Gennaio 2013

gennaio 7, 2013 in Uncategorized da cinedetour

Cineclub Detour @ Oasi Urbana – Via Urbana 107 Roma
www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it

Ingresso con tessera associativa annuale 7€ / ingressi successivi a sottoscrizione
Cineclub Detour è affiliato alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema)

Admission: annual membership 7€ / subscription
Cineclub Detour is affiliated to FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema)

seguici su /Follow us on:



Giovedì 10 _ ore 21
INCONTRI DI CINEMA
serata con proiezione e dibattito
a cura di VISIONI
per il programma dettagliato e informazioni: http://forumcinema.blog.tiscali.it/
Per partecipare agli incontri occorre prenotarsi scrivendo a visioni@gmelies.it

 

Venerdì 11 _ ore 21
Nocturno e Detour presentano
LA FIESTA DEL CHIVO (The Feast of the Goat)
di Luis Llosa (UK/Spa./Rep. Dom., 2005, 120’, Eng. vers. sott. ita.)

Tratto dal romanzo best-seller di Mario Vargas Llosa e tradotto per lo schermo dal cugino Luis Llosa, apprezzato regista di action movies. Urania Cabral, avvocato di Manhattan torna dopo 30 anni nella República Dominicana per affrontare i suoi fantasmi e le terrificanti circostanze che hanno alterato per sempre la sua vita durante la sua adolescenza, quando Rafael Leónidas Trujillo aka El Chivo (La Capra) governava il paese con il suo pugno di ferro. Dopo che Urania avrà affrontato il suo passato, nulla nella sua vita sarà più come prima. Grande cast internazionale con Isabella Rossellini nella parte di Urania, Tomas Milian in quella del dittatore Trujillo e Paul Freeman nei panni di Agustín Cabral. 


sabato 12 – domenica 13 _ ore 21.00
PRIMI PASSI. Esordi (o quasi) di grandi autori
KEN LOACH
Proiezione-studio a cura di Daniele Lupi

KES
di Ken Loach (UK, 1969, eng. vers., sott. ita)

E’ il secondo pungometraggio del regista e il primo film prodotto dalla Kestrel Productions (il film è basato sulla novella A Kestrel for a Knave di Barry Hines). Kes è considerato, ancora oggi, uno dei film più importanti e significativi del cinema indipendente britannico (settimo nella British Film Institute’s Top Ten Films). Ken Loach in questo film non ha ancora raggiunto (ovviamente) la maturità (e la perfezione) stilistica dei suoi successivi film, ma compie già scelte estreme: mostra senza far parlare, racconta con le immagini quello che, altrimenti, sarebbe impossibile esprimere con le parole. Sceglie il silenzio, la serenità, e la bellezza della natura e li contrappone ai rumori, alle liti, alle violenze, ed allo squallore della vita reale. Siamo nel seme di My name is Joe e Ladybird Ladybird.

“Fare sempre lo stesso film” era il motto ironico e tautologico di Godard. Ma, al fondo, c’è una verità: i grandi autori di cinema approfondiscono costantemente, di film in film, ognuno i motivi e i temi a lui più cari. Ossessivamente. In questo ciclo di appuntamenti Detour vuole mostrare i primi film (o quasi) di alcuni registi divenuti “grandi autori”. Per parlare delle loro ossessioni e capire le nostre. Terzo appuntamento: Ken Loach.

 

Martedì 15 _ ore 21.00
RUMBA
di Dominique Abel e Fiona Gordon (Francia, 2008, 77’, vers. française, sott. ita)

Una coppia di appassionati di danza latino-americana va in giro a collezionare coppe, finché un brutto incidente non stronca la loro carriera. Raccontato così sembra un film come tanti, ma non è così. Rumba è una commedia surreale/musicale che omaggia il cinema muto, I capolavori di Tati e che incanta con la sua leggerezza. Secondo lungometraggio della coppia francese Dominique Abel e Fiona Gordon, compagni nella danza, nel cinema e nella vita.

Mercoledì 16 e giovedì 17 _ ore 21

DAS SCHLOSS (Il Castello)
di Michael Haneke (Germania/Austria 1997, 123’, deutsch vers., sott. ita.)

Ispirato all’opera omonima di Franz Kafka. Il tentativo dell’agrimensore K di entrare nel Castello fallisce e pure l’intenzione di stabilirsi nel villaggio adiacente non va a buon fine. Più K si sforza di riuscire nello scopo e più si allontana dalla meta. La burocrazia del Castello impedisce, con la sua impenetrabilità e il suo arbitrio, ogni spiegazione razionale.

Venerdì 18 _ ore 21
ALPEIS
di Giorgos Lanthimos (Grecia 2011, 93’, greek vers., sott. ita)

Alpeis, un’agenzia di noleggio a domicilio guidata da un autoritario paramedico (Mont Blanc), offre a parenti e amici di persone decedute un servizio molto particolare: la sostituzione temporanea dei propri cari estinti con attori che ne reintepretano scene di vita passata attraverso tecniche di recitazione estreme, aiutando così i clienti a elaborare il loro lutto. Dal regista dello splendido Kynodontas (Dogtooth), una nuova esplorazione non priva di una certa dose di black humor, in un microcosmo concentrazionario e patologico. Come “Dogtooth” ruotava intorno alla figura di un padre di famiglia morboso e repressivo che costringeva i figli reclusi a rispettare una serie di regole assurde, anche Alpeis configura un’organizzazione sociale rigidamente gerarchica all’interno della quale si muovono individui psicologicamente labili.

 

Sabato 19 _ ore 21.00
PALESTINA PER PRINCIPIANTI
Ciclo di incontri e proiezioni in collaborazione con
Rete romana di solidarietà con il popolo palestinese.
Un ringraziamento a Valeria Belli e Livia Parisi

Ore 21.00 proiezione di
“Assetati di giustizia: reportage di Nandino Capovilla dalla striscia di Gaza” (10′)

A seguire:
Presentazione della rassegna a cura di Valeria Belli, Rete romana di solidarietà con il popolo palestinese e incontro con Mirna, interprete palestinese, e Francesco Marini regista del film “Palestina per principianti”.

ore 21.30 proiezione di
PALESTINA PER PRINCIPIANTI
Educazione sentimentale di un bassista rockabilly
dei Lou del Bello’s e Francesco Merini (Italia 2012, 60’)

Zimmy ama fare due cose nella vita: suonare il basso con la sua band, i Lou del Bello’s, e starsene nella sua amata città, Bologna. Questa volta, però, i suoi compagni di gruppo gli tirano un colpo basso: organizzano un viaggio per andare a insegnare musica a dei bambini di un campo profughi palestinese. Può tirarsi indietro Zimmy? Ovviamente no: parte e si porta dietro il suo amico cuoco Berna. In Palestina Zimmy non si trova poi troppo male, e anzi si affeziona subito a una famiglia, gli Azzah: Mohanned, sua sorella Mirna e la nonna Um Yunis. Mentre Berna si aggira per mercati di ogni genere alla scoperta dei sapori palestinesi, Zimmy non riesce a farsi una ragione del fatto che gli Azzah non possano più tornare nel loro villaggio d’origine, Bejit Jibrin, da cui sono stati cacciati nel 1948. E così decide di andarci lui stesso, mollando anche i compagni della sua band.

.

Domenica 20 _ ore 16:30
CINEBIMBI
in collaborazione con Visioni

Detour apre alle famiglie: Cinebimbi è la fabbrica dei sogni per i più piccoli e uno spazio di socialità per le loro famiglie.
Per informazioni: cinebimbi@gmail.com oppure cell. 3805008451

 

Martedì 22 – Mercoledì 23 _ ore 21
RED STATE
di Kevin Smith (Usa 2011, 88’, eng. vers., sott. ita.)

Dall’autore di Clerks un piccolo gioiello politicamente scorretto pieno di ritmo, adrenalina e humor nero. Omofobia, fondamentalismo religioso, potere militare e sovversione alle gerarchie: questi gli ingredienti di un ottimo thriller rimasto inspiegabilmente inedito in italia. con John Goodman.

 


Giovedì 24 _ ore 21.00
ALPEIS
di Giorgos Lanthimos (Grecia 2011, 93’, greek vers., sott. ita)

Alpeis, un’agenzia di noleggio a domicilio guidata da un autoritario paramedico (Mont Blanc), offre a parenti e amici di persone decedute un servizio molto particolare: la sostituzione temporanea dei propri cari estinti con attori che ne reintepretano scene di vita passata attraverso tecniche di recitazione estreme, aiutando così i clienti a elaborare il loro lutto. Dal regista dello splendido Kynodontas (Dogtooth), una nuova esplorazione non priva di una certa dose di black humor, in un microcosmo concentrazionario e patologico. Come “Dogtooth” ruotava intorno alla figura di un padre di famiglia morboso e repressivo che costringeva i figli reclusi a rispettare una serie di regole assurde, anche Alpeis configura un’organizzazione sociale rigidamente gerarchica all’interno della quale si muovono individui psicologicamente labili.

 

Venerdì 25 _ ore 21.00

Attenzione:
la serata CineFriends è posticipata a data da definirsi.
A grande richiesta riproponiamo

KES
di Ken Loach (UK, 1969, eng. vers., sott. ita)

E’ il secondo pungometraggio del regista e il primo film prodotto dalla Kestrel Productions (il film è basato sulla novella A Kestrel for a Knave di Barry Hines). Kes è considerato, ancora oggi, uno dei film più importanti e significativi del cinema indipendente britannico (settimo nella British Film Institute’s Top Ten Films). Ken Loach in questo film non ha ancora raggiunto (ovviamente) la maturità (e la perfezione) stilistica dei suoi successivi film, ma compie già scelte estreme: mostra senza far parlare, racconta con le immagini quello che, altrimenti, sarebbe impossibile esprimere con le parole. Sceglie il silenzio, la serenità, e la bellezza della natura e li contrappone ai rumori, alle liti, alle violenze, ed allo squallore della vita reale. Siamo nel seme di My name is Joe e Ladybird Ladybird.

 

Sabato 26 e domenica 27 _ ore 21
BERNIE
di Richard Linklater (USA 2011, 90′) Con Jack Black, Shirley MacLaine.

Ambientato in una piccola città del Texas, la storia segue un amatissimo impresario di pompe funebri, Bernie (Jack Black), che inizia un’amicizia improbabile con una vedova ricca ma molto possessiva (MacLaine). Tratto da una storia vera, il film è inspiegabilmente inedito in italia nonostante la presenza di uno straordinario Jack Black.

 

Martedì 29 e mercoledì 30 _ ore 21
Detour in collaborazione con Kimera Film presenta
SCORIE IN LIBERTA’
L’INCREDIBILE AVVENTURA DEL NUCLEARE IN ITALIA
di Gianfranco Pannone (Italia, 2012, 73′)

“A distanza di 10 anni dal mio ultimo film su Latina, avevo una gran voglia di tornare nella città dove sono cresciuto per raccontare almeno una parte dell’incredibile storia del nucleare italiano. L’ho fatto a denti stretti, con un piccolo budget e non senza interruzioni, ma lo sforzo, notevole, mi ha aiutato a comprendere un po’ meglio il mio strano Paese che provo a raccontare da più di vent’anni. Ho scelto di affrontare questo film in prima persona, sotto forma di diario intimo, perché quella del nucleare a Latina è anche la mia storia.” Gianfranco Pannone.

Dopo la proiezione incontro con Gianfranco Pannone.

 

Giovedì 31 _ ore 21
INCONTRI DI CINEMA
serata con proiezione e dibattito
a cura di VISIONI
per il programma dettagliato e informazioni consultate il blog: http://forumcinema.blog.tiscali.it/Per partecipare agli incontri occorre prenotarsi scrivendo a visioni@gmelies.it

 

.

Sabato 2 Febbraio _ ore 21
Detour in collaborazione con Officina Film Club

GIUSEPPE TAFFAREL
IL DOCUMENTARIO TRA POETICA DELL’IMMAGINE E RISCOPERTA DELLE RADICI PERDUTE

Ore 21presentazione a cura di Gianfranco Pannone.
A seguire:

FAZZOLETTI DI TERRA
(Italia, 1963, 14’) di Giuseppe Taffarel

L’ALPINO DELLA SETTIMA
(Italia, 1969, 18’) di Giuseppe Taffarel

RICORDANDO BANDITI A ORGOSOLO
(Italia, 1990, 53’) di Dario Barone e Anna Di Francisca  

Come nel caso di Vittorio De Seta anche Giuseppe Taffarel riprende le antiche tradizioni popolari proprio nel momento in cui esse stanno per scomparire. Due autori molto diversi, con diversi destini critici. Ma la rivalutazione dei lavori di Taffarel è un passaggio essenziale per la storia del documentario italiano. Come avvenne un anno fa per l’omaggio a De Seta, diverse sale si costituiscono in circuito per moltiplicare gli schermi.i due corti di Taffarel sono due preziosi e splendidi esempi della sua arte. Chiude la serata un documentari dedicato a Vittorio De Seta: gli autori ripercorrono tutte le fasi della realizzazione di BANDITI A ORGOSOLO, ritornano sui luoghi del film, intervistano, a distanza di trenta anni, quanti lo interpretarono. Di particolare importanza le interviste al direttore della fotografia Luciano Tovoli e ai registi Gianfranco Mingozzi e Carlo Lizzani.

 

Domenica 3 Febbraio _ ore 16:30
CINEBIMBI
in collaborazione con Visioni 

Detour apre alle famiglie: Cinebimbi è la fabbrica dei sogni per i più piccoli e uno spazio di socialità per le loro famiglie. Per informazioni: cinebimbi@gmail.com oppure cell. 3805008451