On The Road FF 2

dicembre 1, 2014 in OTRFF2014, OTRFF2014hm, OTRFFarchivio, Archivio da cinedetour

Con il sostegno di        Patrocinio di
logo_reg_tras_small     ROMA CAPITALE
Municipio I
logo-comune-roma-municipio_small

 

On the Road Film Festival 2

Festival itinerante del cinema indipendente sulla strada e di frontiera

Immagini erranti, spaesamenti e derive psicogeografiche

A itinerant independent cinema festival, both on the road and borderline
Errant images, displacements and psychogeographical drifts

 

Maggio – Novembre 2014 DOTR_Preview – anticipazioni ed eventi

1-21 Dicembre 2014 Festival (sezioni principali)

Cine Detour Roma | Proiezioni itineranti nel Lazio

detour-on-the-road014_web

 Un tragitto é sempre tra due punti, ma lo spazio intermedio ha preso tutta la sua consistenza, 
e gode di un’autonomia come di una direzione propria

G. Deleuze, F. Guattari, 1987

Una sezione di anticipazioni ed eventi speciali da maggio a novembre 2014, e un mese di proiezioni consecutive a dicembre 2014, in cinque sezioni competitive e non, con cinque anteprime nazionali, sei anteprime romane, il regista Jonathan Nossiter che inaugura l’ultima tranche del festival, l’evento speciale “Lei disse sì” vincitore del Biografilm, il documentario “Roma Termini” menzione speciale al Festival di Roma, tra gli ospiti anche il campione della Virtus Roma Bobby Ray Jones, autore di un inedito documentario.

Five National Premieres, six Roman ones, q&a with director Jonathan Nossiter, special event “She said yes”, winner of Biografilm, “Roma Termini” special mention at the Rome Film Festival, among the guests also the champion of basketball team Virtus Roma, Bobby Ray Jones, author of a rare documentary.

Viaggio, strada e frontiera sono le parole chiave del Festival internazionale itinerante “Detour On the Road Film Fest 2014”, articolato in una sezione di anticipazioni ed eventi da maggio a novembre 2014 e poi, in cinque sezioni competitive e non, dal 1 al 21 dicembre a Roma presso il cinema indipendente Detour (via Urbana 107), e in istituti scolastici, biblioteche e spazi culturali di Roma e del Lazio. Il festival è realizzato con il contributo della Regione Lazio e con il Patrocinio di Roma Capitale, Municipio I. 

Detour on the road 014 offre una panoramica sul miglior cinema indipendente, nazionale e internazionale, in tema di viaggio, inteso in tutte le sue forme e declinazioni: il viaggio che attraversa strade fisiche, mentali, sentimentali e artistiche, il viaggio che supera e unisce le frontiere. Il festival si articola in 6 sezioni (DOTRPreview, The road_la strada, ShortCuts_sentieri brevi, Off the map_fuori mappa, Across video_Artisti on the road, Cross road) di cui una sola competitiva (ShortCuts_sentieri brevi) e presenta oltre 70 lungometraggi, corti di animazione e non, serate di video arte, sonorizzazioni, incontri con registi e attori.

Una serie di anticipazioni nella sezione DOTRPreview (Proiezioni ed eventi speciali maggio-novembre 2014) in collaborazione con TUCKER FILM, FELTRINELLI REAL CINEMA, AXELOTIL/PABLO, NOMAD e WHALE PICTURES, LO SCRITTOIO, 50NOTTURNO: si è partiti a maggio 2014 con una settimana dedicata al documentario d’autore on the road di Alberto Fasulo, vincitore del Festival del Cinema di Roma 2013 con TIR. Del regista è stata proposta l’intera filmografia, dal cortometraggio d’esordio Atto di Dolore a Rumore Bianco, intenso viaggio lungo una terra di frontiera segnata dallo scorrere del fiume Tagliamento. A Settembre nuovo appuntamento DOTRPreview con il biopic: protagonista del doc di Shane SalernoIl mistero del giovane Holden, il grande scrittore JD Salinger.

A novembre si entra ne vivo con una serie di anteprime DOTR: Se chiudo gli occhi non sono più qui, in concorso lo scorso anno al Festival Internazionale del film di Roma e al Santa Barbara International Film Festival 2014, è il quarto lavoro del regista sondriese Vittorio Moroni (Tu devi essere il lupo, Le ferie di Licu, Eva e Adamo) che vede, tra i protagonisti, anche Beppe Fiorello e Giorgio Colangeli. Il fim è stato presentato in sala dal regista, dal cast e da Piero del Soldà (Radio3) in collaborazione con Save the Children. Altra proposta di cinema italiano indipendente on the road, Non lo so ancora, opera prima di Fabiana Sargentini, proiettato alla presenza della giovane regista. 

Prosegue il viaggio nel grande cinema indipendente di finzione con Frances Ha di Noah Baumbach, con protagonista una Greta Gerwig meravigliosa e scanzonata. La sua Frances si aggira tra Brooklyn, Chinatown, Sacramento, Parigi e cene imbarazzanti, in una piccola grande commedia, sincera e arguta, sospesa tra atmosfere alla Woody Allen d’annata e ambizioni da palcoscenico alla Flashdance. Da Brooklin a Napoli; la città partenopea è protagonista con due documentari d’autore: Le cose belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno, che mostra la fatica e la bellezza di crescere al Sud attraverso le storie di quattro giovani, Adele, Enzo, Fabio e Silvana raccontati in due momenti fondamentali delle loro esistenze;  L’Amministratore di Vincanzo Marra, dove il viaggio prosegue per le vie e i vicoli napoletani, in compagnia di un amministratore di condomini, alla scoperta di una variegata umanità e dove il condominio diventa specchio deformante dell’attuale società nazionale. 

A ridosso del mese conclusivo del festival, in prima nazionale, DOTRPreview ha proposto Master of the Universe di Marc Bauder, Premio della Semaine de la Critique al Festival di Locarno 2013, un viaggio vertiginoso nei misteri della bolla finanziaria svelati da un potente ex-broker. 

A dicembre Detour on the Road presenta due eventi speciali alla presenza dei registi: “Lei disse sì”, docufilm vincitore sia del premio della giuria che del premio del pubblico al Biografilm festival 2014, che racconta il viaggio di due donne in Svezia per poter coronare il loro sogno d’amore con il matrimonio. Una rivoluzione a colpi di bouquet in un paese, l’Italia, in cui il matrimonio omosessuale non è ancora riconosciuto; e “Resistenza naturale” documentario di Jonathan Nossiter (MondoVino) che racconta le storie di protagonisti della rivoluzione del vino naturale.

Nelle sezioni dicembrine del festival, cinque le anteprime nazionali: “Basketball Jones: the overseas journey” primo film documentario prodotto e diretto dal campione di basket Bobby Ray Jones della Virtus Roma, “O!PLA animation across borders” selezione di corti dal festival di animazione polacco O!PLA 2014, il documentario “Roma Termini” anteprima dal Festival di Roma 2014 dove ha ricevuto la menzione speciale delle giuria, “Foudre/fulmine” della regista francese Manuela Morgaine, della durata di quasi 4 ore, è una leggenda in 4 stagioni le cui storie attraversano diversi paesi e secoli, “Homing” film del regista Xabier Iriondo e della coreografa Marina Mascarell che attraverso la danza racconta il viaggio di una ragazza dal mondo selvaggio alla società

Sei le anteprime romane: Resistenza alsaziana” e “Desistenza a Milano” del regista Jonathan Nossiter che saranno proiettate in occasione della presentazione del dvd del film “Resistenza naturale”. “Finding Fela” del premio Oscar Alex Gibney racconta la vita, la musica, l’impegno sociale di Fela Anikulapo Kuti, “Ahora si llego!” road movie ambientato a Cuba di due artisti: l’italiano Desiderio e il cubano José Balboa. “Maicol Jecson” di Francesco Calabrese con Remo Girone, The Land Between” vincitore del LampedusaInFestival 2014, “El impenetrable” viaggio in Paraguay tra latifondisti, corruzione e popolazioni indigene

Tra i film che saranno presentati anche “Transeuropae Hotel” con Pippo Del Bono, Marina Rocco e Peppe Servillo; il toccante documentario con inserti d’animazione “The dark side of the sun” sui bambini affetti da una rara malattia che impedisce loro di essere esposti ai raggi del sole con Leo Gullotta e Pino Insegno; lo scioccante “Lo stato della follia” con il sindaco di Roma Ignazio Marino che in veste di membro della commissione di inchiesta ci guida nell’incubo degli ospedali psichiatrici giudiziari

Registi, attori, musicisti incontreranno il pubblico in sala o in collegamento via Skype. Tra gli ospiti che interverranno in sala il regista Jonathan Nossiter, l’attore Remo Girone, la regista francese Manuela Morgaine, il musicista Mike Cooper, il regista Bartolomeo Pampaloni, i registi Carlo Shalom Hintermann e Lorenzo Ceccotti, il campione di basket Bobby Ray Jones jr, Rosa Monicelli, il regista Francesco Cordio, il regista e artista Desiderio, il filmaker e docente di cinema australiano Marcus Bergner

Incontri via skype con i registi Manon Ott e Gregory Cohen, con la regista Maria Pecchioli, con Moira Chappedelaine-Vautier regista e figlia del cineasta René Vautier.

 

SEZIONI DOTR014

DOTRPreview_AnteprimaDOTR Ciclo di anticipazioni e proiezioni in anteprima, maggio-novembre 2014.

The Road _ La Strada Sezione non competitiva per film a soggetto e documentari, inediti e non.

ShortCuts _ Sentieri brevi Sezione competitiva per corti e mediometraggi di qualsiasi genere della durata massima di 45 minuti;

Off the Map _ Fuori mappa Sezione fuori concorso che raccoglie: un focus su opere che raccontano un paese, una nazione o una specifica area geografica o di appartenenza linguistica; una retrospettiva di film classici della storia del cinema; lavori inediti e anteprime con temi legati al viaggio e alla strada;

AcrossVideo _ Artisti on the road Panoramica non competitiva, dedicata alla scena contemporanea di video d’arte e di ricerca, espressione della visione poetica del mondo dell’artista viaggiatore; alla sezione verrà accostata una mostra fotografica;

CrossRoads _ Incontri sul confine tra cinema, letteratura, musica e arte performativa: sonorizzazioni di film eseguite dal vivo, laboratori e spettacoli per i più piccoli, letture e performance.

 

UN FESTIVAL ITINERANTE

Coerentemente alla sua natura itinerante, DOTR014 prevede un calendario parallelo di proiezioni e momenti d’incontro presso sale cinematografiche, istituti scolastici, biblioteche e centri culturali a Roma e nel Lazio:

> 3-4 dicembre – Scuola Primaria Principe di Piemonte, Roma; h9.30/11 sonorizzazione favole animate a cura di P.H.A.K.E.
> 9 dicembre – Arci Spazio Biancovolta, Viterbo, h21.00 proiezione “The Land between” di D. Fedeli + Incontro Skype con il regista
> 13 dicembre – Biblioteca comunale, Montopoli di Sabina (Ri), h18.00 proiezione “Maicol jecson” di F. Calabrese e E. Audenino
> 14 dicembre – Circolo Arci la Freccia, Aprilia (Lt), ore 21.00 proiezione “Titubanda” di B. Vey
> 19 dicembre – Ass. Lo stato delle cose, Mandela (Rm), h21.00 festival animazione O!PLA; a seguire “Paradiso” di A. Negrini
> 21 dicembre – Circolo Arci la Freccia , Aprilia (Lt), h21.00 proiezione “Riding for Jesus” di S.Varani


Direzione artistica e organizzazione: DETOUR
Ufficio Stampa: Simona Sarmati
In collaborazione con: Aspettando Ogni maledetta Domenica, Settimana Basca-Ass. Cult. Euskara, Collettivo Askavusa-LampedusaInFestival, O!PLA Polish Animation Across Borders, Artdigiland
Media Partners: OMDCInema, Radio Città Aperta, Schermaglie.it, Sentieri Selvaggi
Ringraziamenti a: Elisa Esposito, Jonathan Nossiter, Aude Fourel, Silvia Tarquini, Roberto Silvestri, Antonella Inverno, Piotr Kardas, Alex Mendizabal, Marcus Bergner; Caterina DAleo, Claudio Gentile, Enrico Costantino, Marco Morello, Chiara Lenzi, Stefania Bonelli, Fabrizio Croce, Daniela Bordini, Alessia Brandoni, Riccardo Garbetta,Giovanni Coppi, Simona Sarmati, Francesco Di Stefano, Richard Ian Agostini, Chiara Nisticò, Accademia di Francia-Villa Medici, Istituto di Cultura Francese, Arci Lazio, Circolo Arci la Freccia (Aprilia), Ass. Lo stato delle cose (Mandela), Biblioteca comunale Montopoli di Sabina, Spazio Biancovolta (Viterbo), Scuola Primaria Principe di Piemonte (Roma)


 

Programma@Cinema Detour

>via Urbana 107 rione Monti Roma
per info e prenotazioni scrivere a: cinedetour@tiscali.it / tel. 064871579 (ore serali martedì-domenica)

 

DOTRPreview_AnteprimaDOTR014

4-11 Maggio 2014 
in collaborazione con Tucker Film
Alberto Fasulo – Il cinema dell’imprevedibilità: T.I.R. / RUMORE BIANCO e ATTO DI DOLORE

13-14 / 20-21 Settembre 2014
in collaborazione con Feltrinelli Real Cinema
SALINGER – IL MISTERO DEL GIOVANE HOLDEN di Shane Salerno

1 – 2 Novembre 2014
in collaborazione con 50Notturno, Istituto Luce, Lo scrittoio, Save the Children
SE CHIUDO GLI OCCHI NON SONO PIU’ QUI di Vittorio Moroni
LE COSE BELLE di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno

4-6-8-9 Novembre 2014
in collaborazione con Whale Pictures
FRANCES HA di Noah Baumbach

21-22-23 Novembre 2014
in collaborazione con Axelotil/Pablo Film
L’AMMINISTRATORE di Vincenzo Marra

27 Novembre 2014
in collaborazione con Nomad Film Distribution
MASTER OF THE UNIVERSE di Marc Bauder

Lunedì 1 Martedì 2 Mercoledì 3 Giovedì 4 dicembre

h21
Evento speciale
in collaborazione con IWonderPictures

LEI DISSE SÌ 
Just Say Yes

di Ingrid Lamminpää, Maria Pecchioli, Lorenza Soldani
regia Maria Pecchioli
Italia/Svezia, 2014, 67’, v.o. italiano/svedese, sott. italiano

LeiDisseSi_detour_ss 

Due donne decidono di rendere pubblico il loro giorno più bello, anche se sanno che così facendo si esporranno all’incomprensione di un Paese, l’Italia, dove il matrimonio omosessuale non è ancora riconosciuto. Dal loro seguitissimo blog nasce questo film, che racconta le avventure di due promesse spose fino a fatidico sì. Lei disse si è una storia d’amore fatta di musica, di rifiuto e abbandono, di accoglienza e condivisione, di imprevisti, speranze, amici e parenti, testimoni allegri di un sogno che si avvera. È il racconto di due donne che si amano. Lei disse si è un frammento di Italia, di boschi e laghi svedesi ed è una festa dove il menù di nozze è a base di diritti civili. Vincitore del Biografilm Italia e Audience Award 2014.

“Just say yes” is a love story made of music, rejection and abandonment, welcoming and sharing, unexpected events and friends and family, the cheerful witnesses of a dream come true. It’s the tale of two women who love each other. “Just say yes” is a fragment of Italy, a collection of Swedish woods and lakes, it’s a wedding party where the main ingredients on the menu are civil rights. Audience and Italia Award Biografilm Festival 2014.

Giovedì 4 dicembre incontro skype con le autrici


mercoledì 3 dicembre

h19.30
Evento speciale

RESISTENZA NATURALE
Natural Resistance

Jonathan Nossiter
Italia 2014, 85′, V.O. italiano, sott. inglese 

resistenza_naturale_detour_s

Quattro viticoltori italiani, dalla Toscana alle Marche, dall’Emilia Romagna al Piemonte, che si sono fatti portavoce della rivoluzione del vino naturale e hanno deciso di lavorare la terra nel pieno rispetto della natura e dei suoi tempi: da anni combattono le leggi restrittive e la sospettosa burocrazia dei controlli imposte dall’Unione europea e dalle associazioni di viticoltori.

Four Italian winegrowers live a life we all dream of: Giovanna Tiezzi and Stefano Borsa in Tuscany find a way to grow grains, fruits and wine that creates a link to their ancient Etruscan heritage; Corrado Dottori and Valerio Bochi in the magical Marches labour for a rural expression of social justice; ex-librarian Elena Pantaleoni working her father’s vineyards in Emilia, strives to make her estate a utopian reality; and then Stefano Bellotti, the Pasolini of Italian agriculture, a radical farmer poet, disrupts everyone’s rules from his avant garde farm in the Piedmont. But these protagonists of a rapidly spreading European natural wine revolution have encountered fierce resistance.


venerdì 5 dicembre
In collaborazione con Aspettando Ogni Maledetta Domenica-Radio Città Aperta

h19
CrossRoads_Incontri sul Confine

INDEPENDENCE (BIRTH)DAY
4 ANNI di OMDCINEMA

independence_birthday_detour_s

Cine-Aperitivo a cura dello Chef MarcoMorello di OMDCinema-RCA
Selezione musicale e video a cura di OMDCinema-RCA
Degustazione vini di “Resistenza Naturale” in collaborazione con J.Nossiter

Aspettando Ogni Maledetta Domenica (omdcinema per gli amici) compie 4 anni. 4 anni di VIAGGIO nel cinema indipendente che la trasmissione radiofonica OMDCINEMA ha deciso di festeggiare assieme agli amici del Detour in occasione dell’inaugurazione dell’ultima tappa del Festival. OMDCINEMA punta i riflettori sul cinema indipendente garantendo la possibilità di uno spazio dedicato alle realtà dell’underground cinematografico italiano. Le voci dei protagonisti, i progetti più interessanti, le idee e le tecnologie destinate a segnare (e a far sognare) il futuro della settima arte in Italia; perché un’alternativa è sempre possibile, basta avere la voglia di cercarla.

Aspettando Ogni Maledetta Domenica, ogni sabato alle ore 13.30 su Radio Città Aperta www.omdcinema.it

Cine-Aperitif by Chef Marco Morello of OMDCinema-RCA / Music and Video Selection by OMDCinema-RCA / “Natural Resistance” Wine Tasting with J. Nossiter

Waiting for Every Damn Sunday – omdcinema for friends – celebrates its fourth birthday. A 4 years journey in the independent cinema world that OMDCINEMA wants to celebrate at the beginning of the Festival. OMDCINEMA focuses on independent cinema creating the possibility of a dedicated space to the Italian underground film creative potential. The characters voices, the most interesting projects, ideas and technologies that are destined to mark (and help us imagine) the seventh art in Italy, because an alternativre is always there, provided one has the courage to search for it.

 —

h21.30 ANTEPRIMA ROMANA
The Road_La Strada
Presentazione DVD “Resistenza Naturale” (ed. Cineteca di Bologna)

Alla presenza del regista Jonathan Nossiter. seguire dibattito

RESISTENZA ALSAZIANA
Alsatian Resistance

Jonathan Nossiter
Italia 2014, 42′, V.O. francese, sott. italiano

Resistenza_alsaziana_nossiter_detour_s 

“Nel febbraio 2014, in occasione della proiezione di Resistenza Naturale alla Berlinale, sono stato contattato da Marc Tempé, grande viticoltore alsaziano, che mi ha invitato a presentare l’anteprima francese a Colmar, a sostegno dei falciatori volontari di viti OGM, durante il processo d’appello. In questo contesto festivaliero, la richiesta di Tempé mi sembrava surreale. Ciò mi ha fatto riflettere sul mio mestiere.  A chi e a che cosa serve oggi un film? All’interno di un gran festival, un regista è come dentro una “borsa culturale”. Tra momenti di riconoscenza (o di umiliazione) per il suo status di artista démodé, egli vive dei momenti – più frequenti – in cui prova l’angoscia di un piccolo commerciante che rischia il fallimento, con la consapevolezza che il suo lavoro culturale non può avere un risvolto pubblico senza un valore commerciale. È stata quindi una gioia apprendere che dei liberi cittadini, lontani dagli artifici del consumo culturale, desiderassero stabilire un contatto con il mio lavoro. Il 19 marzo 2014, mi sono recato a Colmar, per proiettare il mio film e incontrare Tempé, il suo amico Jean-Pierre Frick, pioniere del vino naturale e uno dei 54 falciatori volontari. E’ venuto anche Stefano Bellotti, protagonista di Resistenza Naturale e amico storico dei due vignaioli francesi. Questo film ritrae qualche giorno cruciale nelle vite di chi crede ancora nella disobbedienza civile. J.Nossiter

“In February 2014, while presenting Natural Resistance at the Berlin film festival, I was contacted by Marc Tempé, a renowned French winemaker who asked me if I would show my new film in Colmar in support of the citizens who had voluntarily destroyed an experimental field of GMO vines, during their trial before the Court of Appeals. In the context of a big festival, his invitation seemed surreal. It made me reflect on my profession. Of what use -and for whom- is a film today ? On March 19, 2014, I went to Colmar, to show my movie and meet Tempé and his friend Jean-Pierre Frick, the natural wine pioneer and one of the 54 GMO combatants. Stefano Bellotti, protagonist of Natural Resistance, and longtime friend of the two Alsatian winemakers also came to support them. This movie traces a few critical days in the lives of contemporary practitioners of civil disobedience”, J. Nossiter.

a seguire ANTEPRIMA ROMANA

DESISTENZA A MILANO
Desistance in Milan

Jonathan Nossiter
Italia 2014, 34′, V.O. italiano

desistenza-a_milano_nossiter_detour_s 

“Nel maggio 2014 ho presentato Resistenza Naturale a Milano con Stefano Bellotti, Stefano Borsa e Corrado Dottori. La mattina dopo siamo stati invitati alla Facoltà di Agraria di Milano dal docente Lucio Brancadoro, con cui avevo stretto amicizia l’anno prima, nonostante fossimo su posizioni diametralmente opposte sulle questioni riguardanti l’agricoltura. Ho molto apprezzato che Brancadoro abbia accettato un dibattito coi vignaioli davanti a un centinaio dei suoi studenti e a qualche professore della Facoltà. Questi confronti sono rari, tra sostenitori del biologico, biodinamico e metodi naturali e quelli che difendono l’approccio chimico-industriale. La grande domanda che ogni spettatore potrebbe sentirsi libero di fare è: tra di loro chi incarna di più lo spirito scientifico-umanista e chi quello religioso-ideologico? Siamo nel trecento o nel post novecento? Che cosa è cambiato?” J. Nossiter

 “In May 2014 I attended a screening of Natural Resistance in Milan with Stefano Bellotti, Stefano Borsa e Corrado Dottori. The next morning we were invited to the Faculty of Agriculture in Milan by prof. Lucio Brancadoro, with whom I had befriended the year before, even though we were on diametrically opposite positions on issues relating to agriculture. I really appreciated that Brancadoro has accepted a debate with the winemakers in front of a hundred of his students and some professor. These confrontations, between supporters of organic, biodynamic and natural methods and those who defend the approach to chemical industry, are rare. The big question that every viewer may ask is: among them, who best embodies the scientific and humanist spirit and who the religious-ideological one? Which century are we living actually, the Fourteenth or the Post-twentieth?” J. Nossiter


sabato 6 dicembre

h20 spazio foyer
AcrossVideo_Artisti on the Road

Inaugurazione Mostra Collettiva: AV>EST

Emanuela Di Dionisio: pitture a inchiostro e pennello giapponese.
Chiara Nisticò: fotografieinedite di viaggio da Cina, Giappone, 
Thailandia e Cambodia.
Il duo romano Ranelettrike: 
video-super8 “Beijing Double Happiness” dal Festival di Rotterdam. Il duo italo-giapponese DonnaOnna: video “Non disperdere nell’ambiente” dal Circuito Extra, Festa del Cinema di Roma.

Group Exhibition Opening: AV-EST
Emanuela Di Dionisio: Japanese ink and brush paintings. Chiara Nisticò: unpublished travel pictures from China, Japan, Thailand and Cambodia. The Roman Duo Ranelettrike: video-super 8 “Beijing Double Happiness” directly from Rotterdam Film Festival. And the Italian-Japanese duo DonnaOnna: a video called “Do not litter” from the Circuito Extra, Rome Film Festival.

h20.30
Off the Map_Fuori Mappa
a cura di Aude Fourel

ALGERIE EN FLAMMES
Algeria in fiamme

René Vautier
Francia 1958, 20′, v.o. francese, sott. italiano

algerie_en_flamme_vautier_detour

René Vautier filma nel 1958 sulla linea del fronte i partigiani algerini che lottano per conquistare l’indipendenza e la libertà del loro paese. Per questo film sarà condannato a morte in Francia e incarcerato due anni nelle prigioni del GPRA in Tunisia.

Scenes from the FLN’s struggle for Algeria’s independence. Vautier went underground for the film’s making, was wounded several times, finally got caught and was sentenced to 25 months in prison. Film making as an act of solidarity in the international anti-imperialist struggle.

 —

a seguire
Off the Map_Fuori Mappa
a cura di Aude Fourel

HISTOIRES D’IMAGES, IMAGES D’HISTOIRE
Storie di immagini, immagini storia

Moïra Chappedelaine-Vautier e René Vautier
Francia 2014, 60′, v.o. francese, sott. italiano

Vautier

1950: la ricostruzione di Brest, rasa al suolo durante la guerra. Uno sciopero generale viene bloccato con le armi: muore un giovane operaio, Edouard Mazé. Il cineasta René Vautier ritorna clandestinamente dall’Irlanda per filmare la città in lutto e la lotta degli operai. L’unica copia del breve film, con il solo commento di una poesia di Eluard, viene proiettata nei cantieri in sciopero, da una cabina montata su un camioncino, diventando essa stessa parte di quel fatto, cinema d’intervento sociale. Storie di immagini, immagini di storia, racconta l’ingiustizia vissuta da Pierre Cauzien, ferito durante la stessa manifestazione e morto senza aver mai ottenuto il riconoscimento legale di vittima della violenza poliziesca.

1950: Rebuilding of Brest, destroyed during the war. A general strike is blocked by force of arms: Edouard Mazé, a young worker, dies in the struggle. The filmmaker René Vautier smuggle back from Ireland to film the city in mourning, and the workers’ struggle. The only reel of this short film, with an audio comment from a poem by Eluard, is projected at the construction sites, during the strike, becoming itself part of that struggle, as cinema of social intervention. “Histoires d’images, images d’Histoire”, tells the injustice experienced by Pierre Cauzien, mortally wounded during the same event, without ever having obtained any legal recognition as a victims of police violence.

A seguire incontro skype con Moïra Chappedelaine-Vautier, regista e figlia di René Vautier

h22.30
The Road_La strada

NARMADA

Manon Ott e Gregory Cohen
Francia 2012, 47’, v.o. Hindi, sott. italiano

narmada_detour

Girato in super 8, è un viaggio lungo il fiume Narmada in India, tra il mito del progresso e i miti ancestrali del fiume. «Le dighe saranno il tempio dell’India moderna» dichiarava Nehru come proclama dell’indipendenza nazionale. La costruzione di un vasto complesso di dighe sul fiume Narmada è stata completata. La lotta sociale è organizzata. è ora il momento di incontrare gli abitanti e le loro credenze e convinzioni.

 Shot on super 8, the film appears like a journey, a dream along the Narmada river in India, between myths of Progress and myths of the river. “Dams are the temples of modern India,” declared Nehru as the country proclaimed its independence. Construction on a vast complex of dams is soon to be completed on the Narmada river. A social struggle is organized. As we cross the Narmada River valley, we encounter the inhabitants, beliefs and convictions brought into conflict as this river undergoes great transformation.

Prima della proiezione incontro skype con i registi Manon Ott e Gregory Cohen


domenica 7 dicembre

h17.30 ANTEPRIMA ITALIANA
AcrossVideo_Artisti on the Road

FOUDRE/FULMINE una leggenda in quattro stagioni 

*parte 1 – Baal (autunno); Pathos Mathos (inverno)

Manuela Morgaine
Francia 2012, 2h06’’, v.o. francese, sott. italiano

foudre_detour_1

Una leggenda in quattro stagioni. Questo panorama è uno zigzag filmico che si biforca come la scarica di un lampo. I soggetti attraversano simultaneamente diversi paesi e secoli. L’autunno insegue un cacciatore di fulmini. L’inverno aspira a esaminare la malinconia. La primavera resuscita un mistico che ha vissuto per quarant’anni sulla cima di una colonna. L’estate mette in scena l’incontro esplosivo tra due intense creature.

A legend in four seasons. This panorama is a filmic zigzag that forks out like a bolt of lightning. Its subjects straddles several countries and centuries simultaneously. Autumn follows a lightning hunter. Winter strives to analyze melancholy. Spring resuscitates a god maniac who lived atop a column for 40 years. Summer stages the earth-shattering meeting between two intense creatures.

a seguire aperitivo alla presenza della regista Manuela Morgaine

h20.15 ANTEPRIMA ITALIANA

FOUDRE/FULMINE una leggenda in quattro stagioni

*parte 2 La leggenda di Symeon: (primavera), Atomi (estate)– primavera, estate

Manuela Morgaine
Francia 2012, 1h44’’, v.o. francese, sott. italiano

a seguire incontro con la regista Manuela Morgaine. Modera Roberto Silvestri


lunedì 8 dicembre

h21 ANTEPRIMA ROMANA
The Road_La Strada

MAICOL JECSON

Francesco Calabrese e Enrico Audenino
con Remo Girone, Tommaso Maria Neri, Vittorio Gianotti, Stefania Casini

Italia 2014, 84’, v.o. italiano, sott inglese

8dic_Maicol-Jecson-600x315

È l’ultima settimana del giugno 2009. I genitori sono partiti per le vacanze, così Andrea decide di sfruttare la loro assenza per saltare il campo estivo e fare l’amore per la prima volta con la sua ragazza. Per questo innesca una serie di accadimenti a catena che lo portano, insieme al fratellino e a un anziano conosciuto in un ospizio, a vivere un’avventura carica di imprevisti.

 It’s the last week of June 2009. Andrea’s parents left for a summer trip so he takes advantage of the situation to skip summer camp and make love for the first time with his girlfriend Eva. His choice triggers a series of events leading him to an on the road adventure along with his younger brother Tomaso, a huge fan of Michael Jackson, and Cesare, an old man met at a retirement home.

A seguire incontro con l’attore Remo Girone e il produttore del film Luca Legnani


 martedì 9 dicembre

 h21 ANTEPRIMA ROMANA
The Road_La Strada

FINDING FELA

Alex Gibney
con Fela Kuti, Yeni Kuti, Femi Kuti, Seun Kuti

Usa 2014, 120’, v.o. inglese, sott ita

 finding_fela_detour_web

Dal Premio Oscar A. Gibney. Il film racconta la storia di Fela Anikulapo Kuti, la vita, la musica, la sua importanza politica e sociale. Ha creato un nuovo movimento musicale, l’Afrobeat, con il quale veicolava le sue rivoluzionarie opinioni contro il governo dittatoriale nigeriano degli anni ’70 e ’80. La sua influenza contribuì al processo democratico in Nigeria e promosse la politica panafricanista nel mondo. Il potere e la potenza del messaggio di Fela è attuale e si esprime oggi nei movimenti politici dei popoli oppressi per i quali la musica e il messaggio di Fela dando forza alla loro lotta per la libertà.

The movie tells the story of Fela Anikulapo Kuti’s life, his music, his social and political importance. He created a new musical movement, Afrobeat, using that forum to express his revolutionary political opinions against the dictatorial Nigerian government of the 1970s and 1980s. His influence helped bring a change towards democracy in Nigeria and promoted Pan Africanist politics to the world. The power and potency of Fela’s message is completely current today and is expressed in the political movements of oppressed people, embracing Fela’s music and message in their struggle for freedom.


mercoledì 10 dicembre

h21 ANTEPRIMA NAZIONALE
Off The Map_Fuori Mappa
In collaborazione con Settimana basca_www.euskara.it 

HOMING

Xabier Iriondo regia | Marina Mascarell coreografia | Iñigo Ugarteburu musica
con Carolina Mancuso

Spagna/Paese Basco 2014, 29’, no dialogo

10dic_homing_250

Una ragazza che è cresciuta in mezzo a un branco di lupi ritorna in città. Lungo il suo cammino incontra diversi personaggi che modificheranno il suo comportamento. Homing rappresenta un viaggio dal mondo selvaggio alla vita in società.

A girl who was bought up by a pack of wolves returns to the city. Along her way she comes across different characters who transform her behaviour. Homing represents a journey from the wild world to a life in society

Presentazione della serata a cura di Settimana Basca – Euskara.it

h21.45

EMAK BAKIA BAITA
La Casa Emak Bakia

Oskar Alegria
Spagna/Paese Basco 2012, 83’, v.o. basco/spagnolo/francese, sott ita

10dic_lacasaemakbakia_250

Un originale e inclassificabile ‘documentario’ alla ricerca della villa sulla costa basca in cui Man Ray visse e realizzò il suo celebre cinepoema. In ossequio al credo surrealista il regista si lascia guidare dal caso in un viaggio in cui il cammino si impone alla meta, incrociando le tombe di un clown, un’utranovantenne nobildonna rumena e molte altre storie misteriose e affascinanti.

An avant-garde film by Man Ray called Emak Bakia inspires this story of a quest. The house near Biarritz where Man Ray’s film was shot in 1926 bore that peculiar name and the creator of this new film decided to undertake a search on foot to find it. Only three views of that mansion exist: the image of its front door, two columns of a window, and a section of nearby coast. A search based on these old images would not be easy. There was nothing listed in the archives and no one today remembers the house.


giovedì 11 dicembre

h20.30 spazio foyer
AcrossVideo_Artisti on the Road

trilogia Film super 8 Kodak TRI-X

Aude Fourel, 2011-2014

11dic_aude_ST#3_250

ST#3 – 2014 ANTEPRIMA ASSOLUTA. Davanti a un telaio addormentato, delle immagini e dei racconti ordinari resistono e si srotolano come un filo teso e fragile. Creazione video realizzata col sostegno della Cineteca di Saint-Etienne e della fabbrica TASE (Vaux-en-Velin). Prima proiezione francese, 18 dicembre 2014, alla Maison des Arts Plastiques di Champigny-sur-Marne (Paris).

ST # 3-2014 PREVIEW ABSOLUTE. Just in front of a dormient loom, some images and ordinary tales stay still and unroll like a tight and fragile rope. Video creation made with the support of the Film Library of Saint-Etienne and the factory TASE (Vaux-en-Velin). First French show, December 18, 2014, at the Maison des Arts Plastiques of Champigny-sur-Marne, Paris (France).

ST#2 – 2012. Proiezione di un pedinamento filmato in super 8 per Roma a settembre 2011. Performance della proiezione realizzata a maggio 2012. Invertire il «faccia a spalle» del dispositivo del pedinamento. Corpo-immagine, corpo-cinepresa, corpo-schermo. Camminate senza volto. Camminate notturne, Anna Magnani di fronte alla cinepresa. La voce di un volto evidente. Colonna sonora estratta da Mamma Roma di Pier Paolo Pasolini.

ST # 2 – 2012. Projecting a shadowing super 8 movie in Rome in September 2011. Performance made in May 2012. Reverse the “face-to-shoulder” device shadowing. Body-image, body-camera, body-screen. Walk faceless. walk at night, Anna Magnani in front of the camera. The voice of an obvious face. Soundtrack from Pier Paolo Pasolini Mamma Roma.

ST#1 – 2011. Autorittrato al volto celato. Impression(i). Proiezion(i). Schermo nero. Performance filmata e registrazioni sonore realizzati a luglio 2011 a Tuscania (Italia). Musica originale di Luca Venitucci. ”Costruisci il tuo film sul bianco, sul silenzio e l’immobilità”, Robert Bresson.

ST # 1 – 2011. Self-portrait of a concealed face. Impression (s). Projection (s). Black screen. Performance filmed and sound recordings made in July 2011 in Tuscania (Italy). Original music by Luca Venitucci. “Inspire your movie with white colour, silence and stillness,” Robert Bresson.

 —

a seguire spazio foyer
rivoluzioni stellari. viaggio n1

dedicato a Samantha Cristoforetti

Cristina Nist, video / Enea Tomei, sound landscape. 2014

11dic_immagini-stellari_250

Il video è un primo viaggio nello Spazio alla ricerca di un luogo per la Rivoluzione. Il panorama sonoro è una stratificazione di brani elettronici, suoni ambientali, versi poetici e registrazioni analogiche (vhs, tapes o bobine). Il linguaggio musicale, metaforico ed empatico, a volte procede per accompagnamento a volte si distacca per aggiungere senso. Il suono è pura fantascienza: non c’è nulla che trasporti il suono nello spazio, oltre l’atmosfera terrestre. Quindi c’è Spazio. Se non c’è Spazio per la Rivoluzione sulla Terra, magari ci viene meglio nello Spazio.

ABSOLUTE PREVIEW . The story is about the first trip into universal space in search of a place and opportunity for us to make “the Revolution”. The soundscape is made of a layering of electronic musics, ambient sounds, poetic verses and analog recordings (VHS, tapes or reels). The music language, both metaphorical and empathic, at times proceeds by accompanying, sometimes detaches itself in order to add meaning. The sound is pure science fiction: there is no such a thing that transports the sound in space, but the earth’s atmosphere. So there is space. If there is no space for the Revolution on Earth, we may be better off finding such opportunity in the Space itself!

h21.30 ANTEPRIMA ASSOLUTA
CrossRoads_Incontri sul Confine

FRATELLO MARE Live Concert

Mike Cooper live music | Folco Quilici regia
Italia 1975, 100’

11dic_mike1_250

Mike Cooper (Reading, Uk) è musicista, compositore, cantante, autore, improvvisatore, chitarrista slide, “collagiste” del suono, artista radiofonico, architetto del suono e performer per film muti. Ha inciso numerosi dischi e colleziona camicie hawaiiane.

Il film. Prima di fare ritorno all’atollo natio, un vecchio pescatore rievoca la sua giovinezza quando la Polinesia non era stata ancora aggredita dal progresso tecnologico, dal turismo di massa e dall’inquinamento e il mare era un fratello carissimo e terribile. Girato tra i pescatori polinesiani degli atolli Tuamutu, il settimo lungometraggio del grande documentarista italiano Folco Quilici, è un film sincero e sentito senza concessioni al facile folklore.

Mike Cooper for the past 40 years has been an international musical explorer, performing and recording, solo and in a number of inspired groupings and a variety of genres. Initially a folk-blues guitarist and singer songwriter his work has diversified to include improvised and electronic music, live music for silent films, radio art and sound installations. He is also a music journalist, writing features for magazines, particularly on Pacific music and musicians, a visual artist, film and video maker, collector of Hawaiian shirts and appears on more than 60 records to date.

The movie. Before heading back to his native atoll, an old fisherman evokes his youth when Polynesia had not been stormed yet by technological progress, by mass tourism and pollution, and the sea was a beloved and terrible brother. The 7th Folco Quilici’s feature, filmed between Polynesian fishermen on Tuamutu atolls, is a sincere and heartfelt movie with no concessions to easy folklore.


venerdì 12 dicembre

h20.30 ANTEPRIMA dal Festival Internazionale del Film di Roma
The Road_La Strada

ROMA TERMINI

Bartolomeo Pampaloni
con Antonio Allegra, Gianluca Masala, Stefano Pili

Italia 2014, 78’ v.o. italiano, sott inglese

12dic_Roma-termini_250

Roma Termini, stazione centrale di Roma, principale stazione d’Italia: 480.000 passeggeri in transito ogni giorno. Tra tutta questa gente, nascosto in mezzo alla folla, vive un gruppo di circa 160 uomini e donne per i quali la stazione non è un punto di passaggio, ma un luogo di vita. Roma Termini diventa allora un’immensa anonima abitazione, una città nella città che ospita queste persone e le aiuta a trovare un modo per sopravvivere senza niente. Quattro uomini, quattro storie di persone in caduta libera, che, giorno dopo giorno, si ritrovano sempre più ai margini della società. Svanire lentamente, diventare invisibili: non più Stefano, Angelo, Tonino, Gianluca, ma solo un altro, anonimo, clochard.

Roma Termini, Rome’s central station: an urban crossroad where thousands of lives collide without touching each other. Four portraits of men who spend their day in the station, solitary unseen beings, trapped there by life.

a seguire incontro con il regista Bartolomeo Pampaloni a cura di Elisa Esposito e OMDCinema

prima della proiezione

Un core dentro stazione Termini 
Samuel Cirpaci (Italia 2012, 12’)

Menzione speciale al TuttoMondo contest 2014, prodotto dalla cooperativa CivicoZero con il contributo di Save the Children Italia. Nasce da un laboratorio di documentario partecipato. Save the Children contribuisce così a contrastare la povertà educativa in Italia, creando le condizioni affinché i giovani che vivono in contesti a rischio di povertà ed esclusione sociale possano coltivare ed esprimere capacità, talenti e aspirazioni.

The short movie attained special mention at 2014 Tuttomondo contest. Produced by CivicoZero Cooperative with the support of “Save the Children”- Italy- is the result of a documentary workshop. Save the Children with this movie wants to contribute to tackle italian poor education standards, creating the conditions for young people living in areas at risk of poverty and social exclusion and for them to cultivate and express skills, talents and aspirations.

 —

h22.30
The Road_La Strada

PARADISO

Alessandro Negrini
con Roy Arbuckle & The Signettes

Gb/Irlanda del Nord 2011, 60’ v.o. inglese, sott italiano

12dic_paradiso_poster_250

Derry, Irlanda del Nord: ci sono troppi ghetto nel mondo, ognuno con le sue ingiustizie. Ma ce ne è uno condannato a qualcosa di peggio: ha dimenticato la sua musica. Fountain, ghetto protestante nel cuore della città, una volta una comunità piena di vita, dove tutti ballavano insieme senza differenze di religione. Roy Arbuckle, musicista e cantastorie, ha un piano: riunire la sua vecchia band, The Signettes, e organizzare una grande serata danzante in uno storico club del quartiere, invitando i “nemici” cattolici. Il film parla di muri, di tango, e di vecchi abitanti che non si vogliono arrendere. Vincitore di 17premi internazionali, nominato in oltre 50 festival nel mondo. Definito di recente il Doc più di successo nella cinematografia irlandese.

Derry, Northern Ireland: there are plenty of ghettos around the world, all of them with their own injustice. There is one ghetto condemned to something even worse: it has forgotten its music. It’s The Fountain, in the heart of the city: once a vibrant community, where people used to dance together despite religious differences. Roy Arbuckle, a musical troubadour, wants to reunite his former showband, The Signetts, in a high-risk attempt to try to do something that would be normal anywhere else but not yet in Northern Ireland: having a major dance night, inviting their old enemies and get Protestants and Catholics dancing together.

Presenta il film il regista Alessandro Negrini


sabato 13 dicembre

h18
ShortCuts_Sentieri Brevi

ShortCuts Concorso

Proiezione mediometraggi e cortometraggi finalisti

Voto della giuria / voto popolare del pubblico in sala
Jury Award / Spectator Jury Award

DOTR014-shortcuts 

h18 Proiezione ShortCuts #1 / Screening part 1:

 

Stormed, Fran Atopos Conte, Italy/Philippines 2014, 39’49”

Il film racconta due disastri naturali avvenuti nelle Filippine. Il film, diviso in due parti: la prima è dedicata alla tempesta tropicale chiamata Sendong del 2011. La seconda dell’ultimo tifone Yolanda, uno dei piu’ forti mai registrati nella storia. 

The film is about two natural disasters in the Philippines. The first part of the doc is dedicated to a deadly tropical storm called Sendong, which happened in 2011. The second part instead talks about the recent typhoon Yolanda, one of the strongest ever recorded in history. 

 

Colors Life, Sigrid Herler, Italy 2012, 2’55”

Il video descrive la creazione e la tecnica pittorica dell’artista che lavora in un parco romano in mezzo alla gente che passa. Dato la trasparenza del materiale si vede la performance come da uno schermo. I luoghi presenti nelle scene sono dei luoghi in cui ha vissuto e creato l’artista.

The video is about the artist’s creation and the painting technique, he does work in a public park just beside  Roman people passing by. Given the transparency of the material, you can see the performance as if from a screen. The places described in the scenes are those where the artists lives and creates his art.

 

Acqua che va non tornA, Abdullah Al Mamun, Italy/Bangladesh 2014, 5’07”

“Acqua che va non tornA è un video sul fiume Tevere dove ogni tanto vado a fare una passeggiata… mi piace ascoltare il rumore dell’acqua, che si confonde con i ricordi della mia infanzia in Bangladesh, dove un piccolo fiume passava accanto al mio villaggio”, A. Al Mamun

“A video about the river Tiber along which I sometimes go for a walk … I like to hear the sound of the water, which is mixed with the memories of my childhood in Bangladesh, where a small ran through my village”, A. Al Mamun

 

Sub, Enzo Cillo, Italy 2014, 12’52”

Una vecchia stampa del dipinto di Friedrich “Der Abend” sulla parete all’ingresso. Fuori il buio circonda la casa ai piedi di una montagna imponente. L’inverno è lungo come la notte. Dalla finestra si intravedono delle ombre tra gli alberi. Al mattino la nebbia giunge dal bosco e avvolge ogni cosa.

An old print of Friedrich’s painting “Der Abend” (The evening) on the wall, in the entrance. Outside, darkness surrounds the home, downline of an awe-inspiring mountain. Winter is long-lasting, as night is. From the window, some shadows are glimpsed among the trees. At morning, fog comes from the wood and hides everything.

 a seguire aperitivo e incontro con i registi presenti


h20 Proiezione ShortCuts #2 / Screening part 2

 

Evento Speciale fuori concorso: “Chat” e “Bricolage”, Chiara Rapaccini e Loic Sturani, Italy 2011, 3’50”

due corti di animazione di Chiara Rapaccini & Loic Sturani: “Chat” e “Bricolage”, brevi storie di amore e bricolage e di amore  e chat.  prodotti da Aurelio De Laurentis. 
C. Rapaccini. Director/Producer/Distributor. Via del Boschetto 61, Roma.
 

 

Un jour à Marseille, Ugo Piergiovanni, Italy 2013, 11’40”

Un giorno a Marsiglia con uno sguardo itinerante accompagnato in alcuni tratti dalla musica e in altri dal suono dell’ambiente. Marsiglia si trova in una parte della Francia attraversata con forza dal Mistral; in questo filmato il suono del vento è parte della narrazione.

One day in Marseille with an itinerant look supported in some parts by music and in other parts by the real environments sounds. Marseille is located in the southern part of France, strongly influenced by Mistral; in this movie the wind sound is an essential part of the narrative. 

 

Hala Yella addio/adios, Elena Bellantoni, Italy 2013, 9’55”

“Il progetto nasce da un’esperienza intensa a Capo Horn (nella Patagonia Cilena). Tra il 2012 e il 2013 mi sono spinta in uno dei punti più estremi dell’America Meridionale alla ricerca dell’abuela Cristina Calderon, la donna dichiarata patrimonio umanitario dall’UNESCO nel 2006. Dopo di lei la lingua e la cultura Yaghan scompariranno per sempre”, E. Bellantoni.

The project is the result of a three month long research, nurtured by a dialogue with the 87 years old Cristina Calderon. As the last living member of the ancient Chilean tribe of Yaghan, Cristina Calderon has been recognized as a Living Human Treasure by UNESCO in 2006. After her, both Yaghan language and culture will fade into oblivion.

 

Killer Friend, Kurt Husemoller, USA 2013, 25′

Due teenagers – uno figlio di un professore e l’altro di un meccanico – discutono del libro Lo Zen e l’arte della motocicletta e di Progressive Rock. Superato l’astio iniziale che li ha fatti incontrare, iniziano a starsi simpatici e progettano un viaggio in moto attraverso gli Stati Uniti. Ambientato nel 1979 e ispirato da una statua del ‘400.

Two teenage boys–a professor’s son, and a mechanic’s son–have a conversation about the book  Zen and the Art of Motorcycle Maintenance and Progressive Rock.  They grow to like each other, and overcome the near-primeval hatred that brought them to meet in the first place. They discuss taking a trip accross country. Set in 1979, and inspired by a 400BC statue.  

 

Cimex Lectularius, Milon Madbar, Italy/Bangladesh 2014, 1’54”

“Sono un ragazzo del Bangladesh che vive a Roma da due anni. Ho realizzato questo breve documento per raccontare con ironia le mie difficoltà, ma anche le opportunità che l’Italia mi ha dato per poter studiare, per poter realizzare il mio progetto di vita”, M. Madbar.

“I’m a boy from Bangladesh and I have been living in Rome for two years. I made this short document to tell ironically my difficulties, but also the opportunities that Italy has given me to study, to be able to fulfill my life project “, M. Madbar 

 

Nouakchott P.K. 0, Julien Fiorentino, Stanislas Duhau, Mauritania/France 2012, 19′

Mauritania, Nouakchott Kilometric Point 0: un gruppo di giovani gira per la città per incontrare gli abitanti di Nouakchott. Vogliono capire come le loro attività influenzano l’ecosistema della capitale della Mauritania. Nonostante le dure condizioni di vita, tutti sono alla ricerca di soluzioni economiche ed ecologiche ai problemi della comunità.

Mauritania, Nouakchott Kilometric Point 0 : a group of young Mauritanians runs the city to meet Nouakchott’s people. They want to know how their activities impact on the ecological background of the young mauritanian capital. Despite the daily hard living conditions, everyone is looking for economic and ecological solutions to solve the problems of communities.

 

Three Bus Rides – Abstraction Distractions, Mike Cooper Gb, 2013/14, 10’27”

Tre brevi giri in autobus a Sydney, Aegina (Grecia) e Sri Lanka – i video sono astrazioni-distrazioni audio-visive con suono in presa diretta e musica originale. Il montaggio: “in camera” senza post-produzione o effetti speciali.

Three short bus rides in Sydney (Australia), Aegina (Greek Island) and Sri Lanka – the videos are audio visual abstraction distractions with in camera sound and original music. Editing was also in camera with no post production or special effects.

 

 a seguire assaggi di dolci e incontro con i registi presenti


h22 Proiezione ShortCuts #3 / Screening part 3

 

The Love Archive, Ofir Feldman, Israel 2014, 16′

Ofir e Tomer vogliono diventare genitori. Prima di traslocare, Ofir digitalizza lettere e fotografie dei suoi amori passati per lasciarsi alle spalle il passato. Attraversando generi e continenti il viaggio romantico dell’autore sfida la narrativa dell’uomo israeliano “normale” sia etero che gay.

Ofir and Tomer want to become parents. Before moving in into a new flat, Ofir digitalizes letters and photos from his past loves in order to leave his past behind. Surfing between genders and continents the author’s romantic journey challenges the narrative of both heterosexual and gay ‘normal’ israeli man

 

Shoulder-Width Apart, Brian Ratigan, USA/Norway 2013, 3′

Paesaggi norvegesi spettrali ci ricordano che a volte la solitudine può essere felicità.

Spectral Norwegian landscapes remind us that sometimes solitude can be bliss.

 

Il viaggio di Ettore, Lorenzo Cioffi, Italy 2013, 25′

Il genovese Ettore Pugliaro è stato per vent’anni operaio all’Italsider di Bagnoli. A Napoli sono nati i suoi figli, e lì è rimasto finché la fabbrica è stata attiva. Dopo molto tempo vi fa ritorno: appena sceso dal treno si mette in cammino verso Bagnoli, attraversando la città da est a ovest. L’Italsider non c’è più, e con essa quasi tutta la Napoli industriale che conosceva.

Mr Ettore Pugliaro, from Genoa, has worked for twenty years at the Italsider factory in Bagnoli, Naples Area. In Naples his children were born, and they all stayed there until the factory was open. After a long time ago he did return there: he got off the train and sets off towards Bagnoli, crossing the whole city from east to west. The Italsider is no longer there and, with it, most of the Industrial Naples he used to know.

 

Dyaby, Una storia italiana, Enea Tomei e Sara Pollice, Italia 2013, 8′ 

Prima di essere una vittima, Dyaby è stato un essere umano. Un capolavoro, unico ed originale come lo è ognuno di noi. La sua vita è stata unica, anche se dalla sorte è stato unito a tanti altri ragazzi africani. Quelli che lavorano nei campi e che sopravvivono accampati in baraccopoli come quella di Rosarno. Questo cortometraggio di video poesia è un atto d’accusa, alla cecità e sordità, emotiva e spirituale, di una certa Italia.

There is a southern, beautiful region in Italy called Calabria, in which there is a town called Rosarno. Troubles do not start with the death of Dyaby, a man from Africa, although the video making was inspired by this tragedy. It all begun at least 15 years ago and all the events speak about the same old thing: immigrants humiliation, exploitation and hunting.

 

Travels, H501L (Marco Cristantielli), Italy 2014, 19’19”

Viaggi in macchina e da fermo in timelapse e sequenze da scatti intervallati, miniature effects e tutto ciò che riporta ai viaggi con la mente, con o senza destinazione specifica. Psico-geografia visuale: Roma e dintorni. Musica di H501L. 

Road Trips and standstills in timelapse and sequences from interval shootings, miniature effects and everything that reminds a mind travel, with or without specific destinations. Visual psycho-geography: Rome and surroundings. Music by H501L.


domenica 14 dicembre

h20 ANTEPRIMA ITALIANA
Off the Map_Fuori Mappa
Focus Festival. O!PLA, ACROSS THE BORDERS 2014

O!PLA ANIMATION Across Borders
Selezione da O!PLA Festival di Animazione Polacco 2014

14dic_opla_250

Festival itinerante del cinema di animazione ideato e curato da Piotr kardas Selezione dei migliori corti di animazione di autori polacchi contemporanei dall’edizione 2014 del Festival.
www.animationacrossborders.com

A selection of the best animated shorts by contemporary Polish artists. O!PLA the Festival of Polish Animation is the fully independent project created and powered by Piotr Kardas, Animation Across Borders. 

O!PLA Festival polacco del cinema di animazione è un progetto completamente indipendente ideato e curato da Piotr Kardas di Animation Across Borders. Il cuore del festival è una competizione di lavori contemporanei di animazione polacca in cui è il pubblico a decretare i vincitori. Fin dale sue origini, il principale obiettivo di O!PLA è (ri)costruire relazioni tra il pubblico e gli artisti, e diffondere l’arte del film d’animazione. Inoltre, O!PLA, grazie a proiezioni speciali per spettatori di tutte le età, seminari, incontri con artisti e workshop di animazione, ha una dimensione educativa central. E attraverso il progetto parallelo O!PLA ACROSS THE BORDERS il festival diventa itinerante anche all’estero. La terza edizione di O!PLA si terrà dal 21.03 al 31.05.2015.

O!PLA – THE FESTIVAL OF POLISH ANIMATION is the fully independent project created and powered by Animation Across Borders (Piotr Kardas). The bases is a competition of contemporary Polish animations in which only audience decide about the winners. From the very beginning, the main aim of O!PLA is (re)build relations between audience and artists, and reaching out with the art of animation especially to smaller centers in Poland. Moreover, O!PLA – thanks to special screenings for viewers of all ages, lectures, meetings with artists and animation workshops – has a significant educational dimension. And thanks to O!PLA ACROSS THE BORDERS project can promote the art of Polish animation also abroad. The third edition of O!PLA will be held 21.03 – 31.05.2015.

PROGRAMMA COMPLETO  (72′):

STEFAN E LO SCARAFAGGIO  (STEFAN I ŻUCZEK, 2012, 12’20”) di Piotr Loc Hoang Ngoc / prod.: PWSFTviT ŁÓDŹ (Film School Lodz) C’è posto per l’amicizia in un mondo dominato da ferree norme sanitarie? Stefan è un istruttore di nuoto amato dalle donne. La sua vita viene completamente sconvolta quando incontra Beetle. Beetle incarna tutto ciò che è proibito nel mondo di Stefan. La loro amicizia durerà? O!PLA’14 AWARD: 3° categoria “school/graduation” / Is there a place for friendship in the world dominated by callous health rules? For a friendship that is a misalliance. Stefan is a successful swim coach loved by women. His life is turned upside down when he meets Beetle. Beetle embodies everything that is forbidden in the Stefan’s world. Will their friendship last? O!PLA’14 AWARD: 3rd Award in the category “school/graduation”

STEVEN-AND-THE-BETTLE_detour

ORAWUS (2013, 09’15”) di e prod. Wojciech M. Sławuski / Music: Wojciech Kilarù

Video musicale sperimentale sulle note di “Orawa”, opera del celebre compositore contemporaneo Wojciech Kilar. O!PLA’14 AWARD: 3° categoria “animated music video”.  / Experimental music video created to the famous composition under the title “Orawa” by Wojciech Kilar, the great Polish contemporary composer. O!PLA’14 AWARD: 3rd Award in the category “animated music video”.

ORAWUS_detour

PARASSITA UMANO (GLISTA LUCKA, 2014, 7’29”) di e prod. Tomasz Pawlak

Lucjan Poluśkiewicz, fresco di diploma al dipartimento di biologia, inizia una vita indipendente. I suoi progetti, però, vengono messi in discussione dalla dura realtà: l’attacco di un parassita. Le conoscenze acquisite al college saranno sufficienti ad affrontarlo? O!PLA’14 AWARD: 3° categoria “fully independent”.Lucjan Poluśkiewicz, as a newly minted graduate of the Biology Department, starts independent life. His plans, however, collide with harsh reality: he is attacked by the parasite… Is the knowledge gained in college is enough to defeat him? O!PLA’14 AWARD: 3rd Award in the category “fully independent”.

GLISTA-LUCKA_detour

SENSI PERDUTI  (ZMYSŁY PRYSŁY, 2013, 6’05”) di Marcin Wasilewski / prod.: Grupa Smacznego (GS Animation)

Un uomo va ad incontrare una donna in una città volante astratta, “alla De Chirico”. Eccitato, scala i palazzi e corre come un atleta di parkour. Ma una piccola disattenzione è sufficiente  fargli perdere i sensi, oltre che la sua chance. O!PLA AWARD: 3° categoria “film made in professional studio”. / A short story about an encounter in an abstract world, á la Giorgio De Chirico. A Man is about to meet a Woman in an abstract flying city. Excited, running like a parkour practitioner, he is climbing up on the buildings. But one unguarded moment is enough to make him lose his senses. And his chance. // O!PLA AWARD: 3rd Award in the category “film made in professional studio”.

ZMYSLY-PRYSLY_detour

NERO SU BIANCO (CZARNE NA BIAŁYM, 2013, 01’10”) di Mateusz Gudel / prod.: UA POZNAŃ

Gli occhi possono mentire? Epigramma animato sulla potenza dello sguardo umano.O!PLA AWARD: 3° categoria “animated epigrams”. / Whether these eyes can lie? Animated epigram about the power of the human gaze.  O!PLA AWARD: 3rd Award in the category “animated epigrams”.

CZARNE-NA-BIAùYM-(Eng

VECCHIA VOLPE ASTUTA (CHYTRUS, 2013, 3’11”) di Paulina Wójcik / prod.: ZSMC WA UMCS LUBLIN

CHYTRUS_detour

IUS PRIMAE NOCTIS (Diritto della prima notte, 2012, 4’15”) di Łukasz Rusinek / prod.: NCK, ESK, KARROT KOMMANDO / Music: R.U.T.A.

Video musicale per il progetto folk/hardcore R.U.T.A. O!PLA’14 AWARD: 2° categoria “animated music video”. / Music video for Polish folk/hardcore punk project R.U.T.A. // O!PLA’14 AWARD: 2nd Award in the category “animated music video”.

IUS-PRIMAE-NOCTIS_detour

ON / OFF (2013, 06’27”) di Piotr Ludwik, prod.: Se-ma-for Film Foundation

Il signor Patata vive in un tipico vecchio appartamento con orribile carta da parati verdastra, una tv in ogni stanza e una serie di ritrovati meccanici per risparmiare tempo ed energie a radersi, cucinare, lavare o uscire a comprare la birra. Perché perdere tempo quando si può passare a guardare la tv? Ma un giorno all’improvviso… O!PLA’14 AWARD: 2° categoria “film made in professional studio” / Mr Potato lives in typical, Grandma’s, stuffed flat. Green, awful wallpaper on the walls, TV in each room and a few mechanical improvements made not to waste time for shaving, cooking, washing up, going to buy beer. Why should you lose time if you can spend it on watching TV? But one day… O!PLA’14 AWARD: 2nd Award (“Silver Bundle”) in the category “film made in professional studio”.

ON-OFF_detour

DUE SCALINI (DWA KROKI, 2013, 1’46”) di Dorota Omiotek / prod.: PJWSTK WARSZAWA

 DWA-KROKI_detour

RAGNI E MOSCHE (PAJĄK I MUCHY, 2013, 3’30”) di e prod. Tessa Moult-Milewska

Adattamento dell’omonima favola popolare polacca sulle conseguenze di un’alleanza tra un ragno e delle mosche.O!PLA’14 AWARD: 2° categoria “fully independent”. / Adaptation of the popular Polish fairy tale about the consequences of some deal between the spider and the flies. O!PLA’14 AWARD: 2nd Award (“Silver Bundle”) in the category “fully independent”.

 PAJAK-I-MUCHY_detour

SALE E PEPE (SÓL I PIEPRZ, 2012, 02’02”) di Alicja Adamkiewicz / prod.: UMK TORUŃ

Epigramma animato sul brano “Por un Cabeza” di Carlos Gardel.O!PLA’14 AWARD: 2° categoria “animated epigrams”. / Animated epigram to the composition “Por una Cabeza” by Carlos Gardel. // O!PLA’14 AWARD: 2nd Award (“Silver Bundle”) in the category “animated epigrams”.

SoL-I-PIEPRZ_detour

ARS MORIENDI (2013, 7’22”) di Miłosz Margański / prod.: UA POZNAŃ

Fino a che punto possiamo pianificare le nostre vite e le coincidenze influenzano i nostri piani?  “Ars moriendi” cerca di rispondere a queste domande. La lotta del protagonista con la realtà circostante si inserisce nel contesto dell’Arte di Morire – un manuale medievale sulle procedure di raggiungere la salvezza attraverso la morte “dignitosa”. O!PLA AWARD: 1° categoria “school/graduation”. / To what extend can our live be planned? Do we ever let the coincidence influence our plans? “Ars moriendi” seeks to answer these questions. The main protagonist’s struggles with the surrounding reality are performed in the context of the Art of Dying – a medieval manual on the procedures of reaching the salvation through “dignified” death. All set in quite austere, cardboard scenery. O!PLA AWARD: 1st Award in the category “school/graduation”.

ARS-MORIENDI_detour

SPLAT! (PAC!, 2012, 01’19”) di Alicja Błaszczyńska / prod.: PWSFTviT ŁÓDŹ (Film School Lodz)

Epigramma animato su un incontro inaspettato nel bagno. O!PLA AWARD: 1° categoria “animated epigrams”. / Animated epigram about some unexpected meeting in the bathroom… O!PLA AWARD: 1st Award (“Golden Bundle”) in the category “animated epigrams”.

PAC!_detour

NINFEE (NENUFARY, 2013, 4’) di Marcin Surma / prod.: PWSFTviT ŁÓDŹ (Film School Lodz)

 NENUFARY_detour

h21.15
The Road_La Strada

THE DARK SIDE OF THE SUN

Carlo Shalom Hintermann, Lorenzo Ceccotti
Italia, 2011, 92’, v.o. italiano, sott. inglese

14dic_The_Dark_Side_Of_The_Sun_250

Per pochi bambini il sole è un nemico mortale. Una rara malattia, Xeroderma Pigmentosum, li costringe a vivere isolati, lontani dal mondo diurno dei loro coetanei. Questo non accade però a Camp Sundown, un campo estivo nello stato di New York creato dall’immaginazione e dalla tenacia dei loro genitori, che raccoglie pazienti da tutto il mondo. Qui prende forma un universo rovesciato, colmo d’incanto. La vita di questa piccola comunità notturna si intreccia con i sogni che prendono forma nell’animazione, ideata dagli stessi bambini. Genitori e figli si riconoscono qui in un unico desiderio: vivere appieno la propria vita, nonostante la malattia.

For a few children sun is a fatal enemy. Xeroderma Pigmentosum is a rare illness that forces them to live far from any sunlight, completely isolated from the daytime life of their peers. This doesn’t happen however at Camp Sundown, a summer camp in New York State conceived and established by the determination of their parents. This camp welcomes child patients from all over the world. Here an inverted universe, full of enchantment, flourishes. The life of this small nocturnal community is interwoven with the animated dreams conceived by the children themselves. Both parents and children share the same desire: to fully live out their lives, despite the illness.

Incontro con Carlo Shalom Hintermann e Lorenzo Ceccotti a cura di Schermaglie.it


lunedì 15 dicembre

h21 ANTEPRIMA ASSOLUTA
The Road_La Strada

BASKETBALL JONES: THE OVERSEAS JOURNEY
Basketball Jones: il viaggio oltreoceano

Bobby Ray Jones jr.
Usa 2014, 96’, v.o. inglese, sott ita

basketball_jones_detour_250

In anteprima assoluta il primo film realizzato da un campione internazionale del basket, Bobby Jones, che veste oggi la maglia della Virtus Roma. E’ il viaggio e la testimonianza di nove giocatori di basket statunitensi ex NBA arruolati nei campionati europei. Una storia vissuta da molti e mai raccontata prima, che narra i retroscena di un percorso di carriera davvero unico, che molti giocatori americani hanno difficoltà a intraprendere. Non basta, infatti, essere un buon giocatore per trovare la propria strada nel basket d’oltreoceano.

This is the journey and testimony of nine American basketball players who currently plays professionally overseas. It’s a story that has been lived by many but never been told. This documentary will explore the ins and outs of this truly unique situation that many are unable to grasp. Some do it for the money, while others do it for the love of the game. For all, if they’re lucky, the European experience will be the ultimate reward.

a seguire incontro con Bobby Jones, regista, attore e produttore del film a cura di Elisa Esposito e dello staff di OMD-Cinema


mercoledì 17 dicembre

h20.30
The Road_La Strada

TERRE TRA DUE FIUMI
Lands between two Rivers

Maurizio Carrassi
Italia, 2008, 55’

17dic_terre_tra_due_fiumi_detour_250

Attraverso sei personaggi, iraniani e irakeni, cittadini italiani da trent’anni nel nostro paese, il film racconta un viaggio tra il loro passato ed il loro presente, tra dualismi e rievocazioni di un sogno che affonda in antiche civiltà apparentemente lontane ma mai così vicine.

The film is a trip in the past and the present of six Iranians and Iraqi men, living in Italy for 30 years, among dualism and the memory of a dream based on old and apparently far cultures.

A seguire incontro con Maurizio Carrassi e Rosa Monicelli (collettivo Askavusa)

 —

h22
Off the Map _ Fuori Mappa

Focus Festival. LampedusaInFestival: Primo Premio edizione VI
In collaborazione con collettivo Askavusa

THE LAND BETWEEN

David Fedele
Australia, 2014, 78’ v.o. francese, sott ita

17dic_The-Land-Between-250

Uno sguardo intimo delle vite dei migranti sub-sahariani che risiedono tra le montagne nel nord del Marocco. Per la maggior parte di loro il sogno è entrare in Europa attraverso la barriera iper-militarizzata di Melilla, un’enclave spagnola nel continente africano. Il film documenta per la prima volta le condizioni di vita quotidiane dei migranti, intrappolati in un limbo, così come la violenza estrema e i costanti maltrattamenti che devono affrontare, sia dalle autorità marocchine, sia dalle spagnole. Perché donne e uomini sono pronti a rischiare tutto, inclusa la vita, pur di poter lasciare il proprio paese, la propria famiglia e gli amici, alla ricerca di una vita migliore?

The Land Between offers an intimate insight into the hidden and desperate lives of Sub-Saharan African migrants living in the mountains of northern Morocco. For most, their dream is to enter Europe by jumping a highly-militarised barrier into Melilla, a Spanish enclave on the African continent. With unique and unprecedented access, this film documents the everyday life of these migrants trapped in limbo, as well as the extreme violence and constant mistreatment they face from both the Moroccan and Spanish authorities. It also explores many universal questions, including how and why people are prepared to risk everything, including their life, to leave their country, their family and friends, in search of a new and better life.


giovedì 18 dicembre

h21.30
CrossRoads_Incontri sul Confine

PHLOX trovando una sedia illumina den weiss-schwarzen Wind

Tiziana Lo Conte: Voce / Elettroniche / Diamonica / Oggetti
Alessandra Ballarini: Basso Elettrico / Oggetti / Voce
Gianluca Natanti: Strumenti elettroacustici autocostruiti / Elettronica / Field-recording
Sandra Hauser: / Video 

18dic_phlox_250

IL VIDEO girato in soggettiva, a camera fissa, si sviluppa in un viaggio notturno sull’autostrada Roma-Venezia. Le luci delle auto, gli autogrill, i tunnel fanno da sfondo a un tragitto interiore e ipnotico accompagnato da un commento di suono e frequenze. Un lungo viaggio nel non-senso attraverso l’uso di ogni possibile oggetto e strumento che sia ritenuto adatto a riprodurre tutto e il contrario di tutto. Phlox si insinua nell’estetica dell’anti-estetica, crea ambienti magmatici, sotterranei, frenati da ondate di rumore che vanno a ripescare sonorità del quotidiano distorte, modificate e sovrapposte a livelli ulteriori di tappeti sonori. Un lavoro di stratificazione e intarsio.

A car night trip on the Rome-Venice highway. Car lights, gas stations, tunnels, are the backdrop for an an interior and hypnotic journey accompanied by sound frequencies. It’s a long journey through non-sense by using every possible object and instrument that is deemed suitable for play everything and its opposite. Phlox creeps in the aesthetics of the anti-aesthetic, creates magmatic and underground environments, held back by waves of noise that go to dug out the everyday distorted sounds, modified and overlapped to further levels of sound landscapes. A work of stratification and inlay.


venerdì 19 dicembre

h20
The Road_La Strada

LO STATO DELLA FOLLIA
The State of Insanity

Francesco Cordio
Con Luigi Rigoni

Italia 2014, 72’ v.o. italiano, sott inglese

19dic_statodellafollia_250

In Italia esistono 6 OPG, comunemente chiamati manicomi criminali, all’interno vi sono rinchiuse circa 1000 persone. Il racconto in prima persona di un attore, ex-internato in uno di questi ospedali, s’intreccia con le riprese effettuate, senza preavviso, in questi luoghi “dimenticati” anche dallo Stato.

In Italy there are 6 OPG, commonly called criminal asylums, in which about 1500 people are locked up. The first-person account of an actor, ex-inmate in one of these hospitals, is intertwined with scenes filmed, without prior notice, in these places that have been “forgotten” about even by the State. These facilities have remained substantially extraneous and impermeable to the reformed psychiatric culture, and the mechanism of detention has not been effected by the law passed in 1978 that called for the closure of psychiatric hospitals. The film intends to accompany, and to let the spectator experience, these places where people, since the beginning of the 1900s, have been exiled and dehumanized by pharmacological treatment, by the degradation of solitary confinement cells and by restraint beds.

A seguire incontro con il regista Francesco Cordio

h21.30 ANTEPRIMA ASSOLUTA
AcrossVideo_Artisti on the Road

WHILE TRAVELING: SILENT MORE SILENT!
Un programma di cinema espanso curato e presentato da Marcus Bergner
An Expanded Cinema Screening curated and presented by Marcus Bergner
Alla presenza di Marcus Bergner e Alex Mendizabal

19dic_alexmarcus_cuma-soma-by-lee-smith_250

I film inseriti in questo programma, e l’intervento live che lo accompagna, hanno tutti qualcosa a che fare con il viaggio, in senso allegorico, letterale, architettonico, astratto, grafico o acustico.
Mentre si legge si può, se si è fortunati, ascoltare e percepire i propri i pensieri, viaggiare in silenzio sotto o sopra l’atto della lettura stessa: i pensieri diventano disimpegnati e impegnati contemporaneamente. Guardando molto intensamente e da vicino a qualcosa, diciamo un albero, è come essere trascinati all’interno dell’atto della vita reale di leggere il mondo. Questo tipo di fenomeni esperienziali riguarda concetti di presenza e assenza, interconnessi e in funzione simultaneamente.
Sfumature e varietà di forme dell’esperienza percettiva e di osservazione si colgono sia in People Reading di Robin Plunkett che in Lift di Myriam Van Imschoot. Questi lavori molto “quieti” e finemente “accordati” introducono bene la seconda parte del programma, con proiezioni ed evento live, incentrata sulla strategia di Alex Mendizabal di rendere i film muti (i cortometraggi di Neil Taylor, Lee Smith e Marcus Bergner) ancora più silenziosi, senza dover dotare il pubblico di tappi per le orecchie.

Each film in this program, and the live intervention that accompanies it, has something to do with traveling either allegorically, literally, architecturally, abstractly, graphically or acoustically. Notably while reading one can, if one’s lucky, hear and sense one’s thoughts traveling away almost silently below or above the act of reading itself: thoughts become both disengaged and engaged simultaneously. Looking very intensely and closely at something, say at a tree for instance, is like being carried along within the real life action of reading the world. These kind of experiential events or qualities involve aspects of presence and absence intermixing and operating simultaneously. Subtleties and manifestations in terms of such perceptual and observational experience are connected and deflected within both Robin Plunkett’s People Reading and Myriam Van Imschoot’s LIFT. Such finely tuned and, in fact, ‘quite quiet’ films aptly introduce and provide preparatory groundwork for the second part of this screening and live event. This will center upon Alex Mendizabal’s ingenious and expanded cinema strategy for ‘making silent films more silent.’ And something that will be brought about and upon short and silent films by Neil Taylor, Lee Smith and Marcus Bergner without the assistance of personal devises or aids such as earplugs and the like being provided to the audience. 

PEOPLE READING di Robin Plunkett (1999, 19’, 35mm, colore e bianco e nero)
Scene vita reale di persone che leggono durante il viaggio a piedi, in treno e in poltrona; rivelando bolle di pensiero e suoni in presa diretta che uniscono le forze per trasformare e trasfigurare il momento e processo stesso cinematografico.
Real-life performances of people reading while traveling by foot, train and armchair; revealing thought-bubbles and live sounds that combine forces to transform and transfigure the cinematic moment and process itself.

LIFT di Myriam Van Imschoot (2014, 19’33”, HD, suono, colore)
Un’unica carrellata sulla facciata di un grattacielo. Il film evoca vertiginosamente come la città e il cinema possano riflettere in un gioco di rimandi oltre i limiti sensoriali e gli schemi.
An experimental film that is one take, one long traveling shot, across the facade of a skyscraper. The film evokes in vertiginous ways how the city and the cinema might reflect and fold in upon themselves beyond usual sensorial constraints and frames.

CUMA SOMA di Lee Smith (2001 7’, 16mm, muto)
Splendore cromo-fonico colto sotto un incantesimo illusorio e sbalzi di cruda luminosità e giochi di luci. Ampie graffiature e azioni Gestalt che raffigurano e sottolineano la profondità di campo, spazio e movimento cinematici mai ottenuti da un film senza macchina da presa.
Chromo-phonic splendor caught under the illusive spell and rush of raw luminosity and light play. Sweeping scratches and gestalt-like movements refigure and highlight depth of field, cinematic movement and space in ways rarely achieved within a camera-less film.

VERBFILM di Marcus Bergner (2014 6’, HD, muto)
Visioni dormienti si fissano sulle mura di questa Camera Picta, perdendosi in eufemistici angoli e antiquate fessure.
Dormant visions affix and establish themselves onto the walls of this Camera Picta, leaking into euphemistic and antiquated nooks and crannies.

SHORTS LIVES di Neil Taylor (1996, 12’, 16mm, muto)
Errori di comunicazione che generano movimento al pari delle vibrazioni comuni… un tipo di animazione en plain air che evita la rigidità del lightbox. Tutti i disegni sono eseguiti su centinaia di blocknotes tascabili in forma di appunti di viaggio.
About this experimental animation film the filmmaker states: ‘…communication errors generated motion as well as the customary vibration…. a kind of Plein Air animation that avoided the rigidity of the light box.’ All drawings are executed on hundreds of pocket size notepads over many years as traveling notes.

ROLL FILM di Neil Taylor (1998, 10’, 16mm, muto)
Ascolto/qui l’arazzo di Bayeux unisce le forze con Oskar Fischinger per ottenere rari istanti di metamorfosi e collusioni animate. Il film, cinesteticamente e graficamente mette in risalto stati di mutevolezza universali ed energia performativa che supera e trasfigura la singola imagine se percepita in un certo modo. Lo sguardo deve spostarsi e adeguarsi al costante mutamento e agli orizzonti e punti focali in movimento.
Hear/here the Bayeux Tapestry joins forces with Oskar Fischinger to bring about rare instants of animated collusion and metamorphosis. This film, kinesthetically and graphically highlights states of universal mutability and performative energy that overtakes and transfixes the singular image if perceived in a certain way. Eyes must roll and adjust to constantly shifting and traveling focal spots and horizons.


sabato 20 dicembre

h19
The Road_La Strada

RIDING FOR JESUS

Sabrina Varani
Con Pastor Paulee Curran, Anna Lisa Burke Curran, Emily Curran

Italia  2011, 56’ v.o. inglese, sott. italiano

20dic_riding-for-jesus_250

Pastor Paulee e Annalisa sono motociclisti cristiani che dopo un passato di criminalità e dipendenza da droghe, sono oggi ferventi adoratori di Gesù. Dedicano la loro vita ai poveri e agli homeless, realizzando dei programmi antidroga nelle scuole. La storia di una famiglia missionaria errante, dei moderni francescani rock che sulle loro Harley percorrono le strade degli Stati Uniti.

Pastor Paulee and Annalisa, after a past of crime and drug addiction, are now Christian motorcyclists and fervent believers in Jesus. They dedicate their lives to the poor and the homeless, implementing drug prevention programs in schools. The story of a missionary family wandering, of modern Franciscans rockers on their Harley through the United States streets.

h20
The Road_La Strada

TITUBANDA

Barbara Vey
Francia 2014, 59’, v.o. italiano, sott. Francese

titubanda_detour_250

Nelle strade di Roma, si può spesso incontrare la Titubanda: una banda di strada composta da tante persone diverse. Attraverso quest’allegra banda autogestita e sempre in movimento, si disegna il ritratto di un’altra Roma e di un’altra Italia contemporanea.

In the streets of Rome, you can often bump into the Titubanda: a street band made of many different kind of people. Thanks to this cheerful, self-managed band always on the go, you can grasp an alternative portrait of Rome and of contemporary Italy.

 —

h21.30
The Road_La Strada

TRANSEUROPAE HOTEL

Luigi Cinque
Con Pippo Delbono, Marina Rocco, Peppe Servillo
Italia/Brasile 2012 100’, Italiano/Portoghese, sott. italiano

20dic-Transeuropae-Hotel-_250

Un famoso percussionista brasiliano viene fatto sparire e trasferito per magia in una realtà parallela. Un quartetto di personaggi improbabili lo ritrova visionando immagini e viaggiando alla ricerca di un mago candomblé in grado di fornire la formula necessaria alla riapparizione. Il resto del gruppo rimane in attesa al Transeuropæ Hotel e assume senza volerlo le valenze drammaturgiche di un Coro. Pensato come un partitura da melodramma, “Transeuropæ hotel” è un road movie tra la costa occidentale della Sicilia e le favelas di Rio de Janeiro, ma soprattutto è un viaggio affascinante dentro la musica e le sue radici.

A famous percussionist is made to disappear; he is transferred through magic to a parallel reality and a quartet of four improbable characters and they find him envisioning images and travelling in search of a candomblé wizard able to furnish the necessary formula for his re-appearance. The film is a meditation on being contemporary, on maladjustment, on the value of music and poetry today, on magical and rational thought, on the conviction that other worlds are possible, on the danger we face today to disappear due to the sheer robbery of conscience.

A seguire incontro con gli autori

domenica 21 dicembre
Serata conclusiva DOTR014

h18.30
The Road_La Strada

EL IMPENETRABLE

Daniele Incalcaterra
Argentina/Francia, 2012, 95’, spagnolo/italiano/guaranì, sott. italiano

21dic_El-impenetrable_250

“Questa è la storia di un’eredità che ho ricevuto da mio padre, 5.000 ettari di foresta vergine nell’Impenetrabile. Così fu definito dagli spagnoli, all’epoca della conquista, il Chaco, la seconda foresta per estensione dopo l’Amazzonia. Arrivato in Paraguay con l’intenzione di restituire quella terra al suo popolo originario, i Guaranì, mi sono trovato in un vero far west, con terre da conquistare, indiani da sterminare, e ricchissime risorse naturali in gioco. Confrontandomi all’opposizione dei grandi latifondisti e alla corruzione dell’amministrazione paraguaiana, ho dovuto trovare una nuova soluzione per la mia terra”, Daniele Incalcaterra.

Filmmaker Daniele Incalcaterra was left 12,355 acres of land in the Chaco by his father, but when he decides, through a combination of altruism and frustration, to return his untouched land to the indigenous people, tensions begin to run high. Battling against GM soybean growers, as well as cattle ranchers and oil prospectors, Incalcaterra forms his own motley posse to help preserve this beautifully rugged piece of forest forever.

h20.00
ShortCuts_Sentieri brevi
Premiazione Concorso ShortCuts e proiezione film vincitori
Premio della giuria / Premio del pubblico / Menzioni speciali

  —

h21.00 ANTEPRIMA ROMANA
The Road_La strada

AHORA SI LLEGO!

Desiderio Sanzi
Cuba 2013, 96’, v.o. spagnola, sottotit. italiano

21dic_ahora-si-llego_250

Un road movie ambientato a Cuba, girato da Desiderio in collaborazione con l’artista cubano José Balboa e inspirato all’amicizia, l’isola e la motocicletta. Per la prima volta, Ahora si llego! introduce il genere cinematografico del road movie nel panorama cubano adottando come trama il viaggio fisicamente intrapreso dagli artisti.

The first Road Movie feature film made by the Italian artist Desiderio Sanzi together with the Cuban Balboa is inspired by friendship, the island and the motorbike. The two artists used, for the first time in Cuba, the form of the Road Movie–the cinematic genre the plot of which is developed during a trip.

A seguire incontro con il regista Desiderio Sanzi

Itinerari @Lazio
per info e prenotazioni scrivere a: cinedetour@tiscali.it / tel. 064871579 (ore serali martedì-domenica)

> 3-4 dicembre –  Scuola  Primaria Principe di Piemonte, Roma; h9.30/11 sonorizzazione favole animate a cura di P.H.A.K.E.

> 9 dicembre – Arci Spazio Biancovolta, Viterbo, h21.00 proiezione “The Land between” di D. Fedeli + Incontro Skype con il regista

> 13 dicembre – Biblioteca comunale, Montopoli di Sabina (Ri), h18.00 proiezione “Maicol jecson” di F. Calabrese e E. Audenino

> 14 dicembre – Circolo Arci la Freccia, Aprilia (Lt), ore 21.00 proiezione “Titubanda” di B. Vey

> 19 dicembre – Ass. Lo stato delle cose, Mandela (Rm), h21.00 festival animazione O!PLA; a seguire “Paradiso” di A. Negrini

> 21 dicembre – Circolo Arci la Freccia , Aprilia (Lt), h21.00 proiezione “Riding for Jesus” di S.Varani

IN COLLABORAZIONE CON

associazione Euskara / Settimana Basca O!PLA Animation Across Borders
Ogólnopolski Festiwal Polskiej Animacji

Il festival delle migrazioni
e del recupero della storia orale

logo-euskara logo_O!PLA
LampedusaInFestival

_

MEDIA PARTNERS

ASPETTANDO OGNI MALEDETTA DOMENICA RADIO CITTÀ APERTA SENTIERI SELVAGGI SCHERMAGLIE, CINEMA INOLTRE
banner-Aomd radio-città-aperta logo_ss
logoschermaglie

 —

CINE DETOUR

LOGOTONDO_ombra

Cinema | Corsi e laboratori | Esposizioni | attività per bambini | Cinebar | Musica | Video d’arte | Teatro | Produzione Distribuzione Editoria indipendente

Associazione Culturale Detour – Via Urbana 107 Roma www.cinedetour.itcinedetour@tiscali.it

Tutti i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano

Art-house cinema in Downtown Rome since 1997. All movies are screened in their original languages with italian or english subtitles

Cineclub Detour è affiliato all’ARCI-UCCA e alla FICC (Federazione Italiana Circoli Cinema)

Sostienici / Support Us

Seguici su / Follow us on: