of Contemporary Art, Londra). Nel 1982 gira in tre giorni a Bologna il lungometraggio “La notte che vola”, presentato ai Festival di Salsomaggiore e Rotterdam. Questo film vince il premio miglior film di ricerca al festival Filmaker di Milano e viene proiettato alla Cinèmathéque francais.Nel 1991 dirige in coppia con Stefano Consiglio “La camera da letto”, un film di nove ore che vede Attilio Bertolucci leggere integralmente il suo poema omonimo davanti alla cinepresa. Il film viene proiettato al Festival di Venezia nel 1992 in quattro serate e viene mandato in onda da “Fuori Orario”, su RAI3, in una trasmissione non stop che dura una notte intera. Nel 1993 dirige il video “Francis Bacon”, trasmesso da RAI1 e pubblicato in VHS da Electa. Del 1994 dirige il video “23 songs from the home” presentato al Festival di Venezia e all’Istituto di Cultura di Toronto (Canada) nello stesso anno. Pubblica con Daniele Costantini nel 1995, per Pratiche Editrice, il libro- intervista “Nuovo Cinema inferno”, sul cinema di Dario Argento. Nel 2001 è al Festival di Berlino, Edinburgo, Brisbane, Singapore, Manila con il lungometraggio “Commesso Viaggiatore”, interpretato da Claudio Bigagli e Maddalena Crippa. Del 2003 firma il documentario “Jackson song”, video ufficiale della mostra di Jackson Pollock al Museo Correr di Venezia dello stesso anno. Nel 2006, presenta al Festival di Pesaro il video “Niente è vero Tutto è Permesso”. Nel 2008 realizza a Roma il film “Apocalisse”, presentato al Religion Today Festival di Trento e al CINESPI di Louvain La Neuve, Belgio. Nel 2012 firma con Stefano Consiglio il documentario “Il Centro”, prodotto con la BiBi Film di Roma e RAI3. E’ ora in fase di preparazione del suo nuovo lungometraggio “Cielo Nero”.


LOGOTONDO_ombra

Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Cinebar | Musica | Arte Video | Teatro | Produzione Distribuzione indipendente

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma – www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it

Tutti i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano.
Ingresso: tessera annuale 4€ + quota partecipativa 5€

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997.
All movies are screened in their original languages with italian or english subtitles